Farsi pagare l’assegno in banca? Il documento d’identità non basta

A
A
A
Marco Muffato di Marco Muffato13 ottobre 2017 | 11:05

Un cliente si è recato in un’agenzia bancaria per incassare un assegno a lui intestato, ma gli hanno opposto mille resistenze. Non basta farsi identificare

C. I., Roma

La questione non è semplice come il lettore ipotizza. Gli istituti hanno il dovere di attrezzarsi per limitare le frodi. Specie quando si tratta
 assegni dove c’è un rapporto diretto tra banca e cliente che lo emette. C’è una giurisprudenza assodata che prevede come l’obbligazione a pagare della
 banca sussista unicamente nei confronti del proprio cliente perché scaturisce dal rapporto di provvista e dalla convenzione di assegno.
 Il beneficiario di un assegno non può quindi vantare l’esistenza di un’obbligazione cambiaria in suo favore. La banca è tenuta a eseguire il pagamento su ordine e per conto del cliente che lo ha emesso e non di chi lo riceve. Di qui la mancanza di un diritto del portatore dell’assegno sulla provvista e di un obbligo cambiario dello sportello. Anche la Cassazione (per esempio: 5 agosto 1974, n. 7307; 14 marzo 1997, n. 2303;
18 agosto 1997, n. 7658) obbliga la banca a identi care il cliente mediante le cautele suggerite dalle circostanze del caso concreto,con particolare riferimento al luogo del pagamento, alla persona del presentatore, all’importo
e alla natura del documento.
 Di conseguenza in caso di negoziazione di titoli di non irrilevante valore, l’identificazione va effettuata per conoscenza personale o con l’intervento di 
un notaio. Ciò per adempiere all’obbligazione senza colpa grave. Infatti l’articolo 1992 del Codice civile dispone che il debitore è liberato dalla sua obbligazione
 se adempie la prestazione nei confronti del possessore di un titolo di credito senza colpa
 grave. Per non incorrere in tale responsabilità, la banca è tenuta
 alla verifica dell’integrità fisica
 del titolo e alla identificazione del possessore presentatore del titolo di credito o per conoscenza personale o con l’intervento di un notaio. Non è sufficiente il documento di identificazione.

 


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Domanda.Una mia cliente lamenta la periodicità diventata trimestrale dell’estratto conto del ...

Banca Generali, il miglior semestre della storia

L'utile netto nel primo semestre è stato di 108,1 milioni di euro, in aumento del 61% rispetto allo ...

Personal branding: Fineco punta su LinkedIn

Fineco sta affiancando la propria rete di personal financial advisor, fornendo linee guida per migli ...