BNP Paribas lancia un progetto educational sui certificate

A
A
A

Il progetto è finalizzato a diffondere in Italia la conoscenza dei TURBO, una tipologia di Certificate caratterizzati da un livello di leva variabile.

Chiara Merico di Chiara Merico20 settembre 2017 | 14:08

IL PROGETTO – BNP Paribas annuncia il lancio di un nuovo progetto educational dedicato agli investitori retail, finalizzato a diffondere in Italia la conoscenza dei TURBO, una tipologia di Certificate caratterizzati da un livello di leva variabile, particolarmente adatti a investimenti di breve termine e a strategie di copertura dei portafogli. Il progetto rientra nel più ampio programma di iniziative educational di BNP Paribas, che da sempre mostra una particolare attenzione per la formazione dei risparmiatori su strumenti di investimento in rapida crescita sul mercato italiano, come i Certificate di investimento e a leva variabile (Turbo e Mini-Future), tradizionalmente poco noti all’investitore italiano: a fine 2016 i volumi di mercato registrati in Italia per questa tipologia di prodotti erano pari a circa il 7%, contrariamente a quanto avviene in paesi caratterizzati da un livello più elevato di educazione finanziaria, come per esempio la Germania, dove a fine anno i prodotti a leva variabile rappresentavano circa il 64% del mercato dei Certificate.

COME FUNZIONA – Registrandosi sul nuovo sito Turbo Quiz (turbo.investimenti.bnpparibas.it), l’investitore ha la possibilità di testare la propria conoscenza dello strumento attraverso un questionario mirato e di avere accesso privilegiato ai servizi di customer care e al prossimo evento educational organizzato da BNP, che si terrà il 13 ottobre presso il Palazzo Diamante a Milano, sede della banca in Italia. I TURBO Certificate permettono di investire a leva sfruttando la possibilità di prendere posizione sia al rialzo (TURBO Long) che al ribasso (TURBO Short), con un minor impiego di capitale e un impatto marginale della volatilità sul prezzo. Questa categoria di Certificate consente di amplificare i movimenti del sottostante grazie all’utilizzo della leva finanziaria e quindi, a differenza dei Certificate “a leva fissa”, non risente dell’effetto compounding (o effetto dell’interesse composto): l’investitore fissa infatti al momento dell’acquisto la leva finanziaria, che resta invariata fino alla chiusura della posizione. Nei Leva fissa invece, la leva finanziaria è fissa soltanto su base giornaliera, la performance viene ricalcolata ogni giorno sulla base del livello di chiusura del sottostante di riferimento del giorno lavorativo precedente. Il prezzo del TURBO Long riflette la differenza tra la quotazione del sottostante e il livello dello Strike, ovvero il valore del sottostante stabilito all’inizio della vita del prodotto che determina l’effetto leva. In maniera speculare, per calcolare il prezzo dei TURBO Short si considera la differenza tra lo Strike e la quotazione del sottostante. Il valore di un TURBO Certificate si azzera, determinando la perdita totale del capitale investito, quando la quotazione del sottostante tocca il livello dello Strike. A differenza dell’in¬vestimento in Future, questo meccanismo permette all’investitore di conoscere fin dal principio la perdita massima potenziale. Inoltre il trattamento fiscale dei certificate, considerati redditi diversi di natura finanziaria (con aliquota pari al 26%), a differenza di altri strumenti di investimento quali fondi ed ETF, permette di utilizzare le eventuali plusvalenze per compensare perdite pregresse.
COSTANTE IMPEGNO – Nevia Gregorini, responsabile Public Distribution di BNP Paribas Corporate & Institutional Banking, ha commentato: “Questo nuovo progetto conferma il costante impegno di BNP nella diffusione della conoscenza di prodotti finanziari complessi, che tuttavia diventano un supporto fondamentale per l’investitore nell’attuale contesto di mercato. Questi strumenti trovano la loro utilità sia per prendere posizioni al rialzo o al ribasso su una vasta gamma di azione e indici, sia per attuare strategie di copertura del rischio di portafoglio, che trova nei Certificate a leva variabile una soluzione alternativa per fronteggiare la volatilità di mercato. Nel mondo dei prodotti a leva siamo attualmente l’unico emittente in Italia a offrire Turbo Certificates che, oltre a non soffrire del cosiddetto “compounding effect”, ovvero l’effetto dell’interesse composto, permettono di investire su una vasta gamma di sottostanti, incluse le singole azioni, con più livelli di leve sullo stesso sottostante (fino a 25x), senza il rischio di incorrere in una perdita superiore al capitale investito”. Come tutti i prodotti emessi da BNP Paribas, anche gli ultimi nati della gamma TURBO offrono una serie di servizi aggiuntivi, tra cui quotazioni e grafici in tempo reale sul sito https://investimenti.bnpparibas.it/certificates-leva/turbo-certificate e attraverso la APP Quotazioni di Borsa, oltre alla possibilità di creare degli alert personalizzati che segnalano i momenti più rilevanti della vita del Certificate (per esempio l’avvicinamento al livello di knock-out) attraverso l’utilizzo della Watchlist. La liquidità dei TURBO Certificate, negoziabili sul Mercato telematico SeDeX di Borsa Italiana, è garantita dalla presenza di BNP Paribas in qualità di Market Maker: in ogni momento è possibile comprare e rivendere il Certificate senza attendere la data di scadenza da qualsiasi banca o intermediario finanziario.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mondiale, un’obbligazione per lo sviluppo sostenibile

Bnp Paribas, Promutico alla guida de L’Atelier di San Francisco

Bnp Paribas, utile in calo ma sopra le attese

Classifiche Bluerating: BNP Paribas AM in testa tra i fondi Azionari Russia

Bimbi in ufficio da Bnp Paribas Italia

Bnp Paribas lancia la prima serie di Double Cash Collect con durata triennale

Blueindex: bene Axa e Bnp Paribas, le parole di Trump frenano Wall Street

BNP Paribas lancia un fondo sui titoli etici

Assogestioni, Bnp Paribas balza in testa

Bnp Paribas lancia 16 certificati

Bnp Paribas quota una serie di Bonus Cap su titoli azionari

Peugeot corre dopo acquisto Opel-Vauxhall

Nuovi investimenti – Bnp Paribas lancia la prima serie di Fixed Cash Collect

Nuova serie di Cash Collect per Bnp Paribas

Bnp Paribas raddoppia la spesa per il digitale a 3 miliardi

Bnp Paribas raddoppia la spesa per il digitale a 3 miliardi di euro

Bnp Paribas, ecco la nuova serie dei certificate Athena

Bnp Paribas emette nuovi Top Bonus Certificate

Bnp Paribas apre alle startup

L’insurtech è rosa: Isabella Fumagalli di BNP Paribas Cardif, premiata come donna innovativa

Bnp Paribas lancia nuovi certificate Cash Collect

World Payments Report 2016: pagamenti digitali in crescita del 10%

Bnp Paribas lancia una nuova serie di certificate cash collect

Al via Open-F@b Call4Ideas 2016, il contest per le startup in ambito assicurativo

Bnp Paribas, dal prossimo anno ancora più digital con Hello Bank!

Bnp Paribas e Capgemini portano a una svolta il World Payments Report

Al via il BNP Paribas International Hackathon 2016

Listini europei in rialzo, nonostante un deludente indice Zew

Bnp Paribas: è ancora presto per vendere Bund

Bnp Paribas: l’oro può toccare i 1.400 dollari l’oncia entro 12 mesi

Bnp Paribas lancia due obbligazioni in valuta estera

Bnl Azioni Europa Dividendo in ripresa, ma ancora non basta

Bnp Paribas lancia i nuovi certificati Recovery80

Ti può anche interessare

ETF Securities, record di afflussi nel 2016

Gli Aum sono cresciuti complessivamente di 5,863 milioni di dollari americani, segnando la migliore ...

Banca Imi quota 8 certificati Bonus Cap sul Sedex

Si tratta di Certificati d’investimento a capitale condizionatamente protetto, che corrispondono a ...

Certificati a go-go: appuntamento di mezza estate con i CF Webinars

Torna l’iniziativa ideata da UniCredit CIB e Bluerating e dedicata al rapporto tra i consulenti fi ...