Le banche ora cercano le partnership col Fintech, ma il cliente è già passato al comando – studio PwC

A
A
A
di cavenaghi28 luglio 2016 | 14:32

La maggioranza delle banche – preoccupata di perdere parte del proprio business a vantaggio delle nuove realtà FinTech – sta stringendo delle collaborazioni con questi player con l’obiettivo di migliorare i propri servizi. E a beneficiarne è soprattutto il consumatore.

E’ quanto risulta dallo studio Global FinTech Survey 2016 di PwC, che ha raccolto la view di circa 550 CEO, head of Innovation e chief information officers a livello globale.

Secondo il 76% delle banche intervistate dal sondaggio, le attività del settore rischiano una flessione a vantaggio dei player FinTech: le start-up riescono a raggiungere direttamente l’utente finale, scavalcando e superando le banche tradizionali. Non sorprende, dunque, che una perdita della quota di mercato e una pressione dei margini spicchino tra le minacce sostanziali percepite dal comparto bancario.

Tre quarti degli intervistati indicano che l’impatto principale delle tecnologie FinTech sul settore bancario sarà un servizio sempre più incentrato sul cliente. Ma il cliente al centro, punto debole delle banche tradizionali, rappresenta invece il punto di forza delle start-up che, cogliendo le frustrazioni della clientela come un’opportunità, si adoperano per risolverle, mentre i player tradizionali rimangono indietro e tardano in tale sviluppo.

Il risultato della competizione tra queste nuove realtà e le banche, che risultano le più attive di tutto il settore finanziario a stringere partnership con i player FinTech, è l’approcciarsi di forme di collaborazione diretta. Il 42% degli intervistati conferma infatti l’avvio di partnership congiunte e l’istituzione di venture fund a finanziamento di queste nuove società.

Fabiano Quadrelli, FS Consulting Leader di PwC, ha spiegato:

“I clienti vogliono servizi convenienti, personalizzati, accessibili e user friendly. Per soddisfare queste aspettative, le banche e le società FinTech dovrebbero concentrarsi su opportunità che facciano leva sulle forze reciproche, che si tratti di nuovi prodotti e sviluppi da parte delle start-up o di capacità di distribuzione e infrastrutture lato banche. Le FinTech, seppur bravissime a offrire prodotti semplificati e un’integrazione incredibilmente fluida, mancano dell’opportuna sicurezza informatica e della certezza regolamentare che invece caratterizzano le banche. Vediamo quindi le due estremità muoversi verso una relazione nuova e reciprocamente vantaggiosa, e a beneficiarne più di tutti alla fine sarà il cliente”.

Ma Quadrelli avverte che malgrado l’importanza di una cooperazione tra banche tradizionali e nuovi player, la fase di attuazione è ancora preliminare e potrà volerci del tempo per raggiungere un accordo su come implementarla al meglio:

“Nel frattempo, le banche dovrebbero iniziare a semplificare prodotti e servizi per facilitare il confronto tra i player del mercato e mitigare la confusione del cliente. In parallelo, è cruciale da parte loro ideare dei prodotti basati sull’esperienza dell’utente, piuttosto che mantenere il solito approccio di “procedure secondo le linee guida”. Le banche dovrebbero infine prestare ascolto al feedback dei clienti e tradurlo in un’offerta di servizio in maniera puntuale. Tutte azioni queste che vanno intraprese a prescindere dalla rivoluzione avviata dal FinTech.”

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Mobile Payment: una grande opportunità per le banche, ma il tempo stringe

I servizi di mobile payment stanno assumendo un ruolo sempre più rilevante a livello mondiale. In ...

Fintech, BFC porta in Borsa i player nazionali del settore

Blue Financial Communication organizza per giovedì prossimo alle 11.45 un incontro sulle nuove fron ...

Buddybank sta arrivando, a breve la data di lancio della banca molecolare di Unicredit

Nessun cambio di rotta o ripensamento. BuddyBank, la banca nativa digitale targata Unicredit, è in ...