Promotori Finanziari – E' ufficiale l'addio alle gpf

A
A
A

Oramai è un dato di fatto riconosciuto anche dai player che operano sul mercato: l’introduzione della MiFID ha condannato all’estinzione, probabilmente in via definitiva, le gestioni patrimoniali in fondi.

di Redazione30 gennaio 2009 | 11:33

Accusate di garantire solo alti costi e bassi rendimenti la maggior parte delle reti e molte banche stanno smantellando un poco alla volta il servizio, cercando di spostare i clienti su altri prodotti che anno meno controindicazioni per quanto riguarda le retrocessioni.

Non a caso nel corso del 2008 si è continuata a riscontrare la consistente uscita di risorse dalle gestioni patrimoniali, ed in particolare dalle gpf dalle quali si è avuto un deflusso di 8,7 miliardi, superiore a quanto già osservato nell’anno precedente (-6,9 miliardi).

A guidare questa tendenza sono state alcune tra le reti d’intermediazioni più importanti. Negli ultimi 12 mesi, infatti, è stata Banca Fideuram a segnare il rosso più consistente con deflussi sulle gpf pari a 2,97 miliardi, seguita da Banca Generali (-1,06 miliardi), Sanpaolo Invest (-783,39 milioni), Finecobank (-734,71 milioni) e Banca BSI (-529,97 milioni).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Banche Venete, Padoan esclude il bail-in

Il ministro dell'economia ha detto che né la Popolate di Vicenza né Veneto Banca hanno al momento ...

Arriva Euclidea, la piattaforma del primo private banker online

Si tratta della prima SIM di gestione patrimoniale mobiliare che si prefigge di unire le potenzialit ...

Banca Akros: Bce, avanti col Qe ma la politica si farà sempre meno accomodante

Nel corso del 2017 il vero elemento di novità sarà uno shift parallelo verso l’alto delle curve ...