Investire in Bitcoin ed Ethereum, eToro lancia il CopyFund sulle criptovalute

A
A
A

eToro, il principale social network di trading al mondo, ha annunciato oggi il lancio di un nuovo CopyFund per investire in criptovalute

di Redazione7 giugno 2017 | 16:05

Il lancio coincide con un nuovo record raggiunto dalle criptovalute, il cui valore complessivo ha raggiunto i 100 miliardi di dollari confermando il trend registrato sulla piattaforma di eToro, che ha visto un incremento del numero degli utenti di quattro volte nel corso degli ultimi 12 mesi.

La funzione CopyFunds di eToro permette di copiare strategie di investimento predeterminate sfruttando la conoscenza dei membri della community e consentono agli investitori di avere accesso alle strategie con i migliori rendimenti. Il loro obiettivo è aiutare gli investitori, anche i più inesperti, a minimizzare il rischio sul lungo termine e promuovere opportunità di guadagno attraverso la creazione di una strategia d’investimento diversificata.

Il primo Crypto-currency CopyFund investirà nelle due maggiori criptovalute, il Bitcoin e l’Ethereum, il cui prezzo è cresciuto da 8 a 257 dollari dall’inizio di quest’anno. Il peso dei diversi asset all’interno del fondo sarà determinato dal valore delle singole criptovalute. Il fondo sarà, inoltre, regolarmente analizzato e automaticamente riequilibrato mensilmente.

Yoni Assia, co-fondatore e CEO di eToro, ha affermato:

“Blockchain e le criptovalute rappresentano la più grande innovazione nei servizi finanziari dall’introduzione dei computer nel settore. Oggi lavoriamo per rendere questo mercato accessibile a una platea ancora più ampia di investitori.
“Sempre più trader sono a conoscenza del potenziale di questo mercato e decidono di investirci. Adesso hanno l’opportunità di accedere a una strategia di investimento a lungo termine costantemente rivista e bilanciata.

“Abbiamo osservato che un numero crescente di clienti è alla ricerca di un modo più semplice per accedere agli investimenti in criptovaluta, con l’obiettivo di costruire un portafoglio in futuro completamente basato sulle monete virtuali. Oggi partiamo con il Crypto-currency CopyFund, ma a breve aggiungeremo altre valute virtuali come Ripple e Dash per espandere ulteriormente la nostra offerta”.

Attualmente sono disponibili sulla piattaforma di eToro 21 CopyFunds, per i quali è necessario un investimento minimo di 5.000 dollari.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il bitcoin? È una truffa. O forse no

Cresce la moda dei cripto-hedge fund

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Goldman Sachs analizza le criptovalute

Swissquote adotta i Bitcoin

Falcon Pb punta sui Bitcoin

Le criptovalute piacciono anche all’ex trader di Credit Suisse

Binck Italia permette di investire nei bitcoin

Goldman Sachs, appello degli hedge fund per coprire i bitcoin

Monete digitali: Ethereum supererà Bitcoin entro il 2018

Gli italiani e l’investimento in Bitcoin

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Perché il valore del Bitcoin è raddoppiato in un anno fin sopra i 1.000 dollari

Le valute virtuali non rimpiazzeranno le monete tradizionali

Le valute virtuali non rimpiazzeranno le monete tradizionali

Esplode il fenomeno Monero, il Bitcoin del mercato nero

Bitcoin: le grandi banche studiano valuta digitale alternativa

Rapina di Bitcoin in Bitfinex: prendono il volo 65 milioni di dollari

In arrivo il primo ETF per comprare Bitcoin come fossero azioni

iPayYou, come pagare in Bitcoin su Twitter

Vontobel lancia certificato d’investimento sui Bitcoin

Per Citigroup bitcoin non è una minaccia per le banche

Peter Smith and the Blockchain adventure

Monete virtuali, un incentivo alla frode?

Anno da dimenticare per i Bitcoin, la Hryvnia e il Rublo

Bitcoin: più speculazione che valuta vera

Ti può anche interessare

Rivivi i FintechAge Awards con tutti i protagonisti – FOTOGALLERY

La disruption dei servizi finanziari è ormai un dato di fatto e per dare visibilità ai pionieri di ...

Startup fintech pronte a cogliere l’opportunità della seconda direttiva Ue sui servizi di pagamento

Per le startup fintech si aprono nuovi spazi di business grazie alla Payment Services Directive 2, ...

Digital contest: al via la seconda edizione del Digital360 Awards

È partita la raccolta delle candidature per la seconda edizione dei Digital360 Awards, l’iniz ...