Banche, addio password. Arriva il riconoscimento biometrico

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre27 giugno 2016 | 11:31

In un futuro per accedere al nostro account bancario potrebbe non servire più la password. Alcune delle più grandi banche degli Stati Uniti, scrive il New York Times, riconoscendo che le password tradizionali possono essere poco sicure, stanno iniziando a utilizzare le impronte digitali, le scansioni facciali e altri dati biometrici per salvaguardare i nostri conti correnti. Gli esempi non mancano.

Milioni di clienti di Bank of America, JPMorgan Chase e Wells Fargo abitualmente utilizzano le impronte digitali per accedere ai propri conti bancari attraverso i loro telefoni cellulari. Wells Fargo permette ad alcuni clienti la scansione dei loro occhi con i loro telefoni cellulari per accedere a conti aziendali. Citigroup verifica i circa 800.000 dei suoi clienti che hanno la carta di credito grazie al riconoscimento vocale. La United Services Automobile Association (USAA), società che fornisce servizi bancari e assicurativi ai membri delle forze armate e alla loro famiglie, identifica i suoi clienti attraverso i contorni del viso.

Alla base di queste scelte la preoccupazione sempre maggiore della vulnerabilità di milioni di indirizzi mail, numeri di telefono e altri account personali spesso caduti nelle mani di cyber-criminali a causa di sistemi di sicurezza inefficaci. A lungo considerata fantascienza, la biometria è stata testata dalle grandi banche perché ultimamente si sono superate le problematiche che ne impedivano l’utilizzo. Le scansioni ora riescono a essere efficaci anche con una cattiva illuminazione e il riconoscimento vocale funziona nonostante i rumori di sottofondo. Oggi, inoltre, quasi tutti gli smartphone prevedono un touch pad che permette la scan delle impronte digitali e i microfoni sono talmente potenti da catturare i minimi dettagli necessari.

Il trade-off, naturalmente, è che nella ricerca di maggiore sicurezza e la convenienza, i clienti rinuncino a parte della loro “identità fisica”. Molti clienti si domandano infatti se le loro informazioni biometriche diventeranno parte di una banca dati privata, simile a quella dell’Fbi, per intenderci. E per aumentare la sicurezza di queste pratiche innovative, le banche stanno sperimentando nuovi metodi. Wells Fargo ha, per esempio, lavorato con EyeVerify, una startup americana, per sviluppare la funzione di scansione dell’occhio, che ora è in fase di test per un piccolo gruppo di clienti aziendali. Per accedere al proprio account, l’utente quando apre l’app Wells Fargo su uno smartphone deve allineare i propri occhi in un paio di cerchi gialli sullo schermo del telefono. Se corrispondono, il cliente accede al conto. Gli utilizzi? Per esempio, potrebbe essere una buona alternativa al codice token fisico (la chiavetta che genera una password numerica) che, pur essendo generalmente sicuro, può essere una seccatura portarlo sempre in giro.

Bank of America, invece, ha abbracciato il metodo delle impronte digitali. Da quando ha iniziato ad offrire questa opzione a settembre dello scorso anno, circa il 33% dei 20 milioni di clienti mobile banking della banca hanno iniziato a utilizzare il dito per accedere la proprio account online. Ci sono ovviamente dei limiti. Ad esempio, ricorda ancora il NYT, i clienti di JPMorgan Chase possono accedere ai loro conti bancari con le loro impronte digitali, ma è necessario utilizzare una password tradizionale per il trasferimento di denaro.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

Ti può anche interessare

SoFi pronta a raccogliere altri 500 milioni di dollari

Continua l’ascesa del settore dei prestiti online. SoFi, la startup fondata nel 2011 specializzata ...

Accordo di cooperazione nel Fintech fra Singapore e Giappone

La Monetary Authority of Singapore (MAS) e la Financial Services Agency (FSA) del Giappone hanno ann ...

Al via anche in Italia i primi esempi di Self-Service Banking

Non solo online banking. L’interazione con la banca si fa sempre più in autonomia anche dentro le ...