UniCredito ancora in trincea, parla Profumo

A
A
A

Il titolo UniCredito continua la sua personale guerra con il mercato e gli investitori. La banca, anche per mezzo del Ceo Alessandro Profumo, vuole rassicurare i mercati sulle presunte crisi di liquidità che starebbe attraversando senza però convincere appieno

di Marco Mairate30 settembre 2008 | 09:15

UniCredit ancora in mezzo alla bufera. E’ dovuto intervenire anche Alessandro Profumo per far rientrare il panico sul titolo della banca da lui presieduta.

Ieri sera tra i dipendenti del gruppo UniCredito è circolata una mail per rincuorare gli animi e rassicurare sulla condizione economica/finanziaria della società: “Non è nelle nostre abitudini commentare indiscrezioni ma riteniamo della massima importanza rassicurare tutti voi sulla situazione del gruppo. Il nostro piano di funding a medio e lungo termine per il 2008 è completo e non richiede ulteriori azioni”. In fondo alla missiva, l’amministratore delegato, aggiunge come “gli stock di liquidità a breve termine sono 10 volte sopra i limiti e garantiscono liquidità ben oltre il 2008 senza dovere fare ulteriore ricorso al mercato”.

Nonostante le rassicuranti parole di Profumo,  sul gruppo pesano una lunga serie di rumors (negativi): si va dai possibili strascichi del fallimento Lehman sulle gestioni targate Unicredit, unitamente a quelli su un possibile aumento di capitale utile per rinforzare il bilancio.

Proprio in questa ottica, la scorsa settimana, il gruppo ha dato vita ad una partnership con Merrill Lynch per creare una SIV da 1,5 miliardi di euro. Si tratta di una società veicolo di diritto irlandese di cui l’istituto di Piazza Cordusio avrà il 51%, e destinato a detenere 1,5 miliardi di titoli (crediti di qualità e crediti distressed) che ora gravano sul portafoglio. L’accordo prevede che anche gli americani facciano la stessa cosa ma in contanti: in cambio avranno parte degli utili e le consuete commissioni. Grazie alla quota di partecipazione maggioritaria, Unicredito potrà così consolidare il veicolo nel suo stato patrimoniale e alzare il livello di Tier 1. Lo scorso giugno il livello che misura la solidità patrimoniale del gruppo era pari a 5,55% ma l’obiettivo di Profumo è di riportarlo al 6,2 per lafine del 2008 e al 7,1% entro la fine del 2010.

Oggi il gruppo ha toccato un minimo a 2,69 euro, segnando così il peggior livello da 5 anni a questa parte. A questi livelli la capitalizzazione di Unicredito (44miliardi di euro) risulta essere superata da Intesa Sanpaolo (49 miliardi di euro). Proprio oggi, l’ufficio studi di Mediobanca ha pubblicato un report dove si mette in evidenza la solidità del gruppo guidato da Corrado Passera.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

UniCredit ingaggia super manager in Cina

UniCredit, i top bonus si fanno in due

UniCredit corteggia Commerzbank

Certificati, sintonizzatevi con i CF Webinars

Seduta positiva per le maggiori banche italiane ed europee

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

Unicredit e Mediobanca sotto i riflettori a Piazza Affari

Cernobbio, Mustier (UniCredit): “I conti funzionano”

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Ischia, Intesa e UniCredit in campo per le vittime del terremoto

UniCredit, al via i lavori per il nuovo cda

UniCredit: Norges Bank ritorna sopra il 3%

UniCredit spiazza gli analisti

UniCredit cede ad Ardian le quote in F2i

Unicredit, titolo poco mosso dopo l’attacco informatico

UniCredit sotto attacco hacker

Fineco e UniCredit a braccetto con il fisco

Piazza Affari in moderato calo, bene Telecom Italia Credit Suisse fa soffrire Saipem

UniCredit, accordo con Pimco e Fortress per gli Npl

Mustier (UniCredit): “Il rischio sistemico è alle spalle”

UniCredit, Pietzner nuovo responsabile Investor Relations

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche in spolvero a Piazza Affari

Prelios rimbalza, Mediobanca ha concluso le sue attività

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

Grosset (UniCredit): “Ecco 4 strategie (più una) vincenti per l’estate”

Certificati a tutto tondo, non perdete il webinar con UniCredit e Bluerating

Unicredit sottotono nonostante Pioneer e Yapi Kredi

Vendita di diamanti, le banche nel mirino della Guardia di Finanza

Mps, cartolarizzazione Npl pare in stallo

Piazza Affari: occhio alle banche

Aumento Banco Santander, la lista dei potenziali collocatori si allunga

Piazza Affari avanti piano, attende la Fed

Ti può anche interessare

Poste Italiane, la poltrona di Caio in bilico

Secondo la Repubblica, l'ex-premier Renzi rimprovera al manager il mancato acquisto di Pioneer. ...

Banco BPM riorganizza la rete commerciale

Le linee guida, spiega una nota, prevedono un riassetto del retail attraverso un nuovo modello organ ...

Finanza & Futuro, boom di clienti

Oltre 130mila quelli serviti dalla banca-rete. Nel 2016 gli asset salgono a 14,1 miliardi, ma l’ut ...