Bnp Paribas raddoppia la spesa per il digitale a 3 miliardi di euro

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre8 febbraio 2017 | 09:58

La “trasformazione” digitale in atto del sistema finanziario è necessaria per restare competitivi nel settore, ma ha anche dei costi. Proprio per questo Bnp Paribas, nel presentare il suo nuovo piano strategico per il 2017-2020, ha detto di voler accelerare il processo di transizione verso il digitale per costruire la banca del futuro e investirà ben 3 miliardi di euro nelle tecnologie. Ciò consentirà alla banca un passaggio fluido dalla finanza tradizionale al mondo digitale, cercando di tagliare alcuni rami meno strategici e raddoppiando le spese nelle iniziative legate al tech.

Bnp Paribas ha dichiarato di voler basare il suo successo futuro su un bel numero di iniziative già in corso in termini di prodotti, applicazioni e piattaforme digitali, come la banca online Hello Bank! e il mobile wallet Wa!, i presidi esteri come Cepteteb e BGZ Optima, la piattaforma multi-prodotto Centric e quella di trading Cortex. “Abbiamo circa cinque anni per realizzare la trasformazione, facendo investimenti e fornendo un miglioramento qualitativo per i nostri clienti, parte di un piano che sarà annunciato il prossimo anno”, spiegava a Reuters a novembre scorso Thierry Laborde, vice coo e capo del mercato domestico di Bnp Paribas.

Inoltre, Bnp è impegnata anche attraverso i suoi tech lab e programmi di incubazione. Di recente ha aperto un canale online, il progetto OpenUp, che metterà in collegamento lo staff delle banche con il mondo delle startup, con l’obiettivo di rafforzare il ponte tra i due mondi. “Le startup hanno spesso difficoltà nell’individuare partner di Bnp Paribas potenzialmente interessati a una collaborazione e per noi stessi non è sempre facile trovare le startup in grado di affrontare le sfide future”, aveva commentato lo stesso istituto francese.

Non da ultimi gli investimenti nel settore del fintech. A fine gennaio Bnp Paribas Securities Services ha comprato una quota di minoranza in Fortia Financial Solutions, una società di software che utilizza l’intelligenza artificiale e il machine learning per monitorare i requisiti normativi internazionali nel mondo dei fondi comuni d’investimento. Il gruppo francese è poi dotato di una specifica divisione per l’innovazione digitale, L’Atelier BNP Paribas, un vero e proprio acceleratore fintech che aiuta le aziende a trasformare le idee in progetti operativi.

Intervistato dal Financial Times, Jean-Laurent Bonnafé, amministratore delegato di Bnp Paribas, ha dichiarato che il primo istituto del credito della Francia per numero di attivi intende utilizzare parte dei 3 miliardi di euro anche nell’assunzione e nella riqualificazione del personale. “Siamo in un ambiente in cui non si creano posti di lavoro e stiamo gestendo la transizione. I lavori stanno cambiando nel retail banking e nel settore dell’investment banking”. Sempre Bonnafé dichiara a Les Echos che Bnp paribas punta a diventare “una banca maggiormente in grado di prevenire gli sviluppi futuri e che assicuri ai clienti dei processi sempre più fluidi in un mondo al contempo fisico e digitale”. Insomma, la strada è tracciata.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mondiale, un’obbligazione per lo sviluppo sostenibile

BNP Paribas lancia un progetto educational sui certificate

Bnp Paribas, Promutico alla guida de L’Atelier di San Francisco

Bnp Paribas, utile in calo ma sopra le attese

Classifiche Bluerating: BNP Paribas AM in testa tra i fondi Azionari Russia

Bimbi in ufficio da Bnp Paribas Italia

Bnp Paribas lancia la prima serie di Double Cash Collect con durata triennale

Blueindex: bene Axa e Bnp Paribas, le parole di Trump frenano Wall Street

BNP Paribas lancia un fondo sui titoli etici

Assogestioni, Bnp Paribas balza in testa

Bnp Paribas lancia 16 certificati

Bnp Paribas quota una serie di Bonus Cap su titoli azionari

Peugeot corre dopo acquisto Opel-Vauxhall

Nuovi investimenti – Bnp Paribas lancia la prima serie di Fixed Cash Collect

Nuova serie di Cash Collect per Bnp Paribas

Bnp Paribas raddoppia la spesa per il digitale a 3 miliardi

Bnp Paribas, ecco la nuova serie dei certificate Athena

Bnp Paribas emette nuovi Top Bonus Certificate

Bnp Paribas apre alle startup

L’insurtech è rosa: Isabella Fumagalli di BNP Paribas Cardif, premiata come donna innovativa

Bnp Paribas lancia nuovi certificate Cash Collect

World Payments Report 2016: pagamenti digitali in crescita del 10%

Bnp Paribas lancia una nuova serie di certificate cash collect

Al via Open-F@b Call4Ideas 2016, il contest per le startup in ambito assicurativo

Bnp Paribas, dal prossimo anno ancora più digital con Hello Bank!

Bnp Paribas e Capgemini portano a una svolta il World Payments Report

Al via il BNP Paribas International Hackathon 2016

Listini europei in rialzo, nonostante un deludente indice Zew

Bnp Paribas: è ancora presto per vendere Bund

Bnp Paribas: l’oro può toccare i 1.400 dollari l’oncia entro 12 mesi

Bnp Paribas lancia due obbligazioni in valuta estera

Bnl Azioni Europa Dividendo in ripresa, ma ancora non basta

Bnp Paribas lancia i nuovi certificati Recovery80

Ti può anche interessare

State Street: addio analogico, benvenuto Fintech

di Chiara Merico EVOLUZIONE TECNOLOGICA – Stiamo indubbiamente attraversando un periodo di for ...

Perché il lending P2P è più efficiente delle banche nell’erogazione dei prestiti

tratto da Crowdfundingbuzz.it Tutte le banche o le società finanziarie usano dei rating interni per ...

Studi professionali sempre più digitali

Il 2016 è l’anno della maturità per gli investimenti ICT realizzati dagli studi professional ...