Eurizon leader in Europa per la raccolta sui fondi

A
A
A

La società di gestione ha presentato i dati 2016. Il patrimonio è salito a 290 miliardi (+9%) mentre i flussi netti sono stati positivi per 18 miliardi.

Andrea Telara di Andrea Telara21 febbraio 2017 | 11:27

Patrimonio gestito a 290 miliardi di euro (+9%) e raccolta netta del 2016 oltre i 18 miliardi di euro, di cui circa 6 miliardi nell’ultimo trimestre. Sono i principali dati del 2016 di Eurizon Capital, società di gestione del gruppo Intea Sanpaolo che si è confermata leader nel asset management italiano. L’utile netto è stato di 368 milioni di euro e la società è stata leader in Europa per raccolta nel segmento dei fondi comuni (dati Morningstar). Nel 2016 la società guidata da Tommaso Corcos ha continuato l’espansione all’estero.

In Cina, la controllata Penghua ha chiuso l’anno con volumi di raccolta superiori ai 23 miliardi di euro e con un patrimonio di circa 84 miliardi, che portano il perimetro di Eurizon Capital a superare i 370 miliardi di euro complessivi. La presenza in Cina, inoltre, è stata arricchita nell’ultimo trimestre del 2016 dalla partecipazione del 20% in Yicai, società di Wealth Management che fa capo al Gruppo Intesa Sanpaolo. Eurizon SLJ Capital LTD, controllata londinese operativa dallo scorso luglio, ha chiuso il 2016 con un patrimonio di circa 8,5 miliardi di euro di mandati di gestione e servizi di advisory. Nel 2016 Eurizon Capital ha aperto una nuova branch a Parigi, ha avviato le procedure per una succursale a Francoforte e per il collocamento della propria gamma prodotti in Svizzera. In Spagna, nei Paesi del Nord Europa e in America Latina, in particolare in Cile, è stata rafforzata la presenza del brand, grazie a partnership con distributori locali. Infine, Eurizon Capital ha ottenuto con la sua succursale a Hong Kong le licenze per svolgere l’attività di gestione prevista per il primo semestre 2017.

“Il 2016”, ha dichiarato Tommaso Corcos, amministratore delegato di Eurizon Capital, è stato un anno di risultati importanti. Grazie alla collaborazione delle reti dei collocatori e all’intenso lavoro svolto dalla squadra di Eurizon Capital in Italia e all’estero -abbiamo confermato la capacità di competere e crescere in ambito internazionale. Nei dodici mesi trascorsi abbiamo raggiunto un livello record di patrimonio e lanciato il maggior numero di prodotti nella storia della società.” “Intendiamo continuare a potenziare i presidi sui mercati che riteniamo strategici”, ha aggiunto Corcos, “per essere vicini ai nostri clienti in ambito internazionale con un’offerta in continua evoluzione per creare valore per gli investitori. In particolare, con le soluzioni Pir compliant, oltre ad apportare beneficio ai risparmiatori daremo supporto al tessuto industriale italiano, a conferma del nostro ruolo a sostegno dell’economia reale.”

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mifid 2, anche Eurizon si fa carico dei costi di ricerca

Eurizon Capital, una crescita su tutti i fronti

Eurizon Capital, patrimonio in crescita e utile in leggero calo

Ti può anche interessare

Il Fintech piace, ma il consulente resiste

Secondo la quinta edizione della Global Investment Survey 2017, realizzata da Legg Mason Global Asse ...

Risparmio gestito, Poste tallona Intesa Sanpaolo

Sul terzo gradino del podio si posiziona il gruppo Amundi con 997 milioni di euro. Generali mantiene ...

Deflussi miliardari? La spiegazione di Aberdeen Standard Investments

Precisazione della casa di gestione sui riscatti di posizioni registrati quest’anno tra i clienti. ...