Una FinTech italiana darà i voti alle banche internazionali

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre4 ottobre 2016 | 14:02

Da oggi un’agenzia di rating italiana potrà emettere valutazioni sul sistema bancario mondiale. ModeFinance, prima fintech a essere registrata come agenzia di rating in Europa (nel luglio 2015), è stata ora autorizzata (mediante procedura material changes e market consulation) dall’Esma, l’autorità di vigilanza europea degli strumenti e dei mercati finanziari, a fornire il “credit rating” di tutte le banche commerciali al mondo: più di 25 mila istituti in oltre 200 Stati.

Si tratta della prima agenzia di rating italiana, la sede è a Trieste, ad essere ammessa a svolgere questa funzione. Anche in campo internazionale, le principali agenzie di rating concentrano la loro attività nel settore corporate o sui titoli sovrani, mentre sono minoritarie le valutazioni sul sistema creditizio.

Valentino Pediroda, fondatore di ModeFinance

Valentino Pediroda, co-fondatore di ModeFinance

“In questa fase storica della finanza internazionale”, commentano Valentino Pediroda e Mattia Ciprian, fondatori di modeFinance, “si avverte invece una richiesta di maggiore trasparenza e sicurezza, a tutela di investimenti e operazioni di M&A che riguardano in particolar modo le piccole realtà bancarie e finanziarie. Utilizziamo per le nostre valutazioni una innovativa tecnologia di proprietà, “MORE for Banks” che riesce a semplificare e a riassumere in un unico elemento, il rating, l’analisi di realtà complesse come le banche. Grazie a questa autorizzazione e alla nostra tecnologica fintech, svilupperemo maggiormente le nostre piattaforme informatiche di analisi offrendo un servizio estremamente utile per i fondi di investimento, per le banche stesse nelle operazioni di prestito fra banche (interbank lending market) e per le aziende”.

ModeFinance nasce nel 2009 dall’intuizione di applicare i big data alle valutazioni finanziarie. Attraverso la propria metodologia di valutazione MORE (Multi Objective Rating Evaluation), modeFinance è in grado di valutare il rischio del credito di società e banche combinando le informazioni di bilancio con molte altre variabili che possono evidenziare i livelli di solidità della realtà valutata, come l’organigramma, il settore merceologico di riferimento, la nazione e il curriculum del management. Informazioni raccolte e immagazzinate attraverso un complesso lavoro di data mining, ovvero di esplorazione e gestione degli open data finanziari.

mattia-ciprian

Mattia Ciprian, co-fondatore di ModeFinance

“I big data”, concludono Pediroda e Ciprian, “consentiranno di abbattere ulteriormente i costi di business intelligence e rendere la valutazione del credito un’attività accessibile anche ai piccoli e disponibile anche in quei settori o in quelle nazioni connotati da una minore trasparenza o libertà economica. Grazie ai big data siamo in grado di valutare qualsiasi società e banca al mondo, anche in assenza di bilanci. Oggi possiamo esprimere un giudizio su 200 milioni di aziende in più di 200 Stati al mondo“.

Al fine di aumentare la trasparenza della metodologia “MORE for Banks”, seguendo le linee guida e le best practice delineate dall’Esma, modeFinance ha aperto all’interno del proprio sito web (cra.modeFinance.com) una consultazione pubblica (market consultation) aperta agli stakeholders (fondi di investimento, sgr, sim, istituti bancari stessi) al fine di raccogliere opinioni, osservazioni ed eventuali consigli.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Internet banking, Italia tra gli ultimi in Europa 

L’Italia è tra i paesi europei con la più bassa diffusione dell’internet banking: solo il 28% ...

Crescita record per le startup italiane: sono raddoppiate rispetto al biennio precedente

Secondo la Relazione annuale 2016 del Mise, in Italia le startup sono quasi 7mila, il doppio rispett ...

Blockchain per il crowdfunding in arrivo dal Canada

Arrivano dal Canada importanti novità per il mondo del crowdfunding che vedrà protagoniste, tra le ...