Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

A
A
A

Il ceo commenta anche la vendita dello 0,95% del capitale da parte della Compagnia di San Paolo, così come previsto dal protocollo Acri-Mef.

di Redazione11 ottobre 2017 | 08:57

“Considero una priorità assoluta la riduzione di npl ed è quello che stiamo facendo, li stiamo riducendo dimostrando che è Carlo Messinapossibile recuperare. Noi entro due anni torneremo a livelli pre-crisi”. Lo sottolinea il ceo di Intesa Sanpaolo Carlo Messina (a destra, in una foto di archivio) in un suo intervento a Vicenza martedì 10 ottobre. “La permanenza di npl come criterio la considero però una forzatura perché se hai la possibilità di recuperare non vedo perché si debba restare dentro un criterio rigido di 2 o 7 anni. Su questo documento francamente ci sono alcuni punti di attenzione ed elementi su cui mi sento di dissentire”, spiega. “L’obiettivo della contrazione degli npl è assolutamente corretto e le richieste sono sacrosante. Quello che secondo me richiede un correttivo è questa meccanicità nella definizione dei valori, che è una regola grossolana”, dichiara Messina riferendosi alle stringenti regole della Bce sui crediti non performing.

Messina commenta anche la vendita dello 0,95% del capitale da parte della Compagnia di San Paolo, così come previsto dal protocollo Acri-Mef, che impone alle Fondazioni di ridurre l’esposizione a singoli investimenti. “In un momento in cui questo Paese sta perdendo i suoi campioni nazionali, trovate corretto che si chieda a delle Fondazioni di dismettere le loro azioni in un’azienda secondo il principio che non può essere concentrato più del 30% del patrimonio in un asset? È una regola che andava bene per Mps, ma forse bisognerebbe valutare anche che, se questa azienda è una delle più redditizie d’Europa e difficilmente le Fondazioni potranno trovare investimenti con ritorni maggiori, allora forse posporre il tempo in cui si chiedono questi interventi lo avrei trovato ragionevole”.

“Parlo da italiano e non da a.d. di Intesa“, aggiunge, “anche perché credo che rimarranno comunque azionisti importanti. Le Fondazioni hanno garantito a questa banca di avere un percorso di sviluppo e hanno sempre sostenuto le scelte del management. In questo Paese”, dice ancora Messina, “sottovalutiamo quanto sia strategico il mantenimento di noccioli duri italiani e devo riconoscere il valore strategico della presenza di azionisti come le Fondazioni nel capitale di Intesa Sanpaolo. Non vorrei mai”, conclude, “che tra qualche anno dovessimo trovarci alle prese con la messa a punto di golden power nel settore bancario”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn7Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Mifid 2 e Banca Generali, pioggia di lodi dagli analisti

Dopo la presentazione di ieri a Londra delle strategie adottate in vista della direttiva europea, la ...

Consulenti finanziari, training class: cosa sapete delle modifiche contrattuali?

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito dei servizi di liquidazione, era quella ...

Banco BPM riorganizza la rete commerciale

Le linee guida, spiega una nota, prevedono un riassetto del retail attraverso un nuovo modello organ ...