McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

A
A
A

Il quotidiano Mf riassume un report della nota società di consulenza che parla di “rinascita” degli istituti di credito”. Ma sul digitale c’è ancora molta strada da compiere.

Andrea Telara di Andrea Telara31 ottobre 2017 | 09:46

E’ uscito un report di McKinsey sul settore bancario mondiale con molte note di ottimismo. Come racconta il quotidiano Mf, che ha dedicato un ampio servizio allo studio della nota società di consulenza, gli istituti di credito sono “rinati” grazie a una ritrovata solidità. Tuttavia, il Roe (return on equity) cioè il coefficiente che misura redditività del capitale, è ben lontano dai livelli del 2007. In tutto il mondo, secondo McKinsey, le banche devono investire in competenze digitali, sia per quel che riguarda il marketing che nelle attività di analisi dei clienti. Se questa strategia fosse adottata con convinzione, secondo McKinsey, i ricavi dell’intero settore creditizio salirebbero di almeno 350 miliardi di dollari.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Consulenti e Enasarco, focus sulle prestazioni integrative 2018

Il nuovo programma rilancia i servizi, già avviati durante il 2017 ...

Investimento in diamanti, campanello d’allarme anche in Belgio

Le autorità di vigilanza di Bruxelles mettono in guardia dalle insidie degli investimenti in pietre ...

Reti, raccolta ancora tonica

Nel primo mese dell’anno le associate ad Assoreti hanno registrato flussi netti positivi per 2,5 m ...