Il mercato dei capitali ha fame di PMI italiane, Epic le chiama a raccolta online

A
A
A
Marco Barlassina di Marco Barlassina10 novembre 2016 | 10:00

Gli investitori aderenti a Epic, private investment community dell’economia reale, vogliono investire nei progetti di crescita delle PMI italiane. Una domanda, quella proveniente da investitori professionali, istituzionali e privati qualificati, italiani e internazionali, che è superiore all’offerta nonostante il cronico bisogno di finanziamento alternativo a quello bancario che affligge le medie aziende italiane.

Per questo motivo Epic ha deciso di lanciare una “call” agli imprenditori disposti a ricevere l’investimento in equity o in obbligazioni nelle loro aziende.

A contraddistinguere la call è il metodo utilizzato. Rispetto alla consueta telefonata in ufficio, Epic ha previsto un metodo standard tramite la predisposizione di un modulo online accessibile dal suo sito (www.epic.it) fino al 7 dicembre.

Epic ha raccolto anche le preferenze degli investitori in termini di settore, livello di rischio, ammontare dell’operazione, dimensione e indicatori economici delle aziende. Al momento sono solo escluse le imprese che operano nei settori real estate, finanziario e gioco d’azzardo.

I requisiti minimi delle imprese interessate ad incontrare gli investitori della community per operazioni di debito (ad es. emissione di minibond) sono:

  • ultimo bilancio certificato (o impegno a certificarlo prima della conclusione dell’operazione richiesta),
  • EBITDA pari o superiore a 2 milioni di Euro,
  • rapporto PFN / EBITDA inferiore a 2  (se l’EBITDA è fra 2 e 3 milioni)  o inferiore a 4 (se l’EBITDA è superiore a 3 milioni di Euro),
  • disponibilità a richiedere giudizio di rating da agenzia ESMA (per operazioni superiori ai 10 milioni di Euro),
  • assenza di tensioni nei rapporti bancari per gli ultimi 12 mesi,
  • uso dei proventi preferibilmente per sviluppo (crescita organica o tramite acquisizioni), ma anche per sostituzione linee a breve, finanziamento del circolante,
  • vengono inoltre valutati i rapporti tra debiti tributari e fatturato e tra debiti previdenziali e costo del personale.

Per operazioni di tipo equity ci sarà invece una valutazione caso per caso che terrà conto di elementi quali dimensione e settore della società, indicatori economici, prospettive di crescita organica ed esterna, struttura dell’operazione proposta e uso dei proventi, operatività internazionale, struttura e aspettative della compagine azionaria (es. ingresso nuovi investitori in minoranza o maggioranza, ricambio generazionale). In questa fase gli investitori guardano a imprese con un EBITDA minimo di 2 milioni di Euro.

Una lista selezionata di investitori ha espresso preferenze anche per imprese in “situazioni speciali” (tensione o ristrutturazione).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Diment (Aberdeen Am): “Rischi e opportunità del debito emergente”

Ocse: la ripresa tarda ad arrivare in Italia

Muzinich: il rendimento va ricercato nel debito emergente

Ti può anche interessare

Il fondatore di Stripe diventa il più giovane miliardario al mondo

Secondo l’annuale classifica dei ricchi stilata dalla rivista Forbes, John Collison, fondatore del ...

Intesa Sanpaolo e Intellectual Ventures insieme per l’innovazione

Il gruppo Intesa Sanpaolo ha siglato un accordo con Intellectual Ventures (Bellevue, Washington), so ...

500mila euro in meno di 10 ore: è boom per il crowdfunding della batteria green

Nessuno così veloce prima. Sono bastate 10 ore a Green Energy Storage, la giovane azienda italiana ...