Il Gruppo Banca Sella lancia la prima “open bank” italiana

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre13 giugno 2017 | 12:11

Nasce la prima “open banking platform” in Italia e tra le prime a livello internazionale, con una infrastruttura tecnologica aperta a imprese innovative e startup, che potranno accedere a servizi e funzioni finora accessibili solo dalla banca, integrando l’operatività bancaria di cui hanno bisogno direttamente nelle proprie piattaforme e nei servizi che offrono ai clienti. A lanciarla è il Gruppo Banca Sella che, aprendo ai clienti le API (Application Programming Interface, semplici librerie di integrazione che permettono agli sviluppatori di integrare applicativi differenti), si presenta alla comunità dell’innovazione in modalità “aperta”.

Grazie a questa innovazione, infatti, il Gruppo Banca Sella apre la propria infrastruttura tecnologica e informativa a imprese e startup per consentire loro di far dialogare in modo automatico le piattaforme informatiche con i sistemi della banca.

Il servizio di open bank del Gruppo Banca Sella si configura come un sito web (www.platfr.io) su cui vengono messe a disposizione le API e viene fornita sia la documentazione necessaria sia l’assistenza per il loro utilizzo da parte degli sviluppatori esterni. I primi servizi ad essere resi disponibili via API sono relativi all’operatività sui conti correnti, come la lista movimenti, il saldo e i bonifici e lo split payment. Nei prossimi mesi saranno rilasciate ulteriori funzionalità che copriranno sostanzialmente tutti gli ambiti dell’attività bancaria e degli investimenti, dalle carte di pagamento ai portafogli titoli.

L’obiettivo è quello di fornire una serie di “comandi” che permettano agli sviluppatori di integrare un qualsiasi servizio bancario all’interno del proprio software, con poche righe di codice, usando licenze e infrastruttura della banca.

Il Gruppo Banca Sella apre cosi la strada alla diffusione e all’automatizzazione di procedure finanziarie che oggi vengono svolte manualmente, dando cosi maggiore opportunità alle aziende di essere efficienti ed indipendenti e di fornire agli sviluppatori la possibilità di creare soluzioni sopra le proprie API, aprendo cosi aree di business non ancora esplorate.

Tra gli esempi di soluzioni a problemi quotidiani che da oggi si potranno risolvere ci sono i pagamenti degli stipendi (bonifici) in modalità automatica, le riconciliazioni di pagamenti in entrata ed in uscita, i saldi dei conti correnti, l’acquisto o vendita di titoli in borsa, l’incasso di liquidità per conto terzi senza necessità di ulteriori licenze (split payment) e l’apertura di conti correnti. Inoltre sono disponibili le funzioni per abilitare i siti di e-commerce all’accettazione dei pagamenti creando quindi pagine personalizzate in linea con l’experience del cliente.

Per i mesi futuri sono già previsti rilasci progressivi di ulteriori funzioni, dalle carte di pagamento ai conti titoli, ai conti di moneta elettronica.

Le imprese possono accedere alla piattaforma in qualunque momento e possono avvalersi dell’assistenza degli sviluppatori della piattaforma, oltre ad avere a disposizione un ambiente di prova dove poter testare e sviluppare i propri servizi (sandbox), il tutto garantito dai massimi standard di sicurezza del Gruppo Banca Sella.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Assicurazioni auto: entro il 2020 il 17% saranno digitali

Quale può essere la dimensione del mercato delle assicurazioni auto digitali? Chi sono i potenz ...

Fideuram ISPB: dai FintechAge Awards un riconoscimento all’innovazione di Alfabeto

Il commento di Raffaele Levi, responsabile modello di business di Fideuram – ISPB alla conseg ...

Le 7 startup insurtech migliori in Europa

L’industria assicurativa sta radicalmente evolvendosi per tenere il passo ed integrare strumenti i ...