Il Giappone punta sulle startup del FinTech

A
A
A
di Redazione30 settembre 2016 | 10:14

Come scrive il Financial Times, le maggiori banche giapponesi hanno deciso di versare centinaia di milioni di dollari nelle startup del fintech dopo l’abolizione di una legge che impediva loro di detenere una quota superiore al 5% in società tecnologiche.

Le modifiche legislative fanno parte di un piano nazionale che mira alla crescita tecnologica in ambito finanziario, mettendo in luce anche il timore da parte dei giapponesi che la Silicon Valley possa decimare il loro settore bancario come precedentemente accaduto per quello della telefonia mobile.

Le società giapponesi si stanno già muovendo in questo senso. Rekuten, gruppo di e-commerce, ha lanciato un fondo di 100 milioni di dollari per investire in società fintech, mentre SBI Holdings, all’inizio dell’anno ha dato vita a un fondo di fintech venture con di circa 300 milioni di dollari di dotazione. Per usare le parole del vice primo ministro Taro Aso, “i banchieri che lavorano in giacca e cravatta hanno iniziato a collaborare con giovani in t-shirt e jeans.”

(tratto da Private Capital Today – AIFI)

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

La crescita dell’Italia? Passa dal digital payment

Un panel d’eccezione per il secondo confronto con le Istituzioni promosso dall’Associazione Ital ...

Direct Lending: come funziona e perché è un mercato con grandi potenzialità

Nel 2016, secondo Deloitte, i fondi di direct lending in Europa hanno erogato 13 miliardi di euro in ...

Fideuram ISPB: dai FintechAge Awards un riconoscimento all’innovazione di Alfabeto

Il commento di Raffaele Levi, responsabile modello di business di Fideuram – ISPB alla conseg ...