Poste Italiane, rilancio della raccolta dei Buoni fruttiferi

A
A
A

Secondo il quotidiano Mf, la Cassa Depositi e Prestiti sui accinge a rinnovare l’accordo di distribuzione dei Bfp, con nuovi obiettivi di raccolta.

Andrea Telara di Andrea Telara14 dicembre 2017 | 09:54

La vecchia convenzione scadrà nel 2018. Per questo la Cassa Depositi e Prestiti sta per ridiscutere con Poste Italiane le condizioni per la distribuzione dei Buoni Fruttiferi Postali e Libretti Postali, prodotti finanziari che il gruppo guidato da Matteo del Fante vende in esclusiva nei propri sportelli, ricavando circa 1 miliardo di euro all’anno di commissioni. A rivelarlo è il quotidiano Mf che parla di un rilancio della raccolta e una ridefinizione degli obiettivi di raccolta. I Buoni e Libretti Postali, nonostante il forte calo dei tassi d’interesse, rappresentano ancora quali l’8% delle attività finanziarie delle famiglie. A fine 2016, gli asset totali investiti nei soli Buoni Fruttiferi Postali erano pari a 204 miliardi di euro, 2 miliardi in meno rispetto ai 12 mesi precedenti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Poste punta su raccolta e risparmio gestito

Poste Italiane rinnova l’offerta di Libretti e Buoni Fruttiferi

Telecom Italia vs Enel, si accende lo scontro sul futuro della rete italiana

Ti può anche interessare

UniCredit, balzo dell’utile nei primi 9 mesi

L’a.d. Mustier: “il nostro piano Transform 2019 sta generando risultati” ...

Le donne d’oro, Mosca (Fineco): “Relazioni di qualità con il cliente”

Per lo speciale di Bluerating dedicato alle donne della consulenza finanziaria, ospitiamo oggi l’i ...

Consob: anche all’estero occhio alle società non autorizzate

Una lista delle società e dei siti web che stanno offrendo servizi di investimento, finanziari e as ...