Il conto corrente di base arriva sul serio. Per legge.          

A
A
A

Dopo oltre cinque anni di esistenza solo sulla carta, è stato l’obbligo di legge per far davvero mettere a disposizione della clientela un conto con operatività e costi limitati.

Marco Muffato di Marco Muffato3 ottobre 2017 | 08:20

Domanda. Un mio cliente fa pochissime operazioni e non vuole pagare i costi di un conto corrente normale. Cosa posso suggerirgli, dato che sinceramente non ho un conto corrente di base da offrire?

G.F., Roma

Risposta. Adesso il conto corrente di base lo avrà per forza anche il nostro lettore cf. Un decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 25 giugno ha infatti recepito la Direttiva UE denominata Pad (Payment Account Directive) e ha introdotto norme per il conto base, la comparabilità dei costi e il controllo delle spese dei conti già aperti attraverso una maggiore trasparenza informativa.  Si tratta dello stesso decreto che ha finalmente attuatoSportello Advisory il Decreto Legge 3/2015 di cui abbiamo scritto (leggi qui in relazione al trasloco dei conti correnti e dei dossier titoli. Alcuni contenuti della Direttiva erano già esistenti in Italia, ed anzi sono stati usati nella stesura della Direttiva UE. Il conto corrente bancario di base, istituito addirittura nel 2012 (e el tempo c’erano stati numerosi tentativi, anche assai prima) ma in realtà sconosciuto per l’ovvio comportamento delle banche di nasconderlo al pubblico, è stato ora inserito quale vero e proprio obbligo a carico degli istituti previsto dal Testo Unico Bancario. La decorrenza dell’obbligo è il prossimo 14 ottobre. Tutti glli intermediari dovranno obbligatoriamente prevedere il conto di base nella loro offerta alla clientela, e dovrà essere previsto un numero predefinito di operazioni annue a fronte di un canone omnicomprensivo. L’ammontare del canone dovrà essere “ragionevole” (su tale termine è ovvio ci sarà battaglia) mentre ad alcune categorie svantaggiate che saranno a breve individuate il conto dovrà essere offerto senza spesa alcuna. La versione 2012 lo prevedeva per soggetti con reddito ISEE annuo inferiore a 8.000 euro e per pensioni fino a 18.000 euro annui lordi inclusa la tredicesima o eventuali mensilità aggiuntive. L’obbligo del conto di base viene accompagnato dall’aumento della possibilità di confrontare le offerte ed i costi dei prodotti. È infatti sancito l’obbligo per gli istituti di partecipare ad uno o più siti web costituiti da associazioni di categoria o da associazioni di consumatori. La piena operatività di tale norma si raggiungerà all’inizio del prossimo anno.

Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn7Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Vittima del phishing? Diritto al risarcimento solo in un caso

Credito al consumo, paga le rate ma non riceve servizi. Che fare?

Vecchi buoni postali, allo studio un archivio digitale

Rimborso a chi estingue in anticipo anche per le polizze sui mutui

Successione del c/c, serve la volontà di tutti gli eredi

Acf e Abf, stop ai ricorsi sulle ex popolari venete

Farsi pagare l’assegno in banca? Il documento d’identità non basta

Risarcimento subordinati Mps: un’offerta da accettare al volo

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Interessi sui mutui: quando la banca rischia l’usura

Mps: bond subordinati convertiti in azioni, ristoro solo per il bond ‘Antonveneta’

Rimborso dei buoni fruttiferi postali, il nodo dei co-intestatari

Richiesta antichi estratti conto negata al cliente, ma la banca ha torto

Buoni senza info sul termine? Tema caldissimo per l’Abf

Donazioni, quando le polizze vita si fanno preferire

Bond subordinati ai clienti, la Consob è responsabile?

Trasloco c/c e deposito titoli in 12 giorni: arrivano le sanzioni

Bonifici con Iban errato: ABF punisce l’errore e il cliente si rivolge al giudice

L’azienda non versa i contributi al fondo pensione. Cosa fare?

Banca di Credito Popolare, azionisti in allarme per il valore dei titoli

Un film la doppia tassazione sui beneficiari di buoni postali residenti all’estero

Gestione in famiglia abusiva, attenti alla caccia alle streghe

Broker (abusivi) del Forex, o perdi o vinci i soldi non li vedi più.

Lo strano mutuo Abbey National. Che grana per i clienti Unicredit

Nasce il sistema informativo sui morosi della telefonia

La dichiarazione di successione in banca? Per il Garante la richiesta non lede la privacy

Ricerchi una polizza? Il risultato non è sicuro e l’Ivass vuole vederci chiaro

Equalizzatore fiscale, quel mostro che a volte ritorna

Gli assegni smarriti possono essere protestati: meglio chiederne il sequestro

Salvataggi: i conti di deposito rimborsati meno velocemente dei conti correnti

Niente paura, la firma biometrica è sicura

Libretti delle Coop, troppi rischi rispetto ai vantaggi

Ti può anche interessare

Fineco, raccolta col vento in poppa

Flussi netti positivi per 456 milioni di euro a giugno per la banca guidata da Alessandro Foti e su ...

Eurovita Assicurazioni riceve la certificazione Iso 9001

La certificazione è stata assegnata per le attività di progettazione ed erogazione di corsi di for ...

Motta (Directa): “I nostri servizi per i consulenti finanziari”

Il direttore commerciale della società torinese spiega il funzionamento di alcune applicazioni per ...