Allianz Risk Transfer e Nephila insieme nella blockchain per i cat swap

A
A
A
di Ettore Mieli15 giugno 2016 | 16:04

Allianz Risk Transfer AG (ART) e Nephila Capital Limited (Nephila) annunciano di aver applicato con successo la tecnologia blockchain smart contract per la transazione di un nat-cat swap. Questo test non solo dimostra che, in caso di contratti con base blockchain, l’elaborazione e la gestione transazionale di fondi tra assicuratori e investitori possono essere accelerate e semplificate, ma anche che si possono offrire altri vantaggi, come la maggiore commerciabilità dei cat bond ed estendere l’applicazione di questa tecnologia ad altre transazioni assicurative.

I cosiddetti catastrophe (abbreviati in ‘cat’) swap e bond sono strumenti finanziari che trasferiscono una serie specifica di rischi – solitamente rischi di disastri naturali, come uragani e tifoni – da un assicuratore agli investitori o ad altri assicuratori, utilizzando trigger con parametri ben definiti. Nel caso di un cat swap finanziario, l’assicuratore paga un terzo per assumersi il rischio finanziario di un determinato evento catastrofico, come un uragano in Florida, in cambio di un pagamento o una serie di pagamenti. Se l’evento si verifica e risponde ai criteri trigger predefiniti, la terza parte è responsabile del rischio finanziario pre-concordato.

I cat bond seguono un principio simile, con la differenza che varie parti si assumono l’esposizione alla catastrofe tramite uno strumento finanziario cartolarizzato nel quale hanno investito. Se si verifica un evento catastrofico in linea con i parametri definiti, gli investitori perdono il capitale che hanno investito; altrimenti, ricevono interessi sotto forma di un pagamento periodico a “coupon” e la restituzione dell’investimento principale alla maturazione del bond.

La tecnologia smart contract su base blockchain ha il vantaggio di semplificare e accelerare il processo di gestione dei contratti di cat swap e cat bond. Ogni contratto convalidato nell’infrastruttura open shared contiene dati e codici auto-estraenti ad esso relativi. Quando si verifica un evento scatenante che risponde alle condizioni concordate, il contratto smart blockchain individua i data source predefiniti di tutti i contraenti, poi attiva ed esegue automaticamente pagamenti da o per le singole parti in causa.

“La tecnologia blockchain aumenterebbe affidabilità, verificabilità e rapidità sia per quanto riguarda i cat swap sia  per i cat bond, dato che, per confermare la legittimità di pagamenti e transazioni da e verso gli investitori, essa richiede una minore elaborazione manuale, autenticazione e verifica da parte degli  intermediari”, spiega Richard Boyd, chief underwriting officer alle Bermuda per Art. “Venendo meno gli interventi umani, che attualmente sono presenti in tutto il processo, si eliminano completamente i ritardi dovuti a dissidi e all’errore umano, con un effetto radicale sulla velocità e l’efficienza del processo e, nel caso dei bond, sulla commerciabilità di questi titoli”.

Blockchain è la tecnologia che sottende alla valuta digitale bitcoin, ma le sue applicazioni, come la criptovaluta o gli smart contracts, sono in fase di esplorazione in tutto il settore dei servizi finanziari. La tecnologia smart contract permette l’esecuzione digitale di contratti con libri contabili automatizzati e distribuiti, progettati per essere indistruttibili, con il vantaggio di ridurre in modo significativo le funzioni di arbitraggio solitamente eseguite da entità terze come banche, intermediari e amministratori, revisori e camere di compensazione.

Art e Nephila hanno collaborato con alcune aziende per effettuare una verifica sperimentale delle applicazioni del Blockchain e vedere come l’uso di questa tecnologia possa avere una rilevanza per il settore assicurativo: uno su tutti, l’ottimizzazione del processo di pagamento nel fronting internazionale per gli assicuratori captive, per il quale sono previste molteplici fasi per il trasferimento del premio da un’azienda alla sua filiale. “Riteniamo che la tecnologia”, aggiunge Laura Taylor, managing principal di Nephila, “guiderà il futuro delle assicurazioni. Abbiamo investito molto in questa direzione, e siamo lieti di estendere la nostra collaborazione strategica di lunga durata ad Art per l’utilizzo di Blockchain.”

Di questo avviso anche Solmaz Altin, alla guida della trasformazione digitale del gruppo Allianz come chief digital officer che spiega come “nel nostro percorso verso una maggiore digitalizzazione, Blockchain promette di aiutarci nella creazione di servizi più trasparenti, comodi e rapidi per i nostri clienti”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Al via ReFees, la startup che fa risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

La promessa è semplice: risparmiare in pochi click. A farla è ReFees, una startup che permette ag ...

Alleanza completa il più grande programma di digitalizzazione di una rete assicurativa in Europa

In meno di un anno Alleanza ha completato il progetto Digit@ll Care, il modello di gestione della cl ...

UniCredit e Alipay: da oggi è operativo anche in Italia il sistema di pagamenti più diffuso in Cina

Diventa operativo l’accordo tra UniCredit e Alipay, la più grande piattaforma di pagamento on-lin ...