Massimo Doris vale 100 milioni

A
A
A

L’attivo della sua Snow Peak arriva a 97,5 milioni e il patrimonio netto sfonda i 40 milioni. La cassaforte è presente in Banca Mediolanum e Fin.Prog

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino10 luglio 2018 | 08:00

Il tesoro di Massimo Doris (nella foto), amministratore delegato di Banca Mediolanum, vale quasi 100 milioni di euro. Ammonta infatti ad oltre 97,5 milioni l’attivo segnato nel 2017 daSnow Peak, società interamente controllata dal capozienda della quotata, di cui lo stesso è presidente mentre nel consiglio siede Maurizio Carfagna, storico ex banchiere e fiduciario degli affari personali della dinastia dei Doris. Snow Peak qualche settimana fa ha mandato interamente a riserva straordinaria l’utile di 6,37 milioni di euro registrato lo scorso anno, in lieve contrazione dai 7,7 milioni di profitto dell’esercizio precedente.

Cosa possiede Snow Peak? Con un patrimonio netto che senza la distribuzione del dividendo sale così ad oltre 41 milioni, il totale dell’attivo è costituto da immobilizzazioni finanziarie salite anno su anno da 86,2 a 90,2 milioni e liquidità quasi invariata a 7,2 milioni. Il bilancio non specifica i soggetti delle partecipazioni, ma 82 milioni di immobilizzazioni finanziarie rappresentano il controvalore di circa 14,5 milioni di titoli di Banca Mediolanum, pari ad oltre l’1,96% circa del capitale totale, che ha garantito alla cassaforte del figlio di Ennio Doris unacedola di 6,5 milioni. Proprio a fine 2017 Snow Peak ha aderito al patto di sindacato sul 40,2% della banca quotata assieme a papà Ennio (operante anche con Fin.Prog.), alla mamma Lina Tombolato (rappresentata dal veicolo T-Invest) e alla sorella Annalisa.

Il resto dell’attivo di Snow Peak è la quota del 40,5% in Fin.Prog., pari al 6,7% dei diritti di voto, posseduta da Massimo Doris per 901 mila titoli in piena proprietà e per i restanti 4,5 milioni di titoli in nuda proprietà il cui diritto di usufrutto spetta a padre e madre.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Un appello a Di Maio per parlare anche di consulenza

Finanziamenti, nel 2018 piccolo è meglio

Banche, quanti tagli alle filiali

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Ti può anche interessare

Nasce Plick: l’assegno dice addio alla carta e diventa digitale

PayDo, startup digitale italiana nata dall’esperienza di professionisti nel settore dei pagamenti, ...

Esma, giro di vite su cfd e opzioni binarie

L’authority pensa di vietare l’offerta di questi prodotti al pubblico retail ...

Assoreti, l’amministrato spinge la raccolta ad aprile

una raccolta netta positiva pari a 2,6 miliardi di euro, contro i 2,4 miliardi di euro di febbraio. ...