Giro di valzer nel settore assicurativo

A
A
A

Ecco come si è chiuso il 2008 a livello di giri di poltrone di top manager nel settore assicurativo. Protagonista Cattolica e Generali.

di Marcella Persola31 dicembre 2008 | 11:00

Come il 2007 anche il 2008 è stato protagonista di molti turn-over nel mercato assicurativo. Ripercorriamoli insieme.
L’esordio tocca a Giampiero Gelmi che lascia il gruppo Unipol, dopo la riorganizzazione messa in atto da Carlo Salvatori e Carlo Cimbri, rispettivamente a.d. e d.g. del gruppo bolognese che lo sostituiscono con Andrea Giussani.

Anche in Arca Assicurazioni ci sono novità. Il gruppo assicurativo veronese chiama Fabio Cerchiai, presidente di Ania e Meliorbanca alla carica di presidente di Arca Assicurazioni e Arca Vita. E le nomine per Cerchiai non si chiude qui. Con la costituzione della Federazione ABI-ANIA, per l’anno in corso Cerchiai assume anche la carica di presidente della federazione. Carica che lascerà tra un anno, così come stabilito dallo statuto, e alla quale seguirà la presidenza di Corrado Faissola.

E per restare in tema di presidenti. Enrico Boglione ex presidente di AIBA, che si era ritirato dalla professione torna in pista assumendo la presidenza di Aon Italia. Intanto Andrea Rossi assume la carica di a.d. di Axa Assicurazioni dopo l’uscita del dimissionario Massimo Michaud, che quest’anno è il protagonista assoluto di più “movimenti” in quanto approda alla guida di Aviva per poi lasciarla dopo pochi mesi per seguire Enrico Cucchiani in Allianz. Intanto in Cattolica Giovan Battista Mazzucchelli è stato nominato amministratore delegato. Ed è proprio da Cattolica che proviene il nuovo a.d. di Aviva che va a sostituire Michaud. Si tratta di Andrea Battista, responsabile della divisione bancassurance e alla guida di Duomo Assicurazioni. Cattolica lo sostituisce con Carlo Barbera

E con il mese di aprile torna in pista anche Mario Greco che avevamo lasciato in Eurizon Financial e dopo aver assunto la guida del ramo vita di Zurich con il 1 aprile assume la carica di ceo del settore vita di Zurich Financial. Ma la primavera è foriera di novità anche per il gruppo Generali. Nasce, infatti, Generali Immobiliare con alla guida Raffaele Agrusti, supportato da Giancarlo Scotti e Anne Marie de Chalambert che supervisionerà tutta la struttura. Ma non è l’unica novità della galassia Generali. Sempre in primavera la società decide di dividere le sue aree di business in una divisione retail e una corporate affidate rispettivamente a Manlio Lostuzzi e Antonio Dinia. E le novità arrivano anche in casa Alleanza. La controllata di Generali annuncia nel mese di maggio che Ugo Ruffolo lascia la carica di a.d. Le voci di una fuoriuscita del manager erano note già dalla fine del 2007 e con l’uscita di Ruffolo sono i due direttori generali Sandro Panizza e Luigi Rizzuti a dividersi le attività operative. E torna in pista o meglio alle orgini Sandro Salvati. Dopo aver guidato per anni Toro Assicurazioni, anch’esse adesso del gruppo Generali, il manager torna in Fondiaria. O meglio alla guida di Sai. Fausto Marchionni lo ha chiamato a dirigere la newco del gruppo attiva nel business auto, ossia “Auto Presto&Bene”.

E le novità ci sono state anche nel mondo istituzionale. In ISVAP Giovanni Cucinotta è nominato a capo del servizio di vigilanza, al posto di Antonia Boccadoro. E in Covip Luigi Scimia lascia la presidenza, e al suo posto arriva Antonio Finocchiaro, ex vice-direttore generale di Banca d’Italia.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Ing taglia i posti e l’utile cresce del 16%

Il gruppo olandese ha chiuso il 2016 con profitti di 4,65 miliardi di euro. ...

Banca del Piemonte lancia Target

La nuova gestione patrimoniale investe unicamente in prodotti “liquid alternative”. ...

Widiba, nuovo ingresso in Puglia

Nella rete guidata da Massimo Giacomelli entra Andrea Avantaggiato, consulente finanzraio con 30 an ...