Neuberger Berman: azionario Usa, prospettive positive

A
A
A

Secondo Joe Amato, i risultati del quarto trimestre sono incoraggianti e le previsioni per i titoli azionari americani restano solide.

Chiara Merico di Chiara Merico22 febbraio 2017 | 15:26

AZIONARIO IN MIGLIORAMENTO – Considerando i fondamentali, l’azionario americano sta migliorando costantemente, spiega Joe Amato, chief investment officer Equities di Neuberger Berman. Mentre si avvicina la fine della stagione delle trimestrali, la crescita degli utili dell’indice S&P 500 è di oltre il 5%. È dall’ultimo trimestre 2014 che lo S&P 500 non vedeva una crescita degli utili anno su anno per due trimestri consecutivi. È vero che le previsioni dei manager sono state caute, e ciò è comprensibile vista l’incertezza politica, ma le conferenze stampa delle società per discutere i risultati finanziari sono state positive. Questi sviluppi stanno dando ossigeno al mercato azionario USA ed i settori finanziario, tecnologico e sanitario stanno facendo i maggiori sforzi. Nelle retrovie troviamo i titoli energetici e gli industriali ma perfino qui c’è spazio per l’ottimismo, visto che i cali nei prezzi delle commodity, ad esempio, sono stati di molto inferiori rispetto ai trimestri precedenti. Inoltre, gli indicatori dell’inflazione sono al rialzo così come altre misure di crescita economica come gli indici di produzione manifatturiera (PMI). L’inflazione, in particolare, aiuta la crescita nominale e vale la pena ricordare che le relazioni prodotte dalle aziende sono in dollari nominali, non “reali”. Con l’inflazione in crescita, la Federal Reserve è stata impegnata nel rendere note le sue intenzioni sulla politica dei tassi d’interesse senza dire nulla in realtà. Con ogni probabilità la prossima mossa non sarà a marzo, più facilmente a maggio o giugno. Il settore finanziario, e le banche in particolare, sono molto sensibili ai movimenti a breve termine dei tassi, dato che qualsiasi cambiamento ha un effetto quasi immediato sui ricavi (un’altra ragione per cui questo settore sta sperimentando una ripresa).

RIFLESSI POSITIVI SULL’EUROPA – I mercati internazionali hanno anch’essi beneficiato dell’aumento del mercato americano, con l’Europa e l’Asia che continuano a migliorare grazie al sostegno della politica accomodante della banca centrale e ai dati più positivi. Oggi c’è infatti un recupero più sincrono della crescita globale rispetto a quanto è stato per un certo numero di anni. Naturalmente gli eventi che scorgiamo all’orizzonte potrebbero far deragliare dal sentiero, specialmente in Europa con le molte elezioni previste; il trend generale però, almeno ad ora, è al rialzo, sottolinea Amato. Dall’esito delle elezioni americane, a sostenere la ritrovata esuberanza del mercato sono state le proposte in corso di discussione dall’amministrazione per riformare il codice fiscale, alleviare la pressione normativa ed investire maggiormente in progetti infrastrutturali. Sono queste le tre iniziative su cui i mercati hanno acceso i riflettori. Tuttavia non mancano le preoccupazioni per il tempo che richiederà metterle in pratica, che potrebbe essere più lungo del previsto. A complicare ulteriormente questo quadro si aggiunge il movimento per abrogare e sostituire l’Obamacare. Sembra essere questa la priorità in agenda, in modo particolare per i rappresentanti repubblicani alla Camera, il che potrebbe ritardare alcune priorità dell’amministrazione con la conseguenza che i mercati potrebbero sentirsi frustrati dalla mancanza di progressi su tasse, normativa ed infrastrutture.

PREVISIONI SOLIDE – L’incertezza ha fatto emergere alcune preoccupazioni per le valutazioni dei titoli azionari USA. È vero, i multipli P/E sono più alti della loro media storica, all’incirca tra le 17 e le 18 volte gli utili. Ma se gli utili si dimostreranno incoraggianti non vediamo ragioni per preoccuparsi troppo. Naturalmente è consigliabile un certo grado di cautela. Se la crescita o l’inflazione accelerassero troppo velocemente la Fed potrebbe alzare i tassi prima, esercitando pressione sul dollaro, ma ci aspettiamo che la Fed resti accomodante e cauta nel suo approccio. Mentre i titoli dei giornali continueranno ad essere dominati dalla politica, occorre restare ancorati alla realtà. I risultati del quarto trimestre sono incoraggianti e le previsioni per i titoli azionari americani restano solide, conclude Amato.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

NB Academy, al via il roadshow di Neuberger Berman

Neuberger Berman: attenti a non avere portafogli troppo poco diversificati

NB Renaissance Partners raggiunge il target per il fondo NB Renaissance Partners (Annex) SCSp

Neuberger Berman: la Fed non porterà via la coppa del punch dal tavolo

Neuberger Berman lancia un comparto sulle strategie decorrelate

I fondi di Neuberger Berman entrano nella rete di Sol&Fin

Coppia di prodotti alternativi da Neuberger Berman

Neuberger Berman: cosa accadrà dopo il voto olandese?

Nuovo fondo obbligazionario per Neuberger Berman

Neuberger Berman: pro e contro della vittoria di Trump

Neuberger Berman amplia la sua offerta multi-asset

Neuberger Berman: Trump, quello che i mercati temevano

Neuberger Berman: azionario Usa, gli scenari del dopo voto

Neuberger Berman lancia il fondo Global High Yield Bond

Neuberger Berman, Turchia: rischi di un un ribasso del rating

Brexit, Neuberger Berman: “Il danno sarà limitato”

Neuberger Berman, il mercato immobiliare quotato ha potenzialità di rialzo

Neuberger Berman: i titoli europei possono essere una buona fonte di valore

Consultinvest, accordo con Neuberger Berman

Neuberger Berman: Brasile, verso la fine dello stallo politico

Neuberger Berman che colpo: Fideuram ISPB distribuirà i suoi prodotti

Marks (Neuberger Berman): vi spiego tutto sui titoli ibridi

Banche europee o Usa? Le più solide sono…

Neuberger Berman, arriva da Pimco il neo responsabile marketing Emea

Neuberger Berman lancia il fondo UCITS Corporate Hybrid Bond

Neuberger Berman, al via da Bari il nuovo roadshow

Neuberger Berman lancia in Italia il fondo Global Credit Long/Short

Neuberger Berman: spegnete la tv, il panico non porta consiglio

La Cina fa bene a Neuberger Berman

Neuberger Berman si butta nel private equity italiano con Intesa Sanpaolo

Neuberger Berman, l’inflazione negli Usa torna protagonista

Neuberger Berman, al via un nuovo Ucits liquid alternative

Avanzo Barbieri (Neuberger Berman): perché il nostro non è un roadshow come gli altri

Ti può anche interessare

Dnca punta sulle convertibili con un nuovo fondo

Il fondo presenta un universo d’investimento su scala globale, con almeno il 50% dei titoli denomi ...

Axa Italia pensa al welfare aziendale nelle Pmi

La soluzione consente agli imprenditori di offrire piani di protezione ai propri dipendenti, per aiu ...

Pictet, al Salone del Risparmio il pilota di F1 Marc Gené

Il collaudatore della Ferrari parlerà assieme al gestore Delitala di performance e controllo. ...