Per Citigroup bitcoin non è una minaccia per le banche

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre4 luglio 2016 | 10:22

Secondo un nuovo report stilato dagli esperti di Citibank, la moneta digitale Bitcoin non costituisce ancora una minaccia per le reti di pagamento delle banche. Si tratta, è vero, di un esperimento interessante ma con un utilizzo limitato per i trasferimento peer-to-peer. Il team di ricerca della banca capeggiato da Keith Horowitz che ha scritto il report – con il contributo di Adrien Porter, Frieda Liao, e Michael Cronin – indica problemi come la scalabilità, l’adozione della rete e la mancanza di un quadro giuridico/normativo per la risoluzione delle controversie, come svantaggi per una possibile adozione più diffusa della moneta virtuale.

Insomma, confrontando una rete decentrata come Bitcoin con le reti centralizzate come l’intera infrastruttura finanziaria globale esistente, il team di Citi conclude che quest’ultime funzionano anche meglio dei Bitcoin. Lo studio, inoltre, evidenzia come ci sano casi interessanti nel panorama dei pagamenti digitali, come Circle, BitPesa e Abra, che però sono casi aziendali di nicchia. Secondo Citi nessuno ha ancora sviluppat una cosiddetta “killer application” in grado di lanciare la criptovaluta nel giro mainstream. Per ora la rete dei Bitcoin comporta notevoli costi legati al consumo energetico. Costi che alla fine finirebbero a carico degli utenti attraverso tasse internazionali, che renderebbero il sistema più costoso di quello tradizionale.

Quindi non c’è futuro per la moneta digitale? Tutt’altro. Citi è chiaramente interessato, visto che fa parte di un consorzio internazionale di banche guidato dalla startup R3 che sta costruendo infrastrutture basate sula tecnologia blockchain. All’interno del suo laboratorio di innovazione, la banca ha, per esempio, testato la valuta digitale “Citicoins“. Inoltre, ricorda il WSJ, la squadra di Horowitz ha scritto sul tema altri due documenti, in uno dei quali si concludeva che la blockchain ha un potenziale, ma è ancora presto per un utilizzo su larga scala.

In conclusione, Bitcoin può essere considerata una minaccia per le banche? “Consideriamo l’emissione della monete digitali come una minaccia significativa per il ruolo centrale delle banche nei pagamenti. Ma non sembra davvero un pericolo nel breve termine”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Trump presidente scuote la Silicon Valley

L’elezione di Donald Trump a Presidente degli Stati Uniti d’America è giunta come un fulmine al ...

Le 7 startup insurtech migliori in Europa

L’industria assicurativa sta radicalmente evolvendosi per tenere il passo ed integrare strumenti i ...

Euklid incassa 400 mila euro e vale già 10 milioni

Euklid srl, la piattaforma italiana di intelligenza artificiale applicata al trading in bitcoin, ha ...