Pagamenti transfrontalieri, SWIFT lancia il primo servizio al mondo per la tracciabilità

A
A
A
di Redazione24 maggio 2017 | 10:20

SWIFT ha annunciato la disponibilità del nuovo servizio Tracker che consente la tracciabilità dei pagamenti transfrontalieri in tempo reale. Il Tracker è un elemento fondamentale dell’iniziativa gpi (global payment innovation) di SWIFT, che sta rivoluzionando i pagamenti cross-border coniugando il monitoraggio dei pagamenti in tempo reale con la velocità e la certezza della disponibilità dei fondi nei pagamen1o internazionali.

Da gennaio 2017, più di 20 banche globali hanno già iniziato ad utilizzare il servizio gpi di SWIFT, e altre 50 sono in attesa di attivazione. Ad oggi centinaia di migliaia di pagamenti sono già stati inviati tramite gpi in oltre 85 Paesi.

“Il lancio del servizio gpi di SWIFT haregistrato un grosso successo e l’aggiunta del Tracker non può che contribuire a dare slancio maggiore, accelerando il processo d’implementazione dell’iniziativa per i pagamenti internazionali”, afferma David Bannister, Principal Analyst di Ovum. “Il problema più comune lamentato dalle aziende è infatti la mancanza di visibilità sullo status dei loro pagamenti. Grazie al Tracker, SWIFT è ora in grado di risolvere questo problema e lo strumento aiuterà i tesorieri d’impresa nello svolgimento della loro funzione e delle loro attività più importanti”.

Gpi di SWIFT consente alle imprese attive nelcommercio internazionale di ricevere il pagamento per servizi o consegna di merci in modo tempestivo, velocizzando tutta la supply chain. Il servizio altamente innovativo, Tracker di gpi, permette ai tesorieri d’impresa di avere visibilità end to end e in tempo reale dei loro pagamenti e di ricevere una notifica di conferma al momento dell’accredito sul conto del beneficiario. Il servizio consente inoltre una riconciliazione più accurata dei pagamenti e delle fatture, ottimizza la gestione della liquidità migliorando le previsioni di cassa e riduce l’esposizione ai rischi di cambio (FX) con la garanzia dell’accredito fondi nello stesso giorno, seguendo il fuso orario della zona del beneficiario. Il Tracker è disponibile tramite interfaccia open API, quindi compatibile con qualsiasi sistema bancario, e contribuisce a garantire la massima diffusione dei benefici di gpi con una velocità di adozione più elevata.

gpi di SWIFT ha registrato ampio consenso da parte del settore bancario a livello globale. Più di 110 banche di primariaimportanza nel transaction banking globale utilizzeranno il servizio, coprendo più del 75% di tutti i pagamenti transfrontalieri su rete SWIFT. Tra le nuove banche ad aver aderito a gpi: Agricultural Bank of China, Bank of Communications, Banque Centrale Populaire, BayernLB, China Citic Bank, China Minsheng Banking Corporation, Commercial Bank of Kuwait, Denizbank, Ebury, Industrial Bank, Lek Securities, Ping An Bank, Piraeus Bank, Postal Savings Bank of China, Shanghai Pudon Development Bank, Turkiye Cumhuriyeti Ziraat Bankasi, Westpac BankingCorporation and Yapi Kredi, and Zhejiang Rural Credit Cooperative UnionA questo ilink e’ disponibile la lista completa delle banche aderenti.

Jan Kupfer, Global Co-Head of Global Transaction Banking di Unicredit, ha commentato: “Sin dal momento in cui abbiamo aderito a gpi, abbiamo riscontrato un forte interesse da parte delle aziende nostre clienti, che vogliono beneficiare di questo servizio. Per i nostri grandi clienti corporate stiamo sviluppando dei progetti pilota in modo tale che permettere pagamenti gpi direttamente tramite la loro connessione a SWIFT, mentre per i clienti più piccoli stiamo rendendo i servizi fruibili sui nostri portali di homebanking. Con la naturale e progressiva adesione al gpi di un numero crescente di banche a livello internazionale, aumenteranno i corridoi e le valute disponibili e potremo costruire un’offerta sempre più completa alle aziende. Stiamo inoltre sviluppando un’offerta per le banche internazionali con l’obiettivo di diventare la loro banca di riferimento nei corridoi valutari in cui siamo attivi”.

Il servizio è compatibile e integrato nelle infrastrutture di mercato domestiche in tutti i mercati del mondo, facilitando clearing e settlement domestico dei pagamenti gpi. Le banche possono già scambiare pagamenti gpi sulle 56 infrastrutture di mercato collegate a SWIFT ed anche con tutte quelle che hanno stabilito pratiche di mercato domestiche per i partecipanti che utilizzano il servizio gpi. SWIFT continuerà inoltre a impegnarsi attivamente per fare in modo che un numero sempre maggiore di infastrutture di mercato sia compatibile con gpi.

“L’annuncio di oggi segna un cambiamento rivoluzionario per le aziende”, commenta Christian Sarafidis, Chief Marketing Officer di SWIFT. “Utilizzando la tecnologia più adeguata, al momento giusto e con la collaborazione dei migliori player di mercato, SWIFT è riuscita a contribuire ad una reale evoluzione del mondo del correspondent banking.”

Wim Raymaekers, Programme Manager gpi di SWIFT aggiunge: “Questo è solo l’inizio per il gpi di SWIFT. Continueremo a esplorare le potenzialità delle nuove tecnologie, come blockchain, e a incrementare l’offerta di servizi di pagamento per trasformare ulteriormente il panorama dei pagamenti internazionali,accelerando in questo modo il commercio globale”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Al via con i big del credito il nuovo servizio di Swift per i pagamenti cross-border

Swift sperimenta la blockchain nei pagamenti

Swift, oltre 70 banche nel progetto sui pagamenti transfrontalieri

Ti può anche interessare

Dalla chat alla banca: WeBank… ma .com

WeChat, l’equivalente cinese di Whatsapp, ha da poco rilasciato i dati di traffico: 768 milioni di ...

SoFi pronta a raccogliere altri 500 milioni di dollari

Continua l’ascesa del settore dei prestiti online. SoFi, la startup fondata nel 2011 specializzata ...

Fineco è il “Sito Web dell’anno” per banche e investimenti

FinecoBank si è aggiudicato per l’anno 2016 il premio “Sito Web dell’Anno”, nella sezione a ...