Consulente, sei incompetente per Mifid2?

A
A
A

Per Mifid 2 non hai i requisiti di competenza necessari per prestare consulenza se…

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti31 gennaio 2018 | 10:04

Dopo il clamore suscitato dal pezzo Mifid 2, le banche in ritardo nell’applicarla la redazione di Bluerating ha deciso di fare il punto pratico sulle rinnovate richieste in materia di conoscenza e competenza volute dalla Mifid2.
In prima battuta bisogna dire che l’obiettivo della Mifid 2, in linea di continuità con quanto previsto dalla Mifid1, è quello di garantire un ulteriore rafforzamento dei presidi di tutela per gli investitori non solo attraverso regole più stringenti e con più ampio ambito di applicazione, ma anche tramite l’introduzione di specifiche previsioni in tema di requisiti di conoscenza e competenza del personale degli intermediari

Ma come si traduce questo “politichese” in indicazioni pratiche? Abbiamo provato a fare un giochino, individuando i casi in cui un professionista non è in grado di fornire il servizio di consulenza, ovvero non possiede le competenze in materia (secondo Mifid 2). Per farlo abbiamo osservato quanto indicato dal nuovo Regolamento Intermediari Consob dall’art 59-sexies all’art.59-novies che disciplina nel dettaglio i requisiti che il personale coinvolto in tali attività è tenuto a soddisfare.

Per Mifid 2 sei incompetente (non hai quindi i requisiti necessari per prestare consulenza) se…(procediamo con delle valutazioni sequenziali):

1 Non possiedi l’iscrizione, anche di diritto, all’albo dei consulenti finanziari o non hai superato l’esame previsto ai fini di tale iscrizione e, in entrambi i casi, non hai almeno 12 mesi di esperienza professionale (in aree professionali attinenti alle materie individuate dal punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886 ).

e inoltre…

2 Non possiedi  un diploma di laurea, almeno triennale, in discipline economiche, giuridiche, bancarie o assicurative, rilasciato da un’università riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, o un titolo di studio estero equipollente, e almeno 12 mesi di esperienza professionale (in aree professionali attinenti alle materie individuate dal punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886 )

e inoltre…

3 Non possiedi un diploma di laurea in discipline diverse da quelle indicate al punto 2, rilasciato da una Università riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, integrato da un master post-lauream in discipline economiche, giuridiche o finanziarie o un titolo di studio equipollente, e almeno 12 mesi di esperienza professionale (in aree professionali attinenti alle materie individuate dal punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886 )

e inoltre…

4 Non possiedi diploma di laurea, almeno triennale, in discipline diverse da quelle indicate al punto 2, rilasciato da una Università riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, o un titolo di studio estero equipollente, e almeno 2 anni di esperienza professionale (in aree professionali attinenti alle materie individuate dal punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886. Il requisito professionale è dimezzato qualora l’interessato attesti di avere acquisito, mediante una formazione professionale specifica, conoscenze teorico pratiche nelle materie individuate al punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886 )

e inoltre…

5 Non possiedi diploma di istruzione secondaria superiore e almeno 4 anni di esperienza professionale (in aree professionali attinenti alle materie individuate dal punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886. Il requisito professionale è dimezzato qualora l’interessato attesti di avere acquisito, mediante una formazione professionale specifica, conoscenze teorico pratiche nelle materie individuate al punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886 )

e inoltre…

6 Non possiedi almeno un diploma di scuola secondaria di primo grado e, alla data 2/1/2018, un’esperienza professionale documentata, pertinente e adeguata rispetto all’attività da svolgere, maturata anche presso più intermediari, pari a dieci anni decorrenti dall’1 novembre 2007

e inoltre

7 Non possiedi almeno un diploma di scuola secondaria di primo grado e, alla data 2/1/2018, un’esperienza professionale documentata, pertinente e adeguata rispetto all’attività da svolgere, maturata anche presso più intermediari, pari ad almeno otto anni nel periodo di tempo compreso tra l’1/11/2007 e il 2/1/2018 e un’integrazione con un periodo di supervisione fino al raggiungimento dei dieci anni.

Se invece spostiamo l’attenzione sulla semplice offerta di informazioni, valgono i ragionamenti precedenti con la sola differenza che risulta dimezzata la durata temporale dell’esperienza professionale richiesta; tuttavia l’esperienza lavorativa idonea a dimostrare la capacità di fornire informazioni ai clienti, è maturata nel decennio precedente l’inizio di tale attività e almeno la metà di tale esperienza lavorativa deve essere maturata nel triennio precedente l’inizio dell’attività.

Noi i mezzi di valutazione ve li abbiamo forniti, non vi resta che farci sapere nei commenti se vi siete salvati, o meno, dalla “scure” delle competenze di Mifid 2.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

2 commenti

  • raimondo rossi says:

    Salve,
    potreste cortesemente dirmi dove avete ritrovato questo requisito?
    Il Regolamento Intermediari in consultazione arriva fino ll’associazione diploma di scuola secondaria di primo grado + 10 anni di esperienza (senza possibilità di supervisor).
    “Non possiedi almeno un diploma di scuola secondaria di primo grado e, alla data 2/1/2018, un’esperienza professionale documentata, pertinente e adeguata rispetto all’attività da svolgere, maturata anche presso più intermediari, pari ad almeno otto anni nel periodo di tempo compreso tra l’1/11/2007 e il 2/1/2018 e un’integrazione con un periodo di supervisione fino al raggiungimento dei dieci anni.”

    Grazie mille

  • Matteo Chiamenti Matteo Chiamenti says:

    Buongiorno,
    i requisiti citati sono stati indicati da Consob durante un corso di formazione dello scorso gennaio 2018 dedicato al rafforzamento delle tutele dei piccoli investitori alla luce delle nuove normative europee in applicazione da gennaio 2018 (Mifid2 – Priips). Il riferimento che Consob ha contestualmente indicato è l’art.59-novies del nuovo RI – Disposizioni finali. Il Regolamento Intermediari non è stato ancora pubblicato interamente, attendiamo la versione finale che comunque dovrebbe confermare quanto indicato. Grazie mille!

ARTICOLI CORRELATI

5 buoni motivi per iscriversi a Investments on the road

Cassa di Risparmio di Asti, porte aperte ai giovani

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

SGSS si conferma banca depositaria per Inarcassa

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Santander, eccellenza nella gestione delle risorse umane

Banca del Piemonte dirige la sua nuova Orchestra

Intesa e Altis a braccetto con gli imprenditori del futuro

Bce, il QE ci lascia in autunno. Forse

Private, Credit Suisse perde Riccucci

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Ti può anche interessare

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le informazioni ai clienti

La risposta esatta alla domanda pubblicata venerdì, a proposito delle società per azioni, era quel ...

Fineco: raccolta netta solida, in crescita masse e clienti

Il cda ha approvato i risultati al 30 settembre 2017. Foti: ci aspettiamo dei trend in ulteriore mig ...

Mutui in ripresa, cresce l’importo medio

I risultati dell’osservatorio congiunto da Facile.it e Mutui.it ...