Poste Italiane incassa la sconfitta e rilancia sul gestito

A
A
A

Nel giorno in cui Amundi ha ottenuto l’esclusiva per l’acquisto di Pioneer, la società guidata da Francesco Caio annuncia il piano attuativo della sua alleanza con Anima.

Andrea Telara di Andrea Telara5 dicembre 2016 | 15:04
il nostro gruppo considera la crescita per acquisizioni uno degli elementi del suo piano di sviluppo

STRATEGIA CONFERMATA – Poste conferma la propria strategia di crescita nel settore del risparmio gestito che costituisce uno dei pilastri fondamentali del Piano Industriale, insieme allo sviluppo nelle piattaforme digitali di pagamento e nella logistica. In tale contesto, la società guidata da Francesco Caio porta avanti il suo piano di rafforzamento dell’alleanza con Anima Holding a cui conferirà, entro la prima metà del 2017, BancoPosta Fondi SGR. Con questa operazione, Poste aumenterà la sua quota di partecipazione in Anima dal 10,3% al 24,9% diventando così l’azionista di riferimento di un campione nazionale dell’industria del risparmio gestito con circa 145 miliardi di asset.

POLO DA 145 MILIARDI – “Con il rafforzamento della presenza nel capitale di Anima”, ha commentato Francesco Caio, amministratore delegato dell’azienda, “Poste Italiane mette le basi per la creazione di un campione nazionale con masse gestite per oltre 145 miliardi e accelera l’attuazione del suo piano industriale e che vede nel risparmio gestito uno dei suoi pilastri in coerenza con il ruolo svolto da sempre nella protezione del risparmio dei cittadini e delle famiglie italiane.“ . “Come indicato al momento della quotazione”, ha aggiunto l’ad di Poste, “il nostro gruppo considera la crescita per acquisizioni uno degli elementi del suo piano di sviluppo, a condizione che gli investimenti vengano orientati su aziende con forti sinergie strategiche e industriali e che i valori investiti siano coerenti con le prospettive di ritorno per gli azionisti. La sostenibilità di Poste e la sua capacità di creare valore nel lungo periodo per azionisti e clienti resta la stella polare delle nostre decisioni”. In questo contesto, Poste ha presentato assieme ad Anima e Cdp un’offerta relativamente a Pioneer coerente con criteri di selezione e valutazione degli investimenti che sono stati definiti nell’ambito del suo piano industriale e, ad esito delle ulteriori analisi ed approfondimenti svolti, ha concluso in accordo con i propri partners che, allo stato, una operazione a valori più elevati, tenuto conto anche di altre opportunità di crescita esterna perseguibili grazie al rafforzamento dell’alleanza con Anima, non sarebbe in linea con obiettivi di ritorno adeguati per i propri azionisti.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Anima, i Pir trainano la raccolta ad agosto

Anima conquista Aletti Gestielle

Anima, offerta in vista per Aletti Gestielle

Anima, nel primo semestre corre la raccolta

Anima-Aletti Gestielle, prove tecniche di terzo polo

Anima, Colombi entra nel board

Anima, più raccolta con il retail

Fondi, nasce un gigante italiano

Pir a tutto tondo, Widiba e Anima ne parlano a Milano

Poste Italiane stacca il dividendo, resta sotto i riflettori

I Pir spingono la raccolta di Anima

Anima, raccolta in ripresa anche ad aprile

Anima, Melzi d’Eril nominato direttore generale

Anche Mps punta sui Pir, con un fondo di Anima

Anima in testa nella Pir selection di Banca Imi

SdR 17, Gatti (Anima): “Il valore del brand nel risparmio gestito”

Anima, raccolta di marzo a 267 milioni

Anima, analisti positivi dopo il riassetto

Anima ridisegna l’assetto organizzativo

Anima, la raccolta cresce ancora nel 2016

Anima prende Di Naro da Esperia

Anima, risultati a due facce

Giverso (Anima): “Dall’e-learning ai nuovi spazi: ecco le novità di Accademia Anima”

Aletti Gestielle, salgono le chance di una vendita ad Anima

Anima, nozze in vista con Aletti?

Pir, le strategie delle banche e delle reti

Anima, frena la raccolta ma crescono le masse

Sul mercato il primo Pir italiano

Pir, le società di gestione pronte a lanciarli

Ferrari (Mediobanca): “Ipotesi fusione per Anima”

Anima, la produzione cala di 140 milioni

Poste-Anima-Cdp, insieme anche senza Pioneer

Ti può anche interessare

Bcc, in 162 aderiscono a Iccrea

Complessivamente, le 162 Bcc pro-Iccrea vantano fondi propri pari a 10,5 miliardi di euro e 125,7 mi ...

Enasarco, ecco chi ha diritto alle borse di studio

Pubblicata nel sito web dell'ente la graduatoria dei giovani figli di agenti, cf o pensionati che be ...

Intesa Sanpaolo studia la cessione del 50% di Allfunds

Secondo Il Sole 24Ore, Bain Capital e Advent starebbero pensando a presentare un’offerta congiunta ...