Moneyfarm lancia la prima gestione patrimoniale per tutti

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre16 gennaio 2017 | 12:01

Il 2017 per Moneyfarm parte subito in quarta. La società di consulenza finanziaria che opera online lancia il nuovo servizio di gestione patrimoniale in etf che si aggiunge, a un costo invariato e senza alcuna soglia minima di investimento, al servizio in amministrato disponibile in Italia già dal 2013. Da oggi, grazie a questa nuova soluzione, i clienti Moneyfarm potranno quindi affidare un mandato di gestione alla società che, all’interno di obiettivi di rischio-rendimento condivisi in fase di allocazione di portafoglio, agirà da gestore autonomo, attuando via via tutti gli aggiustamenti necessari al portafoglio per essere in linea con gli obiettivi prefissati.

Il cliente potrà scegliere tra un portafoglio in amministrato o un portafoglio in gestito – o anche detenere entrambe le soluzioni con uno (o più) portafogli. A differenza del servizio in amministrato non sarà più necessario accettare e confermare i consigli di ribilanciamento di portafoglio nel corso dell’anno, che saranno applicati ed eseguiti automaticamente dal team di gestione di Moneyfarm. Comune denominatore restano gli etf, strumento che Moneyfarm ha scelto per la caratteristica unica di combinare diversificazione, trasparenza, liquidità e bassi costi.

“Queste importanti novità”, ha commentato Paolo Galvani, Presidente di Moneyfarm, “sono in linea con il nostro obiettivo di dare alle persone gli strumenti necessari per proteggere il proprio capitale nel tempo e gestirlo in maniera quanto più semplice ed efficiente andando a ottimizzare quelle componenti di costo, come le tasse o i costi di distribuzione, che gravano sul rendimento finale senza aggiungere un reale valore al servizio finale. Il nostro sguardo è quindi sempre rivolto in avanti, per migliorare continuamente la nostra offerta e avvicinarci quanto più possibile ai bisogni degli investitori”.

La gestione patrimoniale in etf di Moneyfarm, oltre a non prevedere nessun investimento minimo di accesso, si differenzia per semplicità d’uso e trasparenza. I clienti infatti potranno accedere costantemente e in tempo reale al proprio portafoglio con massima visibilità sull’andamento, sulla composizione del portafoglio e sulle scelte di investimento effettuate dal team di gestione della società. Inoltre un consulente dedicato sarà sempre a disposizione del cliente (sia gestito che amministrato) via web con chat ad hoc o tramite numero verde.

Se il costo del servizio rimane del tutto invariato rispetto al servizio in amministrato (0,7% o 0,5% a seconda dell’ammontare investito) calcolato sul controvalore totale dei portafogli, il cliente potrà riscontrare un importante vantaggio dal punto di vista di efficienza fiscale: con la gestione patrimoniale infatti, a differenza dell’amministrato, si possono infatti compensare fiscalmente le plusvalenze e le minusvalenze generate dai titoli sottostanti alla gestione. Questa possibilità, non riscontrabile nel caso di un investimento tradizionale in Fondi Comuni “attivi” o “passivi”, rende la gestione patrimoniale molto più conveniente andando a ridurre una componente di costo (quella delle tasse) così da avere un impatto positivo diretto molto significativo sui rendimenti finali. Con questa innovazione di prodotto Moneyfarm rende di fatto accessibile a tutti un servizio come la gestione patrimoniale che è tradizionalmente rivolto ai detentori di grandi patrimoni (con soglia minima di accesso spesso superiore a 100.000 euro e costi che facilmente superano il 2%).

Con il nuovo prodotto inoltre prende il via anche il nuovo servizio paperless, una importante novità in termini di semplicità e velocità di processo, che segna una totale ristrutturazione dell’infrastruttura che sta alla base del prodotto stesso. Da oggi gli utenti potranno infatti sottoscrivere tutte le soluzioni offerte da Moneyfarm con un processo al 100% digitale che si completa online senza nessuna ulteriore operatività e che elimina qualsiasi adempimento di firma, stampa e spedizione via posta di tutta la documentazione.

A oltre un anno dall’aumento di capitale di 16 milioni di euro e a due mesi dall’accordo strategico con Allianz Digital Venture, queste importanti novità di prodotto e di processo confermano un periodo molto positivo per Moneyfarm che nel 2016 ha visto triplicare la base utenti e più che raddoppiare il suo organico (oggi di oltre 80 professionisti suddivisi nelle tre sedi di Milano, Londra e Cagliari).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, con Mifid 2 cambiano i requisiti di adeguatezza

Amazon rivoluzionerà la consulenza finanziaria

La Mifid 2 diventa legge

Mifid 2 allarga i confini della consulenza, ma si rischia una Babele

Consulenti, la scadenza per iscriversi all’esame

Consulenti: l’Esma rivede i requisiti di adeguatezza

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Benvenuti al sud: appuntamenti con i cf Widiba in Campania e Basilicata

Intelligenza artificiale: il consulente bancario rischia di essere sostituito dai chatbot?

Giverso (Anima): “Dall’e-learning ai nuovi spazi: ecco le novità di Accademia Anima”

Professionisti a confronto, Ascosim li convoca per parlare di consulenza

Fidelity, al via il roadshow invernale per incontrare i consulenti

Consulenti, Schroders girerà l’Italia con il Campionato 2017

Private Banking Awards 2016, ecco tutti i vincitori

Azimut in tour, quattro tappe tra Nord e Sud

Sec poco attenta, migliaia di gestori e cf senza controlli

Scm Sim, al via il roadshow ’’Beyond wealth management, life coaching’’

Fineco lancia X-Net, la piattaforma di cyborg-advisory

Betterment raggiunge i 5 miliardi di dollari di gestito

SigFig, altri 40 milioni di dollari nelle tasche del robo-advisor

Guazzugli (Anasf): sull’educazione finanziaria faremo la nostra parte

Consob: “Se il cliente ha cultura finanziaria si affida al consulente”

Marangi (Banca Consulia): “Ecco la nuova piattaforma realizzata con Eri Bancaire”

Consulenza: cresce la trasparenza sui costi, meno quella applicata ai rischi

Cambia anche il modo di pagare l’advisory

Investimenti, ecco come trarre il massimo dal proprio consulente finanziario

Anasf, giovedì incontro abruzzese sulla consulenza finanziaria

Blackstone scorpora la divisione consulenza finanziaria

Mifid, altri due convegni Ascosim a Napoli e a Bari

La consulenza è reale

Le mille facce della consulenza

Consulenza finanziaria, omicidio nella culla?

La consulenza è una sola. Non è appannaggio di nessuno

Ti può anche interessare

Ecco le 10 startup finaliste del contest di Assiteca Crowd

Tratto da Crowdfundingbuzz La seconda edizione del contest per startup e Pmi innovative promosso dal ...

E’ in edicola il nuovo numero di iFinance

E’ in edicola e sfogliabile online il terzo numero di iFinance, magazine del fintech e del digital ...

Banche, come sopravvivere nell’era digitale

A cura dell’ufficio studi di P101 in collaborazione con Antonio Lafiosca, Socio e Chief Operating ...