Metà degli italiani dice già sì ai robo-advisor, purché con l’appoggio di un consulente

A
A
A
Marco Barlassina di Marco Barlassina5 luglio 2016 | 10:52

Più della metà degli italiani è pronta ad affidare la gestione dei propri risparmi ai cosiddetti robo-advisor, le piattaforme online che offrono soluzioni di investimento tramite algoritmi. E’ quanto emerge dall’edizione 2016 dello Schroders Global Investor Study.

Anche nell’approccio alla tecnologia gli investitori italiani richiedono comunque il supporto di un professionista del risparmio: se il 60% degli investitori coinvolti dalla ricerca è infatti pronto ad abbracciare la nuova frontiera degli investimenti, ben il 49% condiziona la sua disponibilità alla possibilità di interagire con un consulente, mentre solo l’11% si dice pronto a percorrere questa strada in autonomia.

Il restante 40% del campione di investitori[1] sondato da Schroders in Italia (1.000 rispondenti, su un dato globale di 20.000 in 28 Paesi) si divide tra chi al momento dice no a questa possibilità, ma lascia uno spiraglio aperto per il futuro (31%), e chi la esclude completamente, sentendo il bisogno di un contatto diretto, in prima persona, con un consulente (9%).

A livello demografico, prevedibilmente i millennial italiani (18-35 anni) sembrano più propensi a sfruttare le nuove tecnologie: il 70% è pronto infatti, autonomamente o con il supporto online di un consulente, ad affidarsi a un robo advisor. La percentuale scende invece al 45% tra gli investitori italiani con più di 55 anni.

Consulenti finanziari italiani: più pragmatici rispetto ai colleghi esteri

L’avvento dei robo-advisor sembra quindi costituire un’opportunità per i consulenti finanziari, più che una minaccia. Gli investitori evidenziano infatti, pur con modalità evolute, il bisogno di continuare a essere supportati nei processi decisionali dai consulenti finanziari.

Questi ultimi, in base ai dati sull’Italia che emergono dallo studio di Schroders su un campione di 1.836 consulenti a livello globale, di cui 215 italiani, potrebbero godere di un buon grado di fiducia da parte degli investitori per via del profilo distintivo di maggiore pragmatismo e cautela rispetto ai colleghi esteri. Sono infatti mediamente più propensi a sensibilizzare i loro clienti a una prospettiva di medio-lungo periodo e più realisti in termini di ritorni conseguibili. Mentre il lasso di tempo raccomandato agli investitori dai consulenti finanziari a livello globale è di poco superiore ai 4 anni (4,3 anni), i consulenti italiani in media consigliano ai clienti di detenere un investimento per quasi sei anni (5,8 anni). Ciò evidenzia una maggiore attenzione a “educare” gli investitori a obiettivi e logiche di lungo termine.

Più nel dettaglio, il 65% dei consulenti finanziari italiani interpellati dichiara di adottare un orizzonte superiore ai 3 anni (47% il dato globale), mentre solo il 4% consiglia di investire a un anno (10% globale). Per quanto riguarda le aspettative di rendimento, i consulenti italiani, in media, puntano a ottenere un ritorno del 5,9% annuo dagli investimenti dei loro clienti, ben due punti percentuali sotto la media globale (7,9% annuo), denotando un maggior realismo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cf certificati, occasione da non perdere

Consulenti, ecco tutte le prestazioni di Enasarco

Consulenti, la “segnalazione” della banca conta più delle competenze

Consulenti, come migliorare il proprio brand su internet

Consulenti, conto alla rovescia per il nuovo regolamento Consob

Consulenti, negli Usa le fee spingono i compensi

Il prossimo domani dei consulenti finanziari

Mifid 2, ecco il testo del decreto: salvo il 30-bis

Consulenti, boom negli Usa

La Mifid 2 diventa legge

Consulenti, che guadagni in America con le stock option

Diritto camerale annuale, Anasf mette in guardia dal bollettino farlocco

Mifid 2, passi avanti in Senato

Consob alla Camera: riscrivere il Tuf. Il video dell’audizione su Mifid 2

Consulenti, tutti gli eventi certificati Efpa e Cfa di ITForum 2017

Autonomi, la rabbia del sindacato: l’Albo dei consulenti è ancora al palo

Consulenza finanziaria, le nuove tappe del roadshow targato Consultique

BlackRock scalda i motori per l’Investment Tour 2017

Consulenti finanziari: più richiesti, anche dai giovani

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Enasarco, tutti i numeri dei consulenti iscritti

Consulenti, Schroders girerà l’Italia con il Campionato 2017

ITForum Milano 2016, successo per un’edizione ricca di novità

Azimut in tour, quattro tappe tra Nord e Sud

Fineco, Foti spiega le tre regole per investire sereni

Assoreti punta sulla formazione e assegna le borse di studio

ITForum di Milano, due giorni di grandi appuntamenti

Il miglior consulente indipendente d’Italia è digitale

Scm Sim, al via il roadshow ’’Beyond wealth management, life coaching’’

Robo-advisor: per 3 consulenti su 4 sono ok per migliorare l’efficienza

BlackRock, nuovo roadshow nazionale per incontrare i consulenti finanziari

Guazzugli (Anasf): sull’educazione finanziaria faremo la nostra parte

Consob: “Se il cliente ha cultura finanziaria si affida al consulente”

Ti può anche interessare

Con Tinaba anche la pista di pattinaggio si paga con l’app

Oggi, 6 dicembre, sarà inaugurata, alla presenza del Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni ...

5 modi per avere successo con il software open source

Nel corso dell’ultimo anno abbiamo visto la tecnologia open source farsi strada in modo importante ...

UniCredit e Alipay: da oggi è operativo anche in Italia il sistema di pagamenti più diffuso in Cina

Diventa operativo l’accordo tra UniCredit e Alipay, la più grande piattaforma di pagamento on-lin ...