Banche, addio password. Arriva il riconoscimento biometrico

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre27 giugno 2016 | 11:31

In un futuro per accedere al nostro account bancario potrebbe non servire più la password. Alcune delle più grandi banche degli Stati Uniti, scrive il New York Times, riconoscendo che le password tradizionali possono essere poco sicure, stanno iniziando a utilizzare le impronte digitali, le scansioni facciali e altri dati biometrici per salvaguardare i nostri conti correnti. Gli esempi non mancano.

Milioni di clienti di Bank of America, JPMorgan Chase e Wells Fargo abitualmente utilizzano le impronte digitali per accedere ai propri conti bancari attraverso i loro telefoni cellulari. Wells Fargo permette ad alcuni clienti la scansione dei loro occhi con i loro telefoni cellulari per accedere a conti aziendali. Citigroup verifica i circa 800.000 dei suoi clienti che hanno la carta di credito grazie al riconoscimento vocale. La United Services Automobile Association (USAA), società che fornisce servizi bancari e assicurativi ai membri delle forze armate e alla loro famiglie, identifica i suoi clienti attraverso i contorni del viso.

Alla base di queste scelte la preoccupazione sempre maggiore della vulnerabilità di milioni di indirizzi mail, numeri di telefono e altri account personali spesso caduti nelle mani di cyber-criminali a causa di sistemi di sicurezza inefficaci. A lungo considerata fantascienza, la biometria è stata testata dalle grandi banche perché ultimamente si sono superate le problematiche che ne impedivano l’utilizzo. Le scansioni ora riescono a essere efficaci anche con una cattiva illuminazione e il riconoscimento vocale funziona nonostante i rumori di sottofondo. Oggi, inoltre, quasi tutti gli smartphone prevedono un touch pad che permette la scan delle impronte digitali e i microfoni sono talmente potenti da catturare i minimi dettagli necessari.

Il trade-off, naturalmente, è che nella ricerca di maggiore sicurezza e la convenienza, i clienti rinuncino a parte della loro “identità fisica”. Molti clienti si domandano infatti se le loro informazioni biometriche diventeranno parte di una banca dati privata, simile a quella dell’Fbi, per intenderci. E per aumentare la sicurezza di queste pratiche innovative, le banche stanno sperimentando nuovi metodi. Wells Fargo ha, per esempio, lavorato con EyeVerify, una startup americana, per sviluppare la funzione di scansione dell’occhio, che ora è in fase di test per un piccolo gruppo di clienti aziendali. Per accedere al proprio account, l’utente quando apre l’app Wells Fargo su uno smartphone deve allineare i propri occhi in un paio di cerchi gialli sullo schermo del telefono. Se corrispondono, il cliente accede al conto. Gli utilizzi? Per esempio, potrebbe essere una buona alternativa al codice token fisico (la chiavetta che genera una password numerica) che, pur essendo generalmente sicuro, può essere una seccatura portarlo sempre in giro.

Bank of America, invece, ha abbracciato il metodo delle impronte digitali. Da quando ha iniziato ad offrire questa opzione a settembre dello scorso anno, circa il 33% dei 20 milioni di clienti mobile banking della banca hanno iniziato a utilizzare il dito per accedere la proprio account online. Ci sono ovviamente dei limiti. Ad esempio, ricorda ancora il NYT, i clienti di JPMorgan Chase possono accedere ai loro conti bancari con le loro impronte digitali, ma è necessario utilizzare una password tradizionale per il trasferimento di denaro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Una banca da cani

Fideuram Ispb, gli 11 big di marzo

L’appello green di Bny Mellon alle banche

Diamanti in banca, partono le azioni legali

Il futuro della banca non è in banca

Banca IMI cavalca l’inflazione Usa

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

10 trend per capire le banche nel 2018

Ing scatta sull’innovazione

SoGen ha i titoli per Byblos

Si riempie l’Officina Mps

Bonifici istantanei, la sfida alle banche

Riva (Anasf) e Mainò (Nafop), botta e risposta su Twitter

I cf all star di Widiba

La finanza digitale secondo Consob

Gli Elementi Essenziali di Mediolanum

Consulenti finanziari senza tutele

Il primo bilancio di Mifid 2 a Investments on the road con Banca IMI

Banca Generali, medaglia d’oro al top team

IWBank Private Investments, visita alla Superba

Il consulente digitale secondo Ing

Credit Suisse, Giacobbe coo per l’Italia

Ti può anche interessare

Il gender gap nel Fintech? Esiste e va superato

A Cura dell’Ufficio Studi di BorsadelCredito.it   Tra i professionisti dell’Itc le donne s ...

ITForum da record: l’edizione 2017 si chiude con più di 6.000 visitatori

Si chiude con più di 6.000 visitatori la diciottesima edizione di ITForum,la più grande manifes ...

Immobiliare.it punta sull’innovazione e lancia Immobiliare Labs

Dopo aver sfruttato, in anticipo sui tempi, le potenzialità date dalla banda larga e dalla diffusio ...