CheBanca! continua la corsa ad aprile

A
A
A

Con i nuovi ingressi la rete raggiunge un totale di 220 professionisti e taglia il traguardo, a nove mesi dal lancio, del miliardo e mezzo di masse in gestione.

Chiara Merico di Chiara Merico15 maggio 2018 | 10:59

LA RETE CRESCE – CheBanca! prosegue nel nuovo percorso di crescita nella gestione del risparmio e degli investimenti. Come preannunciato dai risultati relativi ai primi 9 mesi dell’esercizio 2017/18, la banca ha posto le basi per il potenziamento della struttura commerciale proprietaria e per l’avvio della rete dei consulenti finanziari. Quest’ultima è stata caratterizzata negli ultimi mesi da un’intensa attività di reclutamento che le ha permesso di raggiungere al 31/03/2018 quota 203 professionisti. “L’attività di inserimento di nuovi consulenti finanziari è proseguita a ritmi serrati anche nel mese di aprile – ha commentato Duccio Marconi, direttore centrale consulenti finanziari di CheBanca! permettendoci di raggiungere un totale di 220 professionisti e tagliando il traguardo per questa rete, a soli nove mesi dal lancio, del miliardo e mezzo di masse in gestione”. Tra i nuovi professionisti che hanno recentemente scelto di entrare a far parte della rete dei consulenti finanziari CheBanca! segnaliamo: in Lombardia, a Saronno, Stefano Pattaro (54 anni) proveniente da Credem. Nel Lazio fanno il loro ingresso da Widiba Diego Maiorano (56 anni) e da Mediolanum Alfredo Cignitti (46 anni), a presidio rispettivamente di Frosinone e Tivoli (Roma). In Campania entrano Antonio Palmiero (48 anni) a Caserta e Mario Caduto (31 anni) a Caianello (CE), entrambi provenienti da IWBank. Sempre a Caianello si segnala l’ingresso di Alfonso Caduto (58 anni), ex Ubi Banca. In Calabria, a Siderno (RC) fa il suo ingresso dal Banco di Napoli Francesco Romeo (48 anni). Viene potenziata anche la Sicilia, regione nella quale si segnala l’importante ingresso di Carmelo Pellerito (65 anni). Con un’esperienza di oltre 40 anni nel settore bancario e, in particolare, in quello della consulenza finanziaria il professionista, che ha ricoperto in passato importanti incarichi manageriali presso alcune delle più importanti reti italiane, supporterà la struttura manageriale nello sviluppo della rete dei consulenti CheBanca!. E ancora: a Giarre entra il group manager Orazio Murabito (53 anni) insieme a Salvatore Marano (65 anni), entrambi ex Banca Nuova, realtà da cui provengono anche Massimo Magnano (43 anni) e Angelo Incardona (60 anni), a presidio rispettivamente delle città di Catania e Siracusa.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, CheBanca! ingrana la marcia

Consulenti: Credem vince su CheBanca!

La rete di CheBanca! a forza 20

CheBanca! saluta il 2018 con oltre 20 ingressi

Consulenza e banche, tra digitale e nostalgia

CheBanca! ingaggia 9 cf in Campania ex Azimut e Banca Mediolanum

CheBanca! saluta 30 ingressi nel trimestre

CheBanca! distribuirà 37 fondi di Edmond de Rothschild Am

Consulenti, è guerra tra Credem e CheBanca!

CheBanca! preme l’acceleratore sulla rete

Quattro comparti di TCW nella rete di CheBanca!

CheBanca!, l’indagine rivela: filiale punto di riferimento per chi investe

Columbia Threadneedle e CheBanca!, accordo per distribuire 75 fondi

Consulenti, parte la rete di CheBanca!

CheBanca!, due ingressi di peso in Campania

CheBanca! prepara l’ingaggio di cento cf

CheBanca!, che colpi nel reclutamento in attesa di Marconi

CheBanca! si fa la sua rete di consulenti

CheBanca!, accordo con Orwell per i servizi digitali

CheBanca!, cambio di timoniere

CheBanca! a caccia di consulenti e private banker

Tante novità per la banking app di CheBanca!

CheBanca! vuole chiudere entro giugno l’integrazione con Barclays

Bancoposta e CheBanca! entrano nell’Aiip

L’importanza del digitale per i wealth manager

Le banche digitali mettono nel mirino 3 milioni di utenti e-commerce

Il futuro di CheBanca! si tinge di risparmio gestito

CheBanca! prepara la rete dei cf

Di chi si parla nel nuovo numero di iFinance: le persone e le società

E’ in edicola il nuovo numero di iFinance

Banche Italiane tra le “fatiche di Atlante” e la sostenibile leggerezza delle Fintech

Barclays, vicina la vendita della divisione italiana a CheBanca

Le 40 “power people” da seguire nel Fintech in Europa. Due gli italiani in classifica

Ti può anche interessare

Santander, Agos, Compass e Blackstone in due diligence per Creditis

Questi i pretendenti che avrebbero presentato una manifestazione d'interesse per le attività di cre ...

Banca Mondiale lancia due nuove Obbligazioni per lo sviluppo sostenibile

I bond, della durata di cinque anni, sono denominati rispettivamente in Peso Filippini (PHP) e Leu R ...

Criptovalute, sospesa una società abusiva

La Consob scova un sito web non autorizzato, con sede dichiarata ad Alicante e Glasgow ...