Job Fiction: come cambia il lavoro con la rivoluzione robotica

A
A
A
di Redazione7 giugno 2016 | 15:34

Anziché giocare a terrorizzare sul rischio di scomparsa delle professioni,  immaginiamo piuttosto la potenza benefica che questo movimento potrà fornire all’uomo in tema di realizzazione attraverso il lavoro.

E’ il commento di Didier Le Menestrel, presidente di La Financière de l’Echiquier circa le prevedibili conseguenze della rivoluzione in atto nell’ambito della robotizzazione e lo sviluppo (in Cina come in Europa) di stabilimenti industriali sempre più robotizzati

Le Menestrel cita ad esempio la taiwanese Foxconn, che ha rimpiazzato 60.000 lavoratori con altrettanti “foxbots” e la Adidas, che ha annunciato la rilocalizzazione della produzione delle sue scarpe in Germania in uno stabilimento altamente robotizzato.

Brexit o non Brexit? Rialzo dei tassi o rendimenti negativi a lungo termine? Volatilità del prezzo del petrolio? Se avete l’abitudine di lasciarvi suggestionare dall’ossessivo rimbombo quotidiano della vita dei mercati, può essere utile prendere le distanze e osservare in silenzio. Vedrete affiorare i punti di rottura. 

È per esempio innegabile che la digitalizzazione dei servizi stia avanzando a passo di carica, trasformando in maniera fondamentale parti intere della nostra vita pratica. La facilità e la rapidità sconcertanti con cui l’economia digitale prende piede sotto i nostri occhi ci fanno talvolta dimenticare la robotizzazione, il suo corollario applicato alla produzione di beni. 

Eppure, anche in questo ambito, la rivoluzione è in atto. L’Impero di Mezzo, ben noto per la sua efficacia di realizzazione e per la velocità di esecuzione, con il suo piano di crescita “Made in China 2025” sta puntando su “innovazione per passare dalla quantità alla qualità”. L’eccellenza industriale che persegue è fondata sull’aumento degli investimenti in quattro ambiti prioritari: tecnologie dell’informazione, tecnologia aerospaziale, nuovi materiali e robotica. Esattamente un anno dopo, l’OPA del conglomerato cinese MIDEA GROUP sulla tedesca KUKA, leader mondiale della costruzione di robot, ne fornisce un’illustrazione concreta. 

In altre regioni del pianeta, nuovi segnali ci danno la misura dell’entità crescente della tendenza di fondo: FOXCONN – produttore taiwanese degli smartphone Apple – in una delle sue aziende cinesi ha rimpiazzato 60.000 persone con i “Foxbots”, e ADIDAS ha annunciato la rilocalizzazione della produzione delle sue scarpe in Germania in uno stabilimento altamente robotizzato. 

I nostri cari vicini tedeschi ne fanno addirittura il loro cavallo di battaglia industriale. Hanno trovato persino un nome, “Industry 4.0”, per designare questo movimento che permetterà di passare dalla produzione/consumo di massa alla produzione industriale, ma su misura. In questa ricerca della smart company, di manutenzione predittiva o di ottimizzazione permesse dall’intelligenza artificiale e dalla robotica connessa, le somme investite a livello mondiale sono gigantesche e la guerra dei cervelli è in atto ormai da tempo. 

Va tutto talmente veloce che alcuni predicono che il 50% dei posti di lavoro – comprese alcune professioni intellettuali e legate ai servizi – potrebbe essere a rischio nei prossimi 15 anni. Un’evoluzione stimolata dalla carenza di manodopera disponibile: gli industriali tedeschi sono preoccupati al pensiero che il 50% degli ingegneri di produzione andrà in pensione nei prossimi 10 anni. La filiera robotica è quindi logicamente in pieno boom nei paesi particolarmente stressati sul piano dell’occupazione. 

Saranno colpiti tutti i settori? Molti test permettono oggi di farsi un’idea più o meno precisa. Ma anziché giocare a terrorizzarsi sul rischio di scomparsa delle professioni, rimaniamo ottimisti e immaginiamo piuttosto la potenza benefica che questo movimento potrà fornire all’uomo in tema di realizzazione attraverso il lavoro. Il dibattito su questo punto è essenziale, è una sfida politica cruciale per il futuro delle nostre società, e deve essere profondo e rapido. I nostri cervelli cartesiani possono ampiamente gareggiare in questo con la saggezza confuciana.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ecco le 10 professioni digital più ricercate dell’anno

Petrolio: è il Ceo di Ultra Petroleum il meglio pagato al mondo

Younited Credit cerca 5 nuove figure professionali a Roma

Goldman Sachs offre lavoro a chi sa sviluppare un robo-advisor

Le nuove professioni digitali

Lavoro e Fintech: le migliori offerte delle banche digitali

L’economia francese va meglio del previsto

Un’ora di lavoro varia dai 42,7 euro in Danimarca ai 4,1 euro in Bulgaria

Pensione agli esodati e opzione donna, Padoan e Poletti al lavoro

Poste Italiane, previsti 8 mila nuovi posti di lavoro

L’Istat vede disoccupati in calo, in crescita occupati

Usa: disoccupazione cala al 5,8%, gli occupati sono il 59,2% della popolazione

Usa: 288 mila nuovi posti di lavoro in giugno

Usa: 217mila nuovi occupati in maggio

Usa: le aziende tornano ad assumere in aprile

Eurostat: disoccupazione ancora ferma all’11,8% in Eurolandia

Usa: jobless claim ai minimi dal maggio 2007

Usa: jobless claim salgono meno del previsto

Usa: segnali di ripresa dal mercato del lavoro

La Banca della provincia di Macerata cerca 14 promotori

Le offerte di lavoro di Experteer arrivano su BLUERATING

Il Senato Usa approva il sussidio per i disoccupati

Manageritalia, quando le mimose non bastano

2009, disoccupazione nelle imprese

Istat, retribuzioni aumentano dello 0,2%

Disoccupazione Usa, mai così alta in 26 anni

All’estero si guadagna di più

Partecipare agli utili d'impresa. La scelta dei professionisti

AAA, cercasi risorse in finanza e controllo

Italia: disoccupazione record, bruciati 378mila posti

Banche – Bonus ingiusti

I settori più ricercati in ambito finanziario

Banche – Su Facebook i fan di Passera

Ti può anche interessare

L’italiana Neosurance selezionata per l’Insurtech Acceleration Program

La startup insurtech italiana Neosurance è stata selezionata da Plug and Play, il più importante ...

BNL Gruppo BNP Paribas trasforma lo smartphone in un portafoglio digitale

BNL Gruppo BNP Paribas, “la banca per un mondo che cambia”, dimostra ancora una volta la propria ...

Digital payment, l’educazione finanziaria fa il giro d’Italia

L’Associazione Italiana Istituti di Pagamento e di Moneta Elettronica (A.I.I.P.) è partita con la ...