Da Credem mezzo miliardo alle imprese italiane

A
A
A

Il terzo rinnovo di InnovFin rientra nell’ambito dell’edizione 2.0 del Piano Juncker, ovvero il recente rifinanziamento ed estensione al 2020 del Piano di Investimenti per l’Europa.

Chiara Merico di Chiara Merico16 aprile 2018 | 11:42

L’ACCORDO – Credem, con l’obiettivo di proseguire nella strategia di sostegno al tessuto economico nazionale, ha recentemente rinnovato per la terza volta l’accordo di garanzia InnovFin con il Fondo Europeo per gli Investimenti (Fei) – Gruppo Banca europea per gli Investimenti (BEI) – che permetterà di mettere a disposizione delle imprese italiane 200 milioni di euro nei prossimi due anni per finanziare progetti di innovazione. Sarà quindi pari a circa mezzo miliardo di euro il volume dei nuovi finanziamenti che Credem prevede di erogare entro il 2019 alle imprese italiane grazie ad InnovFin 3 e al proseguimento del secondo plafond dello strumento di garanzia COSME (rinnovato a giugno 2017), entrambe iniziative correlate al Piano Juncker dell’Unione Europea. Il gruppo Credem, che nel 2017 ha aumentato i prestiti a privati ed imprese del 4,4% a/a, si conferma l’istituto italiano che gestisce, come intermediario finanziario, il maggior volume di garanzie dirette messe a disposizione dal FEI a supporto dei prestiti erogati alle imprese italiane. In particolare, le quote di portafoglio per gli strumenti COSME ed InnovFin a garanzia diretta gestite da Credem, sono complessivamente circa il 25% del totale oggi attivo a livello italiano. Complessivamente quindi, con questo rinnovo, gli accordi sviluppati negli ultimi quattro anni da Credem con il Fondo europeo per gli Investimenti con gli strumenti RSI, InnovFin e COSME diventano sei, per un ammontare cumulativo di 1,65 miliardi di euro. Di tale ammontare sono stati ad oggi erogati alle imprese oltre 1,15 miliardi di euro, pari a circa 23 mila finanziamenti. In particolare, il terzo rinnovo di InnovFin rientra nell’ambito dell’edizione 2.0 del Piano Juncker, ovvero il recente rifinanziamento ed estensione al 2020 del Piano di Investimenti per l’Europa che porterà a 500 miliardi di euro l’obiettivo di crescita complessivo degli investimenti con la partecipazione del Fondo europeo per gli Investimenti Strategici (FEIS). Destinatari del nuovo plafond InnovFin, come per le scorse edizioni, saranno le imprese “innovative” italiane, PMI o Small-Mid Cap (imprese fino a 499 dipendenti) che hanno sostenuto o pianificato costi ed investimenti in Ricerca, Sviluppo ed Innovazione, attraverso l’erogazione di finanziamenti e/o leasing con importi compresi tra i 25 mila euro e i 7,5 milioni di euro.

 

FORTE INTERESSE – “Il nuovo accordo InnovFin – ha dichiarato Giancarlo Bertolini, direttore marketing di Credem – si è reso necessario grazie al rapido esaurimento delle risorse del plafond precedente. Il forte interesse delle imprese innovative, l’efficacia dello strumento europeo e le tempistiche ristrette per le erogazioni – ha aggiunto Bertolini – ci hanno permesso di poter ottenere questo importante risultato”. Territorialmente le aziende delle regioni con gli indici di produttività maggiori, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto, hanno utilizzato oltre il 50% delle risorse dello strumento, per circa 90 milioni di euro di volumi erogati pari a oltre 120 finanziamenti sui circa 300 erogati. Le aziende finanziate sono prevalentemente del settore manifatturiero con una prevalenza delle PMI (80%). Fra i requisiti d’innovazione quello maggiormente utilizzato è relativo alla presenza dei costi di R&S certificati sull’ultimo bilancio d’esercizio. Da segnalare inoltre il forte incremento degli investimenti “innovativi” pianificati dalle imprese nei prossimi anni che hanno l’obiettivo di migliorare il processo/prodotto/servizio per la crescita economica dell’azienda.

 


COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: Credem vince su CheBanca!

Multiproprietà non autorizzate e altre violazioni, radiato ex Fideuram ISPB e Credem

Credem, volano utili e dividendo

Nozze col Credem? Banco Desio risponde picche

Credem, largo ai giovani e 250 nuove assunzioni

Credem, patrimonio ancora più solido

Credem, Rondini a capo del private banking

Credem, ecco la superdivisione dedicata ai privati

Credem, utile in crescita per la holding

I fondi di Capital Group nella rete del Credem

Credem, Euromobiliare Am Sgr diventa management company per la Sicav lussemburghese

Credem chiude il 2017 con 21 nuovi ingressi

Janus Henderson, coppia di sicav nella rete del Credem

Credem ingaggia Tinti e va a caccia di 130 consulenti finanziari

Credem, corre l’utile del leasing

Credem, Moody’s conferma il rating

Credem supera l’esame della solidità patrimoniale

Consulenza, Credem mette il turbo

Consulenti, è guerra tra Credem e CheBanca!

Credem, Alfieri nominata amministratore

Credem, S&P conferma il rating

Recruiting cf: B. Generali ride, Credem no

Euromobiliare strappa un manager a Symphonia Sgr

Franzoni (Credem): “Nuove regole? La nostra rete è pronta”

Credem, se ne va un consigliere

Credem assume un esercito di giovani

Banca Generali prende due private a Carrara

Credem, campagna acquisti tra i private banker

Credem si affida a Petrisano in Calabria

Franzoni (Credem): “Il modello vincente? L’integrazione banca-rete”

Credem punta sulla Capitale

Credem punta sulla Lombardia

Credem positivo dopo la trimestrale

Ti può anche interessare

Anno record per Fideuram Ispb

Oltre 12 miliardi di euro di raccolta (+41%) e utile di 871 milioni (+11%). ...

Azimut, un altro colpaccio in Svizzera

Con Az Swiss & Partners compra SDB Financial Solutions e raggiunge circa 2 miliardi di euro di m ...

Astor Sim cambia nome

Via libera della Consob alla nuova denominazione. La società si chiamerà Decalia Asset Management ...