Fondi pensione e gestori non sono ancora pronti per il blockchain

A
A
A
di Redazione6 giugno 2016 | 16:31

La maggior parte di investitori istituzionali quali fondi pensione e gestori prevede un ampio sviluppo del blockchain negli investimenti, ma solo pochissimi si stanno attivamente muovendo in tal senso.

E’ quanto emerge da un’indagine di State Street Corporation sul blockchain, il registro decentralizzato che gestisce un elenco sempre crescente di record di dati che vengono crittografati contro possibili manomissioni e modifiche. In particolare, mentre la maggior parte fondi pensione e dei gestori (57%) prevede che il blockchain verrà ampiamente utilizzato nel settore investimenti nel corso dei prossimi cinque anni, solo il 7% ha già intrapreso iniziative a supporto.

L’indagine, condotta in partnership con Oxford Economics, ha rilevato che il 74% dei fondi pensione ritiene che il fenomeno “blockchain” raggiungerà le dimensioni tali da renderne necessaria l’adozione, mentre solo il 42% dei gestori concorda con questa affermazione. Nonostante l’ottimismo dei fondi pensione, il 48% dichiara di non saperne abbastanza, mentre i gestori si sentono ancor meno sicuri: il 78% infatti riconosce di aver bisogno di una conoscenza più approfondita in materia.

“La maggior parte degli investitori istituzionali è ben consapevole che il blockchain, essendo una “tecnologia emergente”, ha le potenzialità per diventare un’applicazione di uso quotidiano nel prossimo futuro”, ha dichiarato Antoine Shagoury, Global Chief Information Officer di State Street. “Quello che emerge dalla nostra indagine è la mancanza di preparazione e incertezza su quale sia il miglior approccio per gestire questo cambiamento dirompente, nonché la necessità di un maggior livello di education in materia”.

Ulteriori risultati dell’indagine includono:

  • I team che coinvolgono l’IT e gli investimenti saranno i più colpiti:

La maggior parte degli intervistati (80%) concorda sul fatto che il blockchain avrà l’impatto maggiore sui dipartimenti IT, dimostrando che le istituzioni riconoscono la necessità di assumere personale con le capacità necessarie per adattarsi alle nuove esigenze tecnologiche. Inoltre, l’81% dei gestori ritiene che l’adozione del blockchain avrà lo stesso impatto dirompente sulle professionalità all’interno dei team dedicati agli investimenti.

  • La sicurezza rappresenta la maggiore preoccupazione:

Mentre la crittografia è una componente core dell’infrastruttura del blockchain, nove intervistati su 10 sono preoccupati di come l’implementazione della sicurezza nel blockchain inciderà sui requisiti esistenti e futuri, un problema che il settore ha necessità di affrontare per l’adozione della tecnologia su larga scala.

  • L’uso privato supererà quello pubblico:

A prescindere dall’adozione su larga scala, più della metà dei fondi pensione e dei gestori (55%) è convinta che il blockchain sarà prevalentemente impiegato privatamente dalle società con i propri clienti. Solo il 13% ritiene che il blockchain sarà ampiamente utilizzato nel settore pubblico.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Börse punta negli investimenti Blockchain e A.I.

Blockchain per il crowdfunding in arrivo dal Canada

Swift sperimenta la blockchain nei pagamenti

La Blockchain spiegata (bene) a mia nonna

Wall Street punta 20 milioni di dollari su Axoni

Equity Crowdfunding per tecnologia Blockchain: startup Fintech lancia round da 1 milione di sterline

La Commissione Ue punta sulle startup Fintech

ABN Amro applica la blockchain al settore della logistica

Blockchain per i mutui di Hong Kong

Capgemini: con la blockchain i clienti delle banche risparmieranno centinaia di euro l’anno

Bnp Paribas, i mini-bond viaggeranno sulla piattaforma blockchain

Bitcoin: le grandi banche studiano valuta digitale alternativa

Quattro grandi banche studiano la nuova moneta virtuale

Nordea alla ricerca di startup nella blockchain e nell’intelligenza artificiale

SEB and other VCs chip in to support Blockchain payment start-up Coinify

Guru del blockchain nominata consulente a Santander

Blockchain, le società finanziarie cinesi formano un consorzio

Per Citigroup bitcoin non è una minaccia per le banche

La Blockchain vista da Ubs – VIDEO

Blockchain, investimenti verso il miliardo di dollari nel 2016

Peter Smith and the Blockchain adventure

Fincoder Conference: the voices of the Digital Age

Allianz Risk Transfer e Nephila insieme nella blockchain per i cat swap

Blockchain e banche, per Deloitte è l’anno della svolta

Goldman Sachs vi spiega come usare la Blockchain

Goldman Sachs, ecco come usare la blockchain

Banco Santander offre un sistema blockchain in Uk

Banco Santander si converte ai sistemi blockchain

Blockchain, è necessario un approccio collaborativo

Monete virtuali, un incentivo alla frode?

Blockchain, il progetto Hyperledger ha un leader

Blockchain, Visa punta alle startup in India

Ti può anche interessare

Nasce il primo “think tank” italiano sul fintech digital advisory

Deus Technology, società milanese attiva nelle tecnologie digitali per il robo-advisory, ha costit ...

Buddybank sta arrivando, a breve la data di lancio della banca molecolare di Unicredit

Nessun cambio di rotta o ripensamento. BuddyBank, la banca nativa digitale targata Unicredit, è in ...

Arriva il primo Master in Digital Innovation e Fintech: ecco tutto quello che c’è da sapere

Sono aperte le iscrizioni al primo Master Universitario in “Digital Innovation & Fintech: ...