Blockchain e banche, per Deloitte è l’anno della svolta

A
A
A
di Redazione7 giugno 2016 | 16:28

La piattaforma Blockchain diventerà mainstream entro 5 anni, con investimenti previsti a livello globale per 1,3 miliardi di dollari. Sono alcuni dei numeri presentati da Deloitte nell’indagine Out of the blocks: from hype to prototype”. Condotta in collaborazione con Efma, la survey evidenzia e confronta la reazione di un panel composto da oltre 3000 operatori internazionali riguardo agli impatti dell’applicazione della nuova piattaforma tecnologica Blockchain sul settore bancario.

Senza titolo

Le spinte al cambiamento nel sistema bancario

Le banche stanno diventando sempre più consapevoli della misura in cui la Blockchain, adottata all’interno di un sistema economico volatile e fragile come quello attuale, rappresenti un’innovazione capace di stravolgere il settore in maniera rivoluzionaria: il 58% degli operatori intervistati ne è certo.

Inoltre, il 37% intravede nell’adozione della nuova piattaforma il volano per la creazione di nuove opportunità e di modelli di business, seguito dal 20% che ne considera i benefici in proporzione ai costi e al 13% che la ritiene una potenziale minaccia con effetti dirompenti per l’intero comparto (vd. grafico).

Stato dell’arte: meno di un terzo ha avviato la fase di R&D

I risultati dell’indagine confermano come lo sviluppo di prodotti e servizi finanziari basati sulla Blockchain sia stato inserito nella lista dei “to-do” dal 92% degli istituti di credito: l’85% degli intervistati ritiene inoltre che la tecnologia diventerà mainstream entro il 2020. Nel frattempo, il 29% ha già avviato iniziative concrete di ricerca e sviluppo, mentre il 71% è ancora in fase di apprendimento e conoscenza della piattaforma.

Un ampio spettro di applicazioni: dai pagamenti all’antiriclaggio

Nel complesso, per il 60% degli operatori il campo di applicazione prioritario sarà quello dei pagamenti e dei money transfer, seguito dal 23% che si concentrerà sul clearing & settlement di titoli e dal 20% su sistemi anti-riciclaggio.

Più sicurezza, meno e costi e tempi ridotti: le grandi promesse della Blockchain

Concepita nella sua forma originaria, open-source e permission-less, la Blockchain permette di trasformare qualsiasi transazione in un record, ovvero di registrarla all’interno di una serie di “blocchi digitali”. Sulla base del protocollo proof-of-work, questi blocchi vengono processati e certificati quasi in tempo reale dai nodi della rete, anziché dopo giorni e da un intermediario.

L’assenza di un framework regolatorio e di controlli sulla sicurezza i timori più sentiti

Per il 49% degli intervistati, operare in un territorio nuovo e privo di perimetri prescritti da un quadro normativo ad-hoc rappresenterebbe la preoccupazione maggiore, mentre il 15% ha ancora riserve sull’effettiva sicurezza della piattaforma. Tali timori potrebbero portare ad un rallentamento del processo di adozione/integrazione tra banche, finanza e società.

A fronte di evidenti e forti risparmi in termini economici e di tempo, infatti, il 53% degli operatori intervistati si sentirebbe comunque più sicuro nello sviluppare prodotti e servizi basati su una piattaforma di proprietà, o consortile, di tipo permission-needed e su licenza.  

Le principali iniziative in Italia e in Europa

“Siamo dinanzi a un’innovazione che presenta grandi potenzialità e di forte impatto. Non possiamo ignorarla, è fondamentale imparare a conoscerla”, osserva Riccardo Motta, partner di Deloitte, riferendosi al sopravvento che la Blockchain, il sistema alla base della gestione delle transazioni della celebre cryptovaluta Bitcoin, sta riscuotendo su scala globale.

“In Italia solo poche, tra le più grandi, istituzioni bancarie hanno iniziato recentemente a studiare e sperimentare questa nuova tecnologia, concentrandosi principalmente sul piano teorico. Intesa Sanpaolo e Unicredit sono infatti gli unici istituti di credito ad aver aderito ad R3 Cev, il consorzio americano dei 45 big player internazionali del settore, che hanno intrapreso un percorso di apertura verso la nuova piattaforma”, conclude Motta.

Per accelerare tale percorso a livello europeo, Deloitte annuncia l’istituzione di un laboratorio, con sede a Dublino, specializzato in ricerca e sviluppo di applicazioni in campo finanziario basate sulla piattaforma Blockchain, che si focalizzerà, in particolare, sulla creazione di soluzioni “ready to integrate”.

Paolo Gianturco, Partner di Deloitte e co-gestore del laboratorio, osserva: “Il nostro investimento dimostra la fiducia che riponiamo nelle capacità e nelle potenzialità della Blockchain di rivoluzionare il settore dei servizi finanziari. Il campo di applicazione della piattaforma è vasto e richiede molta ricerca, molti sforzi e molto tempo per capire come poterla impiegare al meglio nello sviluppo di applicazioni dedicate. Questo laboratorio sarà parte integrante del supporto offerto da Deloitte per i player che decideranno di inserirsi in questo settore”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Börse punta negli investimenti Blockchain e A.I.

Blockchain per il crowdfunding in arrivo dal Canada

Swift sperimenta la blockchain nei pagamenti

La Blockchain spiegata (bene) a mia nonna

Wall Street punta 20 milioni di dollari su Axoni

Equity Crowdfunding per tecnologia Blockchain: startup Fintech lancia round da 1 milione di sterline

La Commissione Ue punta sulle startup Fintech

ABN Amro applica la blockchain al settore della logistica

Blockchain per i mutui di Hong Kong

Capgemini: con la blockchain i clienti delle banche risparmieranno centinaia di euro l’anno

Bnp Paribas, i mini-bond viaggeranno sulla piattaforma blockchain

Bitcoin: le grandi banche studiano valuta digitale alternativa

Quattro grandi banche studiano la nuova moneta virtuale

Nordea alla ricerca di startup nella blockchain e nell’intelligenza artificiale

SEB and other VCs chip in to support Blockchain payment start-up Coinify

Guru del blockchain nominata consulente a Santander

Blockchain, le società finanziarie cinesi formano un consorzio

Per Citigroup bitcoin non è una minaccia per le banche

La Blockchain vista da Ubs – VIDEO

Blockchain, investimenti verso il miliardo di dollari nel 2016

Peter Smith and the Blockchain adventure

Fincoder Conference: the voices of the Digital Age

Allianz Risk Transfer e Nephila insieme nella blockchain per i cat swap

Fondi pensione e gestori non sono ancora pronti per il blockchain

Goldman Sachs vi spiega come usare la Blockchain

Goldman Sachs, ecco come usare la blockchain

Banco Santander offre un sistema blockchain in Uk

Banco Santander si converte ai sistemi blockchain

Blockchain, è necessario un approccio collaborativo

Monete virtuali, un incentivo alla frode?

Blockchain, il progetto Hyperledger ha un leader

Blockchain, Visa punta alle startup in India

Ti può anche interessare

La Cina standardizza i BigData

L’industria dei BigData in Cina è già di enormi dimensioni. Infatti nel Paese è bassissima la t ...

La tecnologia sulla strada di MiFID II, il caso Armundia

A meno di sei mesi dall’entrata in vigore della direttiva MiFID II a cosa guardano i gruppi che do ...

Con Tinaba anche la pista di pattinaggio si paga con l’app

Oggi, 6 dicembre, sarà inaugurata, alla presenza del Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni ...