Consulenti finanziari: più richiesti, anche dai giovani

A
A
A

Dal 2008 al 2016 sale dal 40% ad oltre il 50% il desiderio di advisory. Anche fra chi ha meno di 40 anni.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino5 gennaio 2017 | 08:28

Cresce il desiderio di consulenza finanziaria, soprattutto fra i giovani, secondo alcuni, invece, soggetti che puntano solo sui robo advisor. L’analisi arriva dall’autorevole società di consulenza americana Cerulli Associates che nel suo ultimo “The Cerulli Edge – U.S. Edition, January 2017 Issue” evidenzia come dal 40% degli investitori americani che nel 2008 esprimevano il desiderio di ricevere advisory sui propri investimenti siamo arrivati ad oltre il 50% nel terzo trimestre dello scorso anno.

 

La remunerazione della consulenza dice Scott Smith, director di Cerulli, ha un’alta correlazione con il patrimonio dell’investitore ma una correlazione inversa con la sua età e quindi i giovani sotto i 40 anni dimostrano una più spiccata attitudine a remunerare la consulenza. “Le opzioni digitali sono diventate parte dello scenario dell’advisory – conclude Smith – ma i risparmiatori che hanno davanti processi complessi di scelta decidono di rapportarsi per questi a consulenti fisici”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn180Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Banche venete, già 450 richieste di rimborso dai soci

Secondo il quotidiano Mf, centinaia di azionisti hanno già accettato una offerta di indennizzo forf ...

La rete Alpenbank apre a Milano. Tutti i nuovi arrivi della squadra di Zanin

La succursale italiana della private bank di Innsbruck accelera i programmi di crescita della squadr ...

La Consob segnala due società abusive

L’authority mette in guardia da alcuni broker (o presunti tali) che offrono servizi di investiment ...