Non si ferma la crescita di Credit China

A
A
A
di Federico Morgantini, Shanghai16 febbraio 2017 | 10:31

Credit China FinTech Holdings Ltd è nata a Hong Kong nel 2010 e non ha mai smesso di crescere grazie ad aumenti di capitale e acquisizioni.

Dopo pochi mesi dalla nascita la società si è quotata alla Borsa di Hong Kong per raccogliere capitale e iniziare lo sviluppo di tecnologie nel settore finanziario. Ma la vera svolta è arrivata nel 2013 dopo un aumento di capitale e l’inizio della crescita per acquisizioni di quote di aziende Fintech, in alcuni casi anche di minoranza.

Il focus principale della società è la tecnologie legate al peer-to-peer e ai sistemi di pagamento.

L’azienda non solo sviluppa e vende tecnologia, ma possiede [o partecipa] anche piattaforme online a marchio proprio accessibili al grande pubblico: ha due piattaforme per prestiti P2P, tre siti verticali per prestiti di settore e un sistema di pagamento.

In fine ha anche attività offline sempre nel mondo dei muti e dei prestiti.

Il tutto fa sì che al momento Credit China FinTech capitalizzi circa 3 Miliardi di USD.

Per quanto eccezionale, l’attività e lo sviluppo di Credit China fino adesso è stato solo asiatico, o ancor meglio cinese.

Ma tutto cambierà se andrà a buon fine la trattativa da 30 Milioni di USD in essere con BitFury, con tale acquisizione la Fintech hongkonghina diventerà un player di calibro internazionale.

BitFury è uno dei principali operatori a livello mondiale nello sviluppo e vendita di tecnologie Blockchain, annoverando fra i clienti le più grandi istituzioni finanziarie e perfino governi.

L’obiettivo di BitFury è l’utilizzo pervasivo delle tecnologie Blockchain: dalla sicurezza di informazioni alla gestione di asset fisici.
Per fare un esempio, la società sta sviluppando il nuovo “Catasto” della Giorgia [Repubblica Democratica di Georgia] basando il registro e il trasferimento di proprietà degli immobili su tecnologia Blockchain.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

Fidelity: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

Fintech PapaNatale in Cina

McCabe (Aberdeen Am): “Cosa aspettarsi sul mercato dei bond cinesi”

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

In Cina lanciato megafondo Fintech da 1,5 miliardi di dollari

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Sempre più fondi per il Fintech pechinese

Cina, primi stress test sull’asset management

Venture Capital ormai freddo anche nel Fintech, ma non in Cina

Il Fintech nel futuro della Minsheng Bank, gigante privato cinese

Nel Fintech le dimensioni contano: fra le prime 5 aziende del settore 4 sono cinesi

Boom di assicurati online in Cina: sono 330 milioni di persone

Cina: è tempo di raffreddare la bolla immobiliare?

I robot prendono possesso degli sportelli bancari di Shanghai – Gallery

Ora la Cina fa shopping di FinTech negli Usa

Perché Apple non convince i cinesi (con il suo ultimo evento)?

Vanke, dall’immobiliare al Fintech

Il trading ad alta frequenza in Cina: divieti e scappatoie

Ti può anche interessare

La crescita dell’Italia? Passa dal digital payment

Un panel d’eccezione per il secondo confronto con le Istituzioni promosso dall’Associazione Ital ...

Intesa Sanpaolo e Intellectual Ventures insieme per l’innovazione

Il gruppo Intesa Sanpaolo ha siglato un accordo con Intellectual Ventures (Bellevue, Washington), so ...

Assicurazioni auto: entro il 2020 il 17% saranno digitali

Quale può essere la dimensione del mercato delle assicurazioni auto digitali? Chi sono i potenz ...