Banche, Intesa-SanPaolo si conferma in vetta tra i brand online 

A
A
A
di cavenaghi30 giugno 2016 | 09:11

Intesa-SanPaolo mantiene la testa della classifica dei miglior brand online nel settore bancario anche a giugno 2016. È quanto emerge dal report mensile di BEM Research che ha analizzato l’andamento online di 26 banche attive in Italia sulla base di 5 parametri: 1) i brand maggiormente cercati su Google; 2) la visibilità dei siti web su parole chiavi ad alto traffico relative al settore di riferimento; 3) la velocità di caricamento delle pagine web; 4) l’usabilità dei siti web; 5) il grado di competizione online nel settore in cui l’azienda opera.

Seconda si conferma Unicredit che migliora di 3,6 punti indice la sua performance (si attesta a 43,6). In terza posizione sale Banco di Napoli, istituto del gruppo Intesa-SanPaolo, che continua a migliorarsi: ad aprile era sesto, a maggio quarto e oggi conquista l’ultimo gradino del podio. Scala una casella in trenta giorni MPS, ora in quarta posizione, e chiude la classifica dei migliori Cariparma, società del gruppo francese Crédit Agricole. Esce dall’elenco dei top-five Banco Popolare: a maggio l’istituto veronese aveva agguantato la terza piazza anche sull’onda della fusione con BPM.Schermata 2016-06-30 alle 09.10.35

Nel complesso l’andamento dei 26 brand del settore bancario sul web italiano registra una media di punti indice di 29,7, un risultato in calo del 2% rispetto a maggio. Il grado di competizione su Internet è considerato da BEM Research “basso” e il numero delle ricerche su Google per parole-chiave segna un -10% rispetto a un anno fa.

«L’andamento sul web di tutto il settore bancario dimostra come per gli istituti di credito la presenza sul territorio sia ancora importante – spiega Carlo Milani, direttore di BEM Research – Per il futuro è determinante che le banche si presentino sul web in modo chiaro e semplice; per avvicinarsi alla nuova clientela e per poter offrire in modo trasparente le informazioni che regolano il settore. All’indomani del referendum sulla Brexit le banche italiane sono state oggetto di pesanti vendite in Borsa e il risultato del voto sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea potrebbe pesare sui mercati internazionali ancora a lungo. È indispensabile per l’intero settore costruirsi una solida reputazione sul web per mettere un argine al panic selling», conclude Milani.

 

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Non si ferma la crescita di Credit China

Credit China FinTech Holdings Ltd è nata a Hong Kong nel 2010 e non ha mai smesso di crescere grazi ...

Blockchain protagonista al Fintech Up meeting di Talent Garden

Secondo incontro del ciclo Fintech Up al Talent Garden Milano Calabiana quello tenutosi ieri sera, n ...

Monica Regazzi sul successo di Homepal ai FintechAge Awards: “Progetto disruptive”

“Questo riconoscimento gratifica i quasi due anni di grande passione, energia e impegno da par ...