L’Eba propone una bad bank europea

A
A
A

L’authority bancaria europealancia l’idea di creare una società veicolo per gestire i crediti sofferenti nel Vecchio Continente.

Andrea Telara di Andrea Telara31 gennaio 2017 | 09:36

ANCORA DI SALVEZZA – Una società di asset management paneuropea per gestire le sofferenze bancarie. E’ la proposta che arriva  dall’Eba, l’authority continentale che vigila sul settore del credito. I prestiti sofferenti in Europa (non performing loan-npl) rappresentano un aggregato di mille miliardi di euro, che stanno mettendo a dura prova il sistema bancario di diversi paesi, in primis l’Italia. A lanciare l’idea, secondo quanto riporta il Sole24Ore, è stato Andrea Enria, presidente dell’Eba, assieme al tedesco Klaus Regling, n. 1dell’European Stability Mechanism (Esm), cioè l’ex-fondo salva-stati, durante un convegno organizzato ieri in Lussemburgo. Per Enria la creazione di una bad bank europea è un progetto praticabile e urgentemente necessario.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Così Banca Generali si prepara alla Mifid 2

Revisione delle commissioni di performance, contratti di consulenza flessibile, piattaforme di advis ...

B. Generali, colpo da sogno a Bergamo

La rete dei cf del leone alato prende un private banker da 100 milioni nella città orobica. Ecco ch ...

Lux Finance, la Consob sospende un altro consulente finanziario

Un consulente finanziario originario dell'Abruzzo sanzionato per aver collocato prodotti di una soci ...