Salvare il risparmio gestito? i Bot ci provano

A
A
A

I Bot si configurano come un salvagente. A torto o a ragione sono ormai l’approdo più di tendenza, stando anche a sentire le recenti scelte di allocazione del patrimonio delle principali società di gestione mondiali. In Italia quale ruolo possono giocare?

di Matteo Chiamenti29 gennaio 2009 | 17:30

Tantissimi e svariati pareri sono stati dati sulla crisi mondiale del risparmio gestito. Cause più o meno chiare, portano ad un tripudio di pareri talvolta contrastanti. Che fare all’interno di un calderone di questo tipo? Il buonsenso, unito alla logica dei grandi numeri e a qualche goccia di conformismo didattico, genera la cosiddetta opinione comune. Ebbene, è opinione comune che in Italia la situazione sia più critica rispetto all’estero, per una serie di motivi.

Banche ed assicurazioni sono padri e padroni. E’ indubitabile la loro incidenza all’interno della maggioranza delle sgr italiane; una struttura proprietaria stabilmente ancorata a questi intermediari, con esclusività di accesso alla distribuzione e spazi molto limitati per manovre commerciali autonome. Secondo punto: questione fiscale. Disparità palese di trattamento tra i fondi di diritto italiano e quelli di diritto estero: continue richieste di armonizzazione finora rimaste inascoltate, finalizzate principalmente allo spostamento della tassazione sui rendimenti realizzati, anziché su quelli maturati. Magari le riforme ci saranno, ma siamo sicuri che l’Italia sarà in grado di rimettersi in marcia, all’interno di un mercato che sta diventando sempre più competitivo e reattivo?

Per ora a tenere in piedi l’italica comitiva ci pensano i cari e vecchi Bot. Pur offrendo rendimenti reali praticamente prossimi allo zero, possono fungere da salvagente per due motivi. Il primo è la capacità di configurarsi come ancora di salvezza per patrimoni allo sbaraglio; una sorta di limbo isolano di facile approdo, dove i navigatori possono sostare in attesa che il mare si calmi. Il secondo punto è conseguenza del precedente: rinfrancati nell’animo dal ritorno di sicurezza dell’investimento, potrebbe rinascere il desiderio di allontanarsi dall’isola riprendendo la via del mare, alla ricerca di leccornie e scenari più gratificanti. Potrebbe nascere un rinnovato, più maturo, “sentire” (o sentiment, per accontentare le smanie anglofone) da parte del risparmiatore e la conseguente opportunità di iniziare finalmente un percorso, anche culturale, verso il risparmio di lungo termine. Questo passaggio si rivelerebbe fondamentale, in quanto il pubblico italiano, per esempio, non è ancora mentalmente abituato ai nuovi pilastri del welfare nazionale, sempre meno premiante per le future generazioni. Se è vero che il progresso non è altro che brancolare da un errore all’altro (Ibsen), allora possiamo dirci fiduciosi.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, ecco i migliori di Piazza Affari

Fondi, in Europa è già record

Fondi comuni, che stangata in dieci anni

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Più fondi e meno bond nel portafoglio degli italiani

Intesa Sanpaolo cede il suo 50% di Allfunds Bank per 900 milioni

Arriva il sito che ti dice come risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Raccolta, le polizze battono i fondi

BlackRock scalda i motori per l’Investment Tour 2017

Degroof Petercam: 5 buoni motivi per puntare sui bond corporate high yield in euro

Volete far centro in borsa? Puntate su titoli noiosi

La Brexit fa paura: disinvestimenti netti per 3,5 miliardi di sterline dai fondi inglesi in giugno

Fondi: non si arresta la fuga dagli azionari, ecco dove stanno andando i flussi globali

Azimut Trend Italia recupera parte del terreno perso da inizio anno

Plurima Junior Resources Fund termina giugno in grande rimonta

Assoreti, raccolta stabile a maggio

Fonditalia Euro Financials paga cara la Brexit

Gestielle Obiettivo Europa approfitta della volatilità per rimbalzare

Fondi aperti, 13 miliardi raccolti in un trimestre

Fonditalia Euro Bond Long Term R, il rialzo prosegue

Generali sul tetto d’Europa

Aberdeen Global Select Emerging Mkt Bond A1 in ripresa da inizio anno

Materiali industriali in ripresa, Amundi ringrazia

Zenit Pianeta Italia I riduce il rosso da inizio anno

Interfund Equity Japan A prova a ripartire

Eurizon Azioni Salute prova a ripartire

Anima Bluebay Reddito Emergenti cavalca il rimbalzo

Anima Traguardo 2017 Cedola 4 III recupera terreno

Oddo European Banks ringrazia la Bce e spicca il volo

Alkimis Capital Ucits Coupon dimezza il calo da inizio anno

Bnl Azioni Europa Dividendo in ripresa, ma ancora non basta

Promotori, training class: mettetevi alla prova con il benchmark dei fondi comuni d’investimento

Fonditalia Equity China R risale la china

Ti può anche interessare

Fondi, nasce un gigante italiano

Allo studio un’aggregazione BancoBpm, Poste, Anima e Cdp per dar vita ad un gruppo da 170 miliardi ...

Carmignac: niente rischi di bolla nel settore tech

Il settore tech è risultato uno dei principali beneficiari dello scenario di scarsa crescita degli ...

Due nuovi fondi per Ubi Pramerica Sgr

Si tratta di due nuove soluzioni di investimento che puntano sulla gestione attiva e su un’ampia d ...