7 banche fintech per giovanissimi

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre16 febbraio 2017 | 08:40

Considerare il Fintech semplicemente come un altro canale di distribuzione è un errore fondamentale. Le nuove banche online e startup del settore implicano un ripensamento radicale all’approccio ai soldi e al risparmio. Quello che rileva un articolo apparso sul sito di e27.co, la media company specializzata nell’industria asiatica delle startup, è l’aumento di “neobank” con un target molto verticale e demograficamente mirato, un trend che ha portato alla creazione di nuove realtà, 7 per la precisione, che stanno cercando di innovare un concetto tradizionale come il risparmio.

Una di queste è la startup americana Greenlight, che ha sede ad Atlanta, 3 anni di vita e con l’obiettivo preciso di risolvere il problema che affligge ogni genitore: dare i soldi al figlio senza preoccuparsi che questi verranno sperperati in qualcosa di inutile o dannoso. Insomma, la prima carta prepagata genitore-friendly.

L’app danese Lunar Way, invece, sta tentando di migliorare l’aesperienza di retail banking da mobile. L’obiettivo è costruire una vera e propria offerta bancaria – dal pagamento della bolletta, all’apertura del conto – per la “generazione Snapchat”. C’è poi Loot, un’app dedicata ai cosidetti Millennials, una prepagata che consente la gestione delle spese. Nella nuova versione prevista a breve pare conterrà anche strumenti di risparmio e offerte mirate.

Non è finita qui. Ernit è una sorta di salvadanaio digitale per bambini, che è stato selezionato tra le 10 aziende su 1.000 per poter frequentare il prestigioso programma di incubazione TechStars a New York, in cui riceverà l’assistenza di giganti tech come Google, Microsoft e Amazon. La startup consente ai genitori di insegnare ai bambini come spendere soldi con maggiore consapevolezza. L’applicazione permette, infatti, ai ragazzi di fissare obiettivi di risparmio e consente ai genitori, o altri, di contribuire col denaro.

La britannica GoHenry, invece, che fornisce una carta di debito prepagata per i bambini e un app per gestire i loro soldi in tasca, ha più di 200.000 membri e sta crescendo da 10.000 ogni mese.

In Asia l’ecosistema non è così dinamico, ma ci sono due startup lungimiranti in questo senso. A marzo dell’anno scorso, la nuova banca Neat, cofondata da un ex veterano della Citibank David Rosa, ha iniziato la sua fase di startup. Neat opera sia attraverso un’app di budget e risparmio intelligente sia attraverso una carta collegata, utilizzando la tecnologia del riconoscimento facciale per autenticare i clienti al log-in. Il servizio è specificamente rivolto agli studenti universitari, che sono la categoria che di più ha bisogno di aiuto con il budget finanziario. Infine, anche Yolopay a Singapore sta offrendo un servizio bancario dedicato alle famiglie con bambini.

Insomma, i nuovi player si stanno differenziando dalle banche tradizionale non solo con una aggressiva innovazione digitale, ma, soprattutto, concentrandosi su nuove categorie di clientela, spesso dimenticate o malservite dagli istituti tradizionali, puntando spesso in zone geografiche in via di sviluppo caratterizzate da un basso livello di penetrazione dei servizi bancari.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Credem, è online il nuovo sito internet

Contenuto personalizzato in base alle caratteristiche dell’utente ed ottimizzato per la fruizione ...

Vacanze Fintech per i cinesi

Secondo fonti governative locali, sono ben 6 milioni i cinesi che stanno sfruttando lo “Spring Fes ...

L’asset manager NewAlpha investe nella start-up Wikifolio.com

New Alpha Asset Management, società del gruppo La Française specializzata nell’investimen ...