Le 10 startup FinTech a cui guardare nel 2016

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre8 giugno 2016 | 10:38

Se nel 2015 il FinTech era una parola relativamente nuova e un settore in grande espansione, nel 2016 potrebbe essere l’anno della definitiva conferma. L’anno scorso, infatti, secondo Kpmg, il finanziamento alle startup FinTech ha raggiunto i 20 miliardi di dollari, in aumento del 66% rispetto ai 12 miliardi registrati nel 2014. Le nuove tecnologie potrebbero, inoltre, eliminare in futuro fino al 30% dei posti di lavoro nel settore bancario, secondo una recente ricerca di Citigroup. Ma chi sta minacciando i comparti tradizionali del lavoro? Un gruppo di esperti ha stilato anche quest’anno la lista FinTech 50, che comprende le aziende più disruptive, che “stanno trasformando i servizi finanziari” in Europa.

Adyen
Adyen è una società olandese di pagamenti internazionale fondata nel 2006, che conta Uber, Spotify e Facebook tra i suoi clienti. La società offre servizi di pagamento sul desktop, mobile e in-store. L’anno scorso ha raccolto denaro da fondo di gestione patrimoniale chiamato Iconiq. Si tratta di un “unicorno” del valore di 2,3 miliardi di dollari.

TransferWise
TransferWise è un servizio di trasferimento di denaro peer-to-peer descritto dalla lista FinTech 50 come uno delle soicetà più “rivoluzionario nel Fintech”. La società con sede a Londra permette agli utenti di trasferire denaro tra i diversi confini e valute a costi inferiori rispetto alle banche tradizionali. L’anno scorso TransferWise ha raccolto 58 milioni di dollari da investitori guidati dalla società di venture capital americana Andreessen Horowitz. Dopo l’ultimo round di finanziamento di circa 26 milioni di dollari (per un totale di finanziamenti nei vari round di 117 milioni), la startup ha raggiunto una valutazione di ben 1,1 miliardi.

Nutmeg
Nutmeg è stata inserita nella lista “di società di investimenti on-line”. La start-up britannica è un gestore patrimoniale regolata dal Financial Conduct Authority (Fca). Nutmeg ha di recente tagliato le sue tariffe e ha detto che presto introdurrà un servizio di consulenza digitale per gli investimenti automatizzato, o robo-advisor.

Currency Cloud
Currency Cloud è un’altra start-up nel settore dei pagamenti. L’azienda britannica offre trasferimenti di denaro per le imprese. Essa si pone come un rivale per le banche che di solito svolgono questa transazione. Fondata nel 2012, Currency Cloud trasferisce circa 15 miliardi l’anno e ha più di 125 clienti. La startup ha raccolto 18 milioni di dollari l’anno scorso da Sapphire Ventures e dall’e-commerce giapponese Rakuten.

iZettle
iZettle è una società di pagamenti che offre alle aziende con una sorta di Pos che si attacca in tablet o smartphone, consentendo alle aziende di eseguire da dispositivi mobili. È simile alla startup americana Square che è stata fondata dall’amministratore delegato di Twitter, Jack Dorsey. Ma lo stesso a.d. di iZettle, Jacob de Geer, ha recentemente dichiarato che la società è diversa da Square, così come opera in regioni distinte: “Siamo focalizzati sull’Europa, un mercato totalmente differenti rispetto a Square”. Lo scorso agosto la startup svedese ha raccolto 60 milioni di euro ed è sostenuto da aziende come MasterCard e Santander.

WorldRemit
WorldRemit è la startup che ha lanciato la sfida a player come Western Union. La società britannica permette agli utenti di inviare denaro tramite un’app in tutto il mondo a conti bancari o cosiddetti portafogli mobili, a costi bassi. WorldRemit ha raccolto 45 milioni di dollari per finanziare l’espansione in un mercato potenzialmente enorme. Quest’anno i “migranti” internazionali invieranno circa 601 miliardi di dollari alle loro famiglie in altri Paesi, con i Paesi in via di sviluppo che riceveranno 441 miliardi di dollari secondo la Banca Mondiale.

eToro
eToro è una piattaforma di investimento che si autodefinisce un “social network di trading”. Consenteagli utenti di copiare le strategie trading di altri operatori di successo. Gli investitori possono scambiare valute, materie prime, indici e cfd azionari online.

Funding Circle
Funding Circle è uno dei molti istituti di credito P2P spuntati negli ultimi anni. L’azienda britannica fa da tramite tra gli investitori di piccole e medie imprese e, a partire da dicembre, ha prestato circa 1,4 miliardi di dollari alle imprese. “Siamo impegnati a creare opportunità per le piccole imprese che non esistevano prima”, ha sottolineato James Meekings, amministratore delegato e co-fondatore della startup. Funding Circle ha oltre 48.000 investitori, tra cui la British Business Bank.

Klarna
Klarna è una società di pagamento che sta sfidando direttamente a PayPal. La sua missione è “semplificare i pagamenti”. Gli utenti di Klarna non hanno bisogno di registrarsi e possonoeffettuare un ordine semplicemente inserendo il proprio codice di avviamento postale e la propria mail. Una volta arrivato il prodotto, gli utenti possono scegliere quando vogliono pagare entro un periodo di 14 giorni. L’anno scorso, la startup svedese ha ricevuto una valutazione di circa 2,25 miliardi di dollari dopo che venture capital come Northzone, Wellington Gestione e Wellcome Trust hanno acquistato 80 milioni di dollari di azioni della società.

Zopa
Zopa è stato uno dei primi istituti di credito peer-to-peer a comparire nel lontano 2004. La società britannica è un rivale di Funding Circle e fino ad oggi ha prestato 1,8 miliardi di dollari. Zopa ha registrato un balzo dei ricavi da 5,4 milioni di sterline in 2013 a circa 11,5 milioni di sterline nel 2014.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti e Fintech nell’era di Mifid 2: se ne parla alla Tol

Tra Fintech e Mifid 2: le nuove regole del gioco a ITForum Milano

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Satispay, Credimi, Moneyfarm e altre fintech finiscono in Parlamento

Il Fintech in un limbo. Ci vogliono regole

Arriva il primo Master in Digital Innovation e Fintech: ecco tutto quello che c’è da sapere

Ubs organizza una nuova challenge a tema fintech

Milano capitale europea del Fintech? Farebbe volare il marketplace lending italiano

Fintech dirompente, ma le banche non rinunciano al fattore umano

Nasce Supernovae Labs, il primo acceleratore fintech per banche e assicurazioni in Italia

La Consob mette in guardia sui rischi del fintech

I PIR senza Fintech? Ecco perché sono monchi

Singapore e Francia più vicine nel Fintech

Intelligenza artificiale: il consulente bancario rischia di essere sostituito dai chatbot?

Hong Kong: troppo comoda e moderna per il Fintech

FinTech, le società globali di servizi finanziari prevedono un aumento delle partnership

Verso una strategia europea per il Fintech. La commissione UE avvia una consultazione pubblica

Banche, come sopravvivere nell’era digitale

Deutsche Bank apre un Innovation Lab a New York

Goldman Sachs offre lavoro a chi sa sviluppare un robo-advisor

Deutsche Börse punta negli investimenti Blockchain e A.I.

Accordo di cooperazione nel Fintech fra Singapore e Giappone

Source punta sul Fintech con un Etf

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

Source lancia l’ETF specializzato nel FinTech

FinTech, 10 comunity da seguire su Facebook

JD Finance pronta a camminare da sola

FinTech e Banche. Amicizia possibile?

Fintech, Intesa Sanpaolo tra le 7 banche top al mondo nella trasformazione digitale

Insurtech: il nuovo volto delle assicurazioni

Visa lancia la prima Everywhere Initiative in Europa

Mastercard e Oracle insieme per fornire pagamenti senza intoppi

Moneyfarm scelto da Uber per offrire consulenza finanziaria e pensione integrativa ai suoi autisti

Ti può anche interessare

Fintech, Intesa Sanpaolo tra le 7 banche top al mondo nella trasformazione digitale

L’attenzione di Intesa Sanpaolo al fintech ha evidentemente portato vantaggi tangibili, visto ...

Il mercato dei capitali ha fame di PMI italiane, Epic le chiama a raccolta online

Gli investitori aderenti a Epic, private investment community dell’economia reale, vogliono invest ...

T. Rowe Price inaugura il Technology Development Center a New York

T. Rowe Price, asset manager globale indipendente fondato a Baltimora nel 1937, con un patrimonio in ...