U-Start Club investe in Sumup

A
A
A
di Ettore Mieli28 giugno 2017 | 09:14

SumUp, azienda leader nel mobile point-of-sale (mPOS) in Europa, creata per consentire a grandi e piccole attività di accettare pagamenti con carta, ha chiuso con successo l’ultimo round di finanziamento e ora punta al mercato italiano.

Tra i principali investitori che hanno aderito al round i membri dello U-Start Club, il primo club di investitori privati in Italia per dimensione, BBVA, Groupon e Holtzbrinck Ventures. SumUp ad oggi ha ricevuto finanziamenti per oltre 45 milioni di euro. Grazie al capitale raccolto la società, oltre a rafforzare la presenza in Europa con focus sull’Italia, vuole rivolgersi soprattutto alle piccole e medie imprese e conquistare nuove quote di mercato, posizionandosi come primo brand nel settore dei pagamenti con carte di credito. Con la tecnologia brevettata da SumUp – presente già in 16 paesi tra cui UK, US e Brasile – ogni esercente può accettare le maggiori carte di credito e debito usando il proprio smartphone o tablet in modo semplice, sicuro e conveniente. SumUp è, infatti, l’unica azienda che offre la propria tecnologia end-to-end EMV, il proprio hardware ed App per cellulare.

“La maggior parte delle piccole imprese”, ha commentato Stoil Vassilev, VP Corporate development di SumUp, “ha margini molto bassi e non può permettersi di far saltare una vendita perché non è in grado di effettuare un pagamento con carta di credito. Tuttavia, spesso sono scoraggiati dal dover fare accordi con gruppi bancari o dal dover prendere a noleggio terminali di pagamento convenzionali o sistemi di vendita che impongono spese di commissioni elevate e difficoltà di utilizzo. L’accettazione dei pagamenti tramite SumUp consente, invece, ai commercianti, ai bar, ai tassisti, ai ristoranti, ai proprietari di negozi e molti altri un vantaggio fortemente competitivo, consentendogli di effettuare pagamenti mobile in modo semplice, sicuro e conveniente – in qualsiasi momento e ovunque”.

“In futuro”, ha aggiunto Vittorio Mauri, partner di U-Start, “i pagamenti digitali non saranno più un’eccezione ma la regolarità. Il nostro paese ha già fatto passi avanti ma un player come SumUp potrà sicuramente contribuire ad accelerare il processo e rendere accessibili i pagamenti digitali anche per tutti gli esercenti e i lavoratori autonomi che ad oggi sono scoperti da soluzioni di pagamento moderne e cost-efficient”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Nasce Supernovae Labs, il primo acceleratore fintech per banche e assicurazioni in Italia

Il settore bancario, finanziario e assicurativo è strategico per l’economia italiana; nel medio t ...

Soisy rende disponibili i prestiti tra private tramite Api

La piattaforma di social lending Soisy ha reso disponibili i suoi prestiti tra privati tramite API R ...

Antonio Chiarello nuovo managing director di iStarter per l’Italia 

L’acceleratore Italiano di start-up a Londra sceglie un manager proveniente dal mondo della finanz ...