ConsulenTia 2017/D’Acunti (Invesco): “Con la Mifid 2 deve aumentare la qualità della consulenza”

A
A
A

Il direttore commerciale in Italia di Invesco parla ai microfoni di Bluerating.com dei cambiamenti in arrivo nel settore della financial advisory con la direttiva europea sui servizi d’investimento.

Marco Muffato di Marco Muffato17 febbraio 2017 | 11:24

“Educare i clienti a teasformarsi da semplici risparmiatori in investitori”. E’ la sfida che secondo Giuliano D’Acunti, direttore commerciale di Invesco in Italia, si trovano davanti oggi i consulenti finanziari con l’arrivo della direttiva Mifid 2. “C’è ancora molto da lavorare sul fronte dell’educazione finanziaria”, dice D’Acunti in questa videointervista rilasciata ai microfoni di Bluerating.com, “visto che purtroppo molti connazionali non conoscono ancora i più comuni prodotti d’investimento”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Successo alla partenza del roadshow di Invesco “India Calling”

D’Acunti (Invesco): “Con Global Income il giusto equilibrio tra equity e bond”

D’Acunti (Invesco): “Quality Income, un percorso d’investimento chiaro”

Ti può anche interessare

Piersimoni (Pictet Am): “L’Agenda Trump è sparita dai radar dei mercati”

L’analisi mensile di giugno a cura del senior portfolio manager di Pictet Asset Management. ...

Ronchetti (Gfk): “Le doti che un buon consulente deve avere”

Preparazione tecnica, capacità relazionali, empatia con il cliente. Ecco le qualità che un financi ...

Contenere il rischio è l’obiettivo

Torna la volatilità, bisogna considerare le esposizioni dei portafogli ...