Assoreti: 2017 da record per la produzione

A
A
A

Nell’anno appena trascorso la raccolta netta complessiva, con 39,2 miliardi di euro e un incremento pari al 18,9% rispetto all’anno precedente, è risultata la più alta mai rilevata da Assoreti. A dicembre la raccolta è cresciuta dell’83,4% rispetto a novembre.

Chiara Merico di Chiara Merico1 febbraio 2018 | 14:52

ANNO RECORD PER LE RETI – Il 2017 si è chiuso con un bilancio record per le reti di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede: la raccolta netta complessiva, con 39,2 miliardi di euro e un incremento pari al 18,9% rispetto all’anno precedente, è risultata la più alta mai rilevata da Assoreti. Le scelte di investimento, nel corso dell’anno, hanno fortemente privilegiato i prodotti del risparmio gestito, con risorse nette pari a 35 miliardi di euro e una crescita dell’89,5% rispetto al 2016, mentre il saldo complessivo delle movimentazioni sui prodotti in regime amministrato, positivo per 4,2 miliardi di euro, ha subito una consistente flessione (14,5 miliardi nel 2016). Nell’ambito del risparmio gestito, spiega la nota di Assoreti, si evidenzia la prevalenza e la crescita congiunturale degli investimenti netti effettuati direttamente in quote di Oicr: la raccolta realizzata sulle gestioni collettive ammonta a 18,8 miliardi di euro (3,3 miliardi nel 2016) e rappresenta il 53,8% dei volumi netti riscontrati nel comparto. Le risorse si concentrano sugli Oicr  aperti domiciliati all’estero, con volumi netti pari a 15,5 miliardi di euro, mentre il bilancio annuale sui fondi aperti di diritto italiano è positivo per 3,1 miliardi.

BENE LE GESTIONI PATRIMONIALI INDIVIDUALI – In crescita anche il risultato di raccolta realizzato sulle gestioni patrimoniali individuali, con investimenti complessivi per 4,2 miliardi di euro (+79,7% rispetto al 2016). In particolare le risorse confluite sulle Gpf ammontano a 2,7 miliardi di euro (+93,4%), mentre i volumi netti di investimento sulle Gpm sono pari a 1,5 miliardi di euro (+59,4%). La valorizzazione dei premi netti versati, nel corso dell’anno, sui prodotti assicurativi/previdenziali è pari a circa 12 miliardi di euro (-6,8% rispetto al 2016). Di questi, 5,4 miliardi sono investiti in unit linked, 4,6 miliardi in polizze multi-ramo e 1,2 miliardi in prodotti vita tradizionali, mentre per le index linked il bilancio è negativo per 182 milioni di euro. Nel 2017 le risorse nette confluite al sistema di Oicr aperti, attraverso l’attività svolta dalle reti, risulta, quindi, pari a 31,7 miliardi di euro, rappresentando il 41,3% degli investimenti netti complessivi effettuati sulle gestioni collettive aperte (76,7 miliardi di euro). Il saldo delle movimentazioni sugli strumenti finanziari in regime amministrato è negativo per 33 milioni di euro: i dati ripartiti evidenziano la prevalenza degli ordinativi di acquisto sui titoli azionari (3,1 miliardi) e sulla famiglia degli Etp (671 milioni di euro), mentre prevalgono i disinvestimenti sui titoli di Stato (-1,1 miliardi), sulle obbligazioni (-1,7 miliardi) e sui certificates (-1,9 miliardi). La raccolta annuale di liquidità è positiva per quasi 4,2 miliardi di euro. A fine anno i clienti primi intestatari dei contratti salgono a 4,049 milioni (+4,3% rispetto a fine 2016). Il numero di consulenti finanziari abilitati all’o.f.s. con mandato dalle società rientranti nell’indagine dell’Assoreti è pari a 22.437 unità (24.976 unità per l’intera compagine – dato stimato); di questi, 22.127 unità risultano effettivamente operative (con portafoglio > 0).

DICEMBRE COL SEGNO PIU’ – A dicembre, il dato rilevato da Assoreti indica una raccolta netta positiva per le reti di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede pari a 3,9 miliardi di euro, con un incremento dell’83,4% rispetto al risultato del mese precedente. La ripartizione per macro comparti conferma la prevalenza degli investimenti sul risparmio gestito, sul quale si registrano volumi di raccolta pari a 3,6 miliardi di euro (+19,2% rispetto a novembre). Positivo anche il bilancio mensile sul comparto amministrato (360 milioni di euro), grazie alla raccolta di liquidità (978 milioni di euro), agli investimenti netti in titoli azionari (145 milioni), in titoli di Stato (73 milioni) ed in exchange traded products (45 milioni), in grado di compensare, nel loro insieme, le vendite effettuate sugli altri strumenti finanziari in regime amministrato. Nell’ambito del risparmio gestito, la raccolta netta realizzata attraverso la distribuzione diretta di quote di Oicr è complessivamente positiva per quasi 1,6 miliardi di euro, con un incremento congiunturale del 9,7%. Gli investimenti coinvolgono principalmente le gestioni collettive aperte di diritto estero (1,3 miliardi di euro), mentre il saldo delle movimentazioni sugli Oicr di diritto italiano è positivo per 319 milioni. In crescita anche il comparto assicurativo/previdenziale, con premi netti pari a 1,6 miliardi di euro (+41,9% rispetto a novembre), mentre gli investimenti sulle gestioni patrimoniali individuali registrano una flessione congiunturale dell’11,2% con volumi netti positivi per 362 milioni di euro. Il contributo complessivo delle reti al sistema degli Oicr aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, ammonta, pertanto, a 3,2 miliardi di euro e rappresenta il 60,0% delle risorse nette totali confluite nel sistema fondi (5,4 miliardi di euro).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Assoreti: il patrimonio dei clienti supera i 518 miliardi

ConsulenTia18/Tofanelli (Assoreti): “Reti, cogliete l’attimo”

Assoreti, raccolta in frenata a novembre. Bene il gestito

Reti, a ottobre riparte la raccolta

Reti, nuovo record per il patrimonio

Reti, raccolta positiva ma in frenata

Reti, agosto da record per la raccolta

Reti, fondi e polizze trainano la raccolta

Tofanelli (Assoreti e Ocf): “Il 30 bis? Vigilanza più difficile ma nei tempi giusti”

Reti, il patrimonio sfiora i 500 miliardi

Reti, raccolta positiva ma in frenata

Reti, raccolta boom grazie a fondi e polizze

Regole Esma, la classificazione della clientela è il tallone d’Achille

Assoreti, fondi e polizze trainano la raccolta di aprile

Colafrancesco (Assoreti): “Puntiamo sulla relazione professionale”

Senatore Marino: vi spiego la cabina di regia sull’educazione finanziaria

Reti, nuovo record per il patrimonio

Consulenti, Mifid 2 al meeting dei big boss

Fideuram ISPB frantuma ogni record: 1,5 mld di gestito a marzo

Assoreti: raccolta sprint a marzo grazie al gestito

Consulenti, grande meeting dei big boss

Assoreti, la raccolta dei cf accelera a febbraio

Assoreti: confermato Colafrancesco, Doris e Foti vicepresidenti

Colafrancesco (Assoreti): “Il cf, una professione attraente per i giovani”

Tofanelli (Assoreti): “Universitari necessari per il futuro dei cf”

Reti, parte bene il 2017. Raccolta di 2,3 miliardi a gennaio

Reti, altro record per il patrimonio

Reti, ottima la raccolta nel 2016 ma non batte il record

Assoreti, frena la raccolta a novembre

Assoreti, cinque borse di studio a Tor Vergata

Fideuram leader di ottobre, Banca Generali a tavoletta nel gestito

Assoreti, nuovo record per il patrimonio

Assoreti punta sulla formazione e assegna le borse di studio

Ti può anche interessare

Bufi (Anasf): cara Consob, chiariamo l’ambito di attività di autonomi e scf

Ampio parere di Anasf sulle modifiche al Regolamento Intermediari. Il presidente Bufi annuncia: per ...

Investire nelle pmi, Mediolanum a tutto campo sui Pir

Questa settimana doppio appuntamento con Mediolanum dedicato ai Pir, i Piani individuali di risparmi ...

Fineco si rafforza a Mantova e Asiago

La struttura dell’area manager Ottavio Corali accoglie due professionisti. ...