India, il pensiero pro-fondo

A
A
A

In Italia si può investire su 4 Etf, ma a vincere sono le gestioni attive

Biagio Campo di Biagio Campo31 gennaio 2011 | 10:00

L’India è riuscita a costruire la propria potenza economica grazie all’offshoring da parte delle multinazionali occidentali, ovvero l’acquisto a distanza o in remoto di servizi prodotti all’estero, attraverso l’utilizzo di mezzi elettronici quali telefono, fax e Internet.
Fra gli elementi determinanti che spingono le aziende ad effettuare o meno l’offshoring dei servizi vi è il grado di separabilità, standardizzazione, automazione e ovviamente il livello dei costi. Tra i fattori rilevanti per il luogo dove effettuare l’attività di offshoring vi sono le competenze tecnologiche e linguistiche, la flessibilità ed il costo della forza lavoro, un quadro legale fondato su una struttura di diritto analoga a quella dei paesi occidentali, ma anche la possibilità di essere vicini ad un mercato in forte crescita. I rischi derivanti dall’appropriazione delle idee, da parte delle società terze presso le quali si delocalizza, rappresenta un fattore da valutare con estrema attenzione, ed ancora oggetto di numerose analisi. Oggi l’economia indiana, nonostante gli elevati tassi di crescita, deve superare numerosi problemi, derivanti principalmente dall’essere la più popolosa democrazia al mondo, nella quale convivono fasce di persone eterogenee, buona parte delle quali in condizioni di estrema povertà.
La lentezza nello sviluppo delle infrastrutture e le difficoltà ad ammodernare le città si scontrano con le abitudini dei cittadini e le tempistiche che ogni azione legale comporta, problematiche che in Cina vengono risolte più rapidamente seguendo altri criteri. Secondo le statistiche delle Nazioni Unite nel 2010 Islamabad, capitale del Pakistan, ha tolto a Mumbai il triste primato di più grande baraccopoli al mondo, tuttavia la situazione nel centro finanziario non è migliorata.
Il crescente grado di corruzione nelle cariche governative, unite ad alleanze poco stabili tra i diversi partiti, hanno comportano una diminuzione della stabilità politica, tuttavia il rischio paese è considerato limitato.
Il mercato azionario indiano è stato uno dei primi listini delle economie emergenti sul quale l’industria del risparmio gestito ha puntato, grazie alle prospettive di crescita, ad un quadro regolamentare aperto agli investimenti esteri, ed alle dimensioni dell’economia.
Gli investitori occidentali hanno ben sfruttato l’opportunità, fornendo un consistente afflusso di capitali ed ottenendo rilevanti plusvalenze.
La crisi legata ai mutui subprime non ha risparmiato la borsa di Mumbai. Il SenSex, il principale indice domestico, è passato dai 20.000 punti di inizio 2008 agli 8.700 del marzo 2009. La ripresa tuttavia è stata rapida e costante, già nel giugno 2009 l’indice sfiorava i 15.000 punti ed ora si aggira attorno ai 19.000, essendo vicino ai massimi storici.
La difficoltà di lettura e le asimmetrie informative che caratterizzano la piazza indiana hanno lasciato lo spazio ad extra rendimenti, che ha portato i fondi comuni del settore a battere gli Etf, ed a registrare performance molto diverse tra loro.

Sfoglia il giornale online

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Invesco, acquisizione miliardaria tra gli etf

Amundi lancia un Etf Pir compliant

Smart BETA e factor investing: Consultinvest fa chiarezza

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Oro, si raffredda la domanda

A Piazza Affari i primi 5 etf di Hsbc Global Asset Management

Lyxor lancia il primo Etf Pir compliant

Source lancia l’ETF specializzato nel FinTech

Buffett (Berkshire Hathaway): fondi hedge costano troppo per quel che rendono

Nasce Euclidea, il primo private banking fintech alla portata di tutti

Arriva il sito che ti dice come risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Etf in Europa, frena la raccolta degli smart beta

Moneyfarm lancia la prima gestione patrimoniale per tutti

Petrolio: cinque cose da tenere a mente secondo WisdomTree

Source: il 2017 sarà positivo ma volatile, occhio a bond emergenti e dollaro

New Alpha A.M. e Aviva France finanziano la prima piattaforma europea di analisi degli ETF

Il Premio dei Premi per l’innovazione assegnato a Invest Banca e Widiba

Oro, meglio gli Etf che i titoli minerari a questi livelli

Ossiam punta sulla responsabilità sociale

Etf in Europa, raccolta fiacca ad aprile

Ossiam quota un nuovo Etf a Piazza Affari

China Post Global prende la divisione Etf di Rbs

Usa, arriva l’etf che investe in videogame

Cattivo timing per gli investitori Usa

Ossiam punta sul Giappone con un nuovo Etf

Nomura lancia due etf che puntano sul Giappone

Source: gli etp piacciono sempre di più

Per l’argento il rialzo sembra agli sgoccioli, è ora di un Etf corto?

Il rimbalzo del petrolio fa ripartire Etfs Brent 1 Month

Le utilities portano bene ad Amundi

A Etfs basta poco zucchero per addolcire le performance

Come fare soldi scommettendo sul bestiame

Etfs Daily Leveraged Gasoline riparte, sarà la volta buona?

Ti può anche interessare

Banca Imi emette 8 nuovi Cash Collect

I certificati offrono all’investitore la possibilità di ottenere dei rendimenti in situazioni di ...

BlackRock: gli Etf piacciono sempre più agli istituzionali

Secondo uno studio di Greenwich Associates, commissionato da BlackRock, uno spettro sempre più ampi ...

Amundi Etf, nel 2016 masse in crescita del 27%

La società ha conseguito oltre 4 miliardi di euro di nuove masse in gestione nel 2016, portando il ...