World Payments Report 2016: pagamenti digitali in crescita del 10%

A
A
A
di cavenaghi23 settembre 2016 | 10:36

Il volume globale dei pagamenti digitali continua ad aumentare, per la prima volta con una crescita annua prevista del 10% che nel 2015 ha consentito di raggiungere i 426,3 miliardi di transazioni, con un ulteriore incremento rispetto alla crescita record dell’8,9% registrata nel 2014 (387,3 miliardi di transazioni). Questi i dati che emergono dal World Payments Report 2016 (WPR) pubblicato oggi da Capgemini, leader mondiale dei servizi di consulenza, tecnologia e outsourcing, e BNP Paribas.

L’incremento delle transazioni di pagamenti digitali è in gran parte dovuto alla forte crescita economica dei maggiori Paesi in via di sviluppo, alla diffusione di misure di sicurezza più efficaci come ad esempio l’EMV  e la biometria, e alle iniziative dei governi volte a favorire i pagamenti elettronici nei mercati emergenti. Questo fenomeno si verifica tuttavia in un momento in cui le banche devono affrontare una crescente richiesta di servizi integrati e sicuri per le transazioni digitali, in particolare da parte dei clienti aziendali, e sono così stimolate a intensificare gli investimenti e la collaborazione con gli altri istituti e/o le FinTech (aziende finanziarie tecnologiche) per ridurre il tempo di erogazione di transazioni digitali diversificate.

Le banche devono ‘pensare digitale’ per conservare e incrementare la quota di mercato delle transazioni

I temi centrali del WPR 2016 sono le sfide e le opportunità associate alle transazioni bancarie. “Mentre le aspettative fondamentali degli istituti bancari non sono cambiate negli ultimi anni – controllo, visibilità sulla liquidità, gestione del rischio – le imprese si aspettano che le banche riescano a digitalizzare sempre di più i processi di supporto, come ad esempio la gestione del conto, i data analytics, il monitoraggio della conformità e l’identificazione e la prevenzione delle frodi”, ha dichiarato Jean-Francois Denis, Deputy Global Head of Cash Management di BNP Paribas. “Per le banche questo implica accelerare il passaggio alla digitalizzazione e adottare un approccio più collaborativo“.

Il WPR è la fonte principale di dati, tendenze e approfondimenti sui pagamenti non in contanti a livello globale e regionale e sulle iniziative KRII (key regulatory and industry initiatives) che disciplinano queste transazioni. Il report analizza il modo in cui l’innovazione digitale sta influenzando il mondo aziendale e le sue implicazioni per le banche e le imprese.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mondiale, un’obbligazione per lo sviluppo sostenibile

BNP Paribas lancia un progetto educational sui certificate

Bnp Paribas, Promutico alla guida de L’Atelier di San Francisco

Bnp Paribas, utile in calo ma sopra le attese

Classifiche Bluerating: BNP Paribas AM in testa tra i fondi Azionari Russia

Bimbi in ufficio da Bnp Paribas Italia

Bnp Paribas lancia la prima serie di Double Cash Collect con durata triennale

Blueindex: bene Axa e Bnp Paribas, le parole di Trump frenano Wall Street

BNP Paribas lancia un fondo sui titoli etici

Assogestioni, Bnp Paribas balza in testa

Bnp Paribas lancia 16 certificati

Bnp Paribas quota una serie di Bonus Cap su titoli azionari

Peugeot corre dopo acquisto Opel-Vauxhall

Nuovi investimenti – Bnp Paribas lancia la prima serie di Fixed Cash Collect

Nuova serie di Cash Collect per Bnp Paribas

Bnp Paribas raddoppia la spesa per il digitale a 3 miliardi

Bnp Paribas raddoppia la spesa per il digitale a 3 miliardi di euro

Bnp Paribas, ecco la nuova serie dei certificate Athena

Bnp Paribas emette nuovi Top Bonus Certificate

Bnp Paribas apre alle startup

L’insurtech è rosa: Isabella Fumagalli di BNP Paribas Cardif, premiata come donna innovativa

Bnp Paribas lancia nuovi certificate Cash Collect

Bnp Paribas lancia una nuova serie di certificate cash collect

Al via Open-F@b Call4Ideas 2016, il contest per le startup in ambito assicurativo

Bnp Paribas, dal prossimo anno ancora più digital con Hello Bank!

Bnp Paribas e Capgemini portano a una svolta il World Payments Report

Al via il BNP Paribas International Hackathon 2016

Listini europei in rialzo, nonostante un deludente indice Zew

Bnp Paribas: è ancora presto per vendere Bund

Bnp Paribas: l’oro può toccare i 1.400 dollari l’oncia entro 12 mesi

Bnp Paribas lancia due obbligazioni in valuta estera

Bnl Azioni Europa Dividendo in ripresa, ma ancora non basta

Bnp Paribas lancia i nuovi certificati Recovery80

Ti può anche interessare

Le donne guidano le richieste di prestito online per ristrutturazione e arredamento

Quando si parla di casa e arredamento il gusto e l’attenzione al dettaglio delle donne non sono ce ...

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

In Italia abbiamo un bar ogni pochi metri, nelle città come nei piccoli centri, tanto che Starbucks ...

In Australia il Fintech a supporto delle Startup

Jeremy Liddle è un tipo sveglio!  Australiano trentaquattrenne, laureato in economia, ha iniziato ...