Assicurazioni: le compagnie salvano il business solo alleandosi con l’Insurtech

A
A
A
Marco Barlassina di Marco Barlassina20 luglio 2016 | 11:25

Più profitti e un migliore servizio alla clientela. Sarebbero questi per le compagnie assicurative tradizionali i risultati dell’incontro con l’Insurtech, ossia con il mondo della tecnologia applicata alle polizze.

A dirlo è un nuovo report elaborato da Startupbootcamp InsurTech e Pwc. Secondo lo studio i nuovi attori dell’Insurtech stanno rivoluzionando lo scenario disegnando nuovi prodotti capaci di incontrare i bisogni dei clienti e stabilendo maggiori livelli di trasparenza.
Questi nuovi entranti sono attualmente posizionati più come dei supporti che non come dei distruttori e completeranno l’offerta degli assicuratori piuttosto che rimpiazzarla.

Gli investimenti nel Fintech e nell'Insurtech

Gli investimenti nel Fintech e nell’Insurtech

Ecco di seguito i principali risultati dello studio:

– nonostante l’Insurtech stia crescendo rapidamente non ha ancora raggiunto la scala dell’industria Fintech, ma questo sta cambiando rapidamente. Nel primo trimestre del 2016 gli investimenti nell’Insurtech hanno raggiunto la cifra mai toccata di 650 milioni di dollari;

– le società dell’Insurtech potrebbero operare come supporti più che come distruttori, ad esempio per incontrare i nuovi bisogni dei clienti, per costruire relazioni più forti, per sviluppare l’utilizzo di dati e analytics;

– la maggioranza delle startup Insurtech stanno innovando nell’area del rapporto con i clienti. Il 35% delle applicazioni sviluppate sono finalizzate a migliorare la qualità e la frequenza con cui la clientela interagisce con la compagnia;

– molte compagnie di assicurazione vedono un grosso potenziale per l’Insurtech nella trasformazione del back-office, ossia nell’operatività interna delle compagnie;

– fare leva sulle tecnologie emergenti può essere uno dei modi a disposizione delle società Insurtech per innovare, ma non è l’unico. I più grandi innovatori combinano il digitale con un tocco umano;

la collaborazione tra compagnie tradizionali e startup Insurtech è la più grande opportunità. Non a caso l’80% dei partner di Startupbootcamps’s ha in corso delle partnership con startup;

il 90% dei manager delle compagnie tradizionali ritiene che almeno parte del loro business sia a rischio a causa dei player operanti nell’Insurtech.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Un viaggio sicuro con Allianz GA

L’unico frutto della polizza…è la banana (gonfiabile)

Digitali e assicurati

Axa Italia, assistenza ad alta tecnologia

Polizze Vita, così cambieranno le regole

Polizze vita, bomba della Cassazione

Zurich si mette in Moto

Zurich sempre più smart

La blockchain nel futuro delle assicurazioni

Tutelarsi dopo il mutuo, ecco la polizza

Ubi Banca, un occhio al private, l’altro al retail

Una polizza col sorriso per Deutsche Bank

Generali, utile sopra i 2 miliardi

Bufera sulle polizze vita

La forza del cambiamento di Amissima in tour

Axa Italia, la compagnia assicurativa più innovativa dell’anno

Eurovita, un nuovo volto indipendente dalle solide radici

Allianz GCS, nuovo prodotto per gestire i rischi corporate

Polizze, Reale Mutua e G Data insieme per l’insurtech

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Generali: attesa per cessioni riporta interesse sul titolo

Generali cede le attività Vita in Germania? Per gli analisti sarebbe coerente

Nuovo bond catastrofale per Generali Assicurazioni

Ping An, Allianz e Axa: i tre big mondiali dell’assicurazione giocano a tutto campo

Itas: è Agrusti il nuovo direttore generale

Nuovo Ceo per AIG: è Duperreault, manager specializzato in turnaround

Seul testa sistema di pagamento digitale per polizze sanitarie

Assicurazioni: Genialloyd vince nella classifica dei migliori brand online di marzo

Come cambia la distribuzione assicurativa nell’era del FinTech

Insurtech: il nuovo volto delle assicurazioni

SeedUp assisterà lo sviluppo di Plus35

Polizze, in aumento la ricerca di coperture sulla casa

MioAssicuratore incassa 300 mila euro da incubatori e angeli

Ti può anche interessare

Milano, taglio del nastro per il Fintech District

Si tratta della prima area urbana dedicata alle imprese e alle startup che lavorano per fondere la t ...

Bonsignore (Mobysign): “Pagare con smartphone ora è facile e veloce”

Il ceo di Mobysign illustra a Bluerating.com le caratteristiche dell'app, già scelta da Coop e Orac ...

Oracle e Bank of America scelgono l’app italiana Mobysign

In Italia, Mobysign è stata già adottata per il pagamento istantaneo della spesa presso tutte le c ...