Poste Italiane, rilancio della raccolta dei Buoni fruttiferi

A
A
A

Secondo il quotidiano Mf, la Cassa Depositi e Prestiti sui accinge a rinnovare l’accordo di distribuzione dei Bfp, con nuovi obiettivi di raccolta.

Andrea Telara di Andrea Telara14 dicembre 2017 | 09:54

La vecchia convenzione scadrà nel 2018. Per questo la Cassa Depositi e Prestiti sta per ridiscutere con Poste Italiane le condizioni per la distribuzione dei Buoni Fruttiferi Postali e Libretti Postali, prodotti finanziari che il gruppo guidato da Matteo del Fante vende in esclusiva nei propri sportelli, ricavando circa 1 miliardo di euro all’anno di commissioni. A rivelarlo è il quotidiano Mf che parla di un rilancio della raccolta e una ridefinizione degli obiettivi di raccolta. I Buoni e Libretti Postali, nonostante il forte calo dei tassi d’interesse, rappresentano ancora quali l’8% delle attività finanziarie delle famiglie. A fine 2016, gli asset totali investiti nei soli Buoni Fruttiferi Postali erano pari a 204 miliardi di euro, 2 miliardi in meno rispetto ai 12 mesi precedenti.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Poste punta su raccolta e risparmio gestito

Poste Italiane rinnova l’offerta di Libretti e Buoni Fruttiferi

Telecom Italia vs Enel, si accende lo scontro sul futuro della rete italiana

Ti può anche interessare

Sanpaolo Invest fa faville

Ottimo 2016 per la controllata di Fideuram Ispb: salgono utile, margine d’intermediazione ed ebit. ...

Ubs, utile col vento in poppa nel primo trimestre

Il gruppo elvetico ha realizzato profitti per 1,3 miliardi di franchi svizzeri tra gennaio e marzo d ...

Copem Group sbarca ad Anversa

La nuova apertura rientra nell'obiettivo di conquistare un ruolo sempre più di rilievo nel settore ...