Scalata a Bnl: perché la Cassazione ha tolto le multe a Fiorani

A
A
A

L’ex-numero 1 della Popolare di Lodi doveva pagare 800mila euro assieme alla sua banca. Ma, secondo quanto riporta il bollettino della Consob, la suprema corte ha annullato tutto.

Andrea Telara di Andrea Telara14 novembre 2016 | 08:48

AMMENDA ANNULLATA – La sanzione comminata dalla Consob era abbastanza salata: 800mila euro in tutto, richiesti alla Popolare di Lodi perché chiamata a rispondere in solido con il suo ex-amministratore delegato, Gianpiero Fiorani e con il direttore finanziario Gianfranco Boni. Ma la Corte di Cassazione ha annullato tutto, per vari “cavilli” come il difetto di legittimazione passiva, l’estinzione dell’obbligazione per tardività della contestazione, la violazione del diritto di difesa e del giusto procedimento e l’insussistenza dell’illecito. E’ quanto emerge dalle comunicazioni diffuse su internet dalla Consob, che ha reso noto il provvedimento dei giudici. L’ammenda era stata inflitta dalla stessa Consob per vicende che risalgono a oltre 10 anni fa e sono relative alla scalata a Bnl da parte di Unipol. La Popolare di Lodi era infatti accusata di aver concertato con Unipol il rastrellamento “sotto banco” delle azioni Bnl per favorire la compagnia assicurativa.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Nasce Banca Unipi, la prima banca di ateneo

La banca online nasce dalla collaborazione tra l’Università di Pisa e Banca di Pisa e Fornacette. ...

Banco Bpm proroga le adesioni per il riacquisto del bond al 2020

Prorogato al 14 aprile il periodo di adesione all’offerta pubblica volontaria di riacquisto del pr ...

Clienti vs intermediari, parola all’Arbitro della Consob

L'Arbitro per le controversie finanziarie aggiorna il mercato pubblicando le decisioni dalla numero ...