Consulenti, quante tasse pagano in America

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi1 dicembre 2017 | 15:20

Anche i financial advisor statunitensi devono ogni anno fare i conti con il fisco: negli Usa le aliquote variano da un minimo del 10% a un massimo del 39,6% a seconda del reddito (da 18.650 a oltre 470.700 dollari annui) e dello status (sposato, celibe, capofamiglia, trust) del contribuente. Chi è titolare della propria società è equiparato a un proprietario di piccola impresa (purché il patrimonio dell’azienda non superi i 10 milioni di dollari). Molti financial advisor, per ottimizzare il carico fiscale, dividono le loro attività in più entità di diversa forma giuridica, in parte pagandosi una retribuzione (assoggettata a tassazione sul reddito personale) e in parte lasciando che il reddito sia tassato come reddito d’impresa. Tra le spese standard con detrazione del reddito ci sono i costi di marketing e pubblicità, i telefoni (anche cellulari) aziendali,

gli affitti, le utenze, i salari dei dipendenti anche temporanei della propria società, le assicurazioni sulla vita e sulla salute e le mutue sanitarie, oltre alle classiche spese per copisteria e per l’arredamento degli uffici e ai contributi al fondo pensione. In più molti financial advisor possono detrarre costi specifici come quelli addebitati dai broker-dealer con cui si lavora (per esempio le commissioni di mantenimento o le amministrative addebitate spesso su base annua agli advisor dipendenti) e i costi legati alle piattaforme di trading.

Ci sono poi i costi legati all’uso di programmi di financial planning (che costano migliaia di dollari e vanno aggiornati ogni anno) e all’aggiornamento professionale (ottenimento e mantenimento di certificazioni ad hoc come
Cfp, Clu o ChFc). I financial advisor dichiarano il proprio reddito utilizzando gli stessi moduli degli altri proprietari di piccole imprese: chi è proprietario unico riporta tutti i redditi e costi d’impresa sulla Schedule C, chi è in società con altri colleghi compila i moduli Partnership o Corporate Tax. Se i financial advisor lavorano come dipendenti, devono indicare le spese non rimborsate legate alla propria attività sul Form 2106, tenendo presente che spese
come l’acquisto di arredi possono essere detratte nell’anno in cui sono state sostenute indicandole nella Section 179 della dichiarazione dei redditi.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn3Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, come conquistare la clientela

Consulenti, radiato un ex Consultinvest e Banca Generali

Consulenti, stipendi super in America

Cf e Mifid 2, cosa cambia nel rapporto con i clienti

Fideuram, 10 ingressi per 2 regioni

Consob, radiazione nel milanese

Banco Desio, consulenti al via

Fidelity Winter Roadshow, è tempo di debutto

Mifid 2, anche Capezzone dice la sua

Ex Sanpaolo Invest, prima sospeso poi radiato

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Lettera di M.Locorotondo e M.Sardo alla redazione di Bluerating

Azimut: missione compiuta (con due anni d’anticipo)

Consulenti e Enasarco, focus sulle prestazioni integrative 2018

Kafka e l’albo dei consulenti autonomi, Locorotondo risponde a Bluerating

Tutto quello che avreste voluto sapere sui costi di Mifid 2 (ma non avete mai osato chiedere)

Mifid 2 e Priips, the final countdown

Un signore e un albo dei consulenti che non esiste

Consulenti: Consob pubblica il nuovo Regolamento Mercati, in attesa del passaggio all’Ocf

Fidelity Winter Roadshow, gli appuntamenti per il nuovo anno

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Intesa Sanpaolo assume 500 consulenti (a metà)

Consulenti, come imparare dai propri errori

Mediolanum fa 100 nel reclutamento

Reti, quante commissioni incassano i cf

Consulenti, come usare bene Instagram

Esame per l’Albo unico dei cf, ecco date e scadenze per il 2018

Federpromm, parte la campagna di tesseramento: i temi caldi per il 2018

Anima, arrivano il nuovo amministratore e la delega per l’aumento di capitale

Consulente indagato, arriva la sospensione cautelare

Scf e consulenti autonomi, un aiuto concreto in vista dell’Albo

Consulenza fiscale: partecipazioni qualificate e non, il dilemma dei dividendi esteri

Ti può anche interessare

Banca Generali, la raccolta supera i 4 miliardi

La società guidata da Gian Maria Mossa ha registrato nel mese scorso flussi positivi per 481 milion ...

Efpa Italia, il programma del meeting 2017

Il 12 e il 13 ottobre appuntamento al Lido di Venezia ...

Reti, nuovo record per il patrimonio

A marzo, gli asset complessivi gestiti dalle reti dei consulenti finanziari abilitati all'offerta f ...