Risparmio gestito – In bilico tra crisi e ripresa

A
A
A

Ecco un estratto della nota di strategia di Pictet Funds si giugno. Andrea Delitala e Marco Piersimoni, investment advisory di Pictet Funds, ci presentano le prospettive macroeconomiche attuali.

di Matteo Chiamenti30 giugno 2009 | 10:00

La ripresa del ciclo economico continua a ricevere conferme. Il netto miglioramento degli indicatori di fiducia preannuncia una stabilizzazione dell’attività industriale imminente nei paesi sviluppati; come segnalato il mese scorso, le economie asiatiche sono già sul sentiero di crescita positiva.

Il recupero ciclico dell’Asia è evidente su una ampia scala: esso comprende Cina, Giappone e buona parte delle economie più piccole. L’economia cinese è in progresso rispetto ad un già decente primo trimestre, con crescita superiore al 6%. Gli indicatori anticipatori (indici PMI) confermano il segnale di espansione. Risulta interessante il carattere più marcatamente domestico di questa ripresa, con domanda interna e investimenti al momento più dinamici rispetto alle esportazioni. Il canale estero ha bisogno di una ripresa più convincente della domanda americana ed europea, al momento ancora da verificare. Una delle grandi paure di fine 2008/inizio 2009 è stata probabilmente vinta: non abbiamo avuto i temuti grossolani errori di politica economica da parte di un paese non uso ad un ciclo economico negativo. Alcune misure recenti, come quelle indirizzate a contenere l’eccesso di capacità produttiva in settori chiave come l’acciaio, hanno mostrato una capacità di management economico probabilmente migliore rispetto a quanto ci si poteva attendere. Nella vicina Hong Kong, è stato approvato un nuovo piano fiscale (circa 1% PIL 2009) con l’obiettivo di sostenere la domanda interna, a fronte di una domanda estera in stabilizzazione. L’economia giapponese è infine in recupero, soprattutto dal punto di vista della attività industriale. Il segnale del mese precedente è stato confermato, anche in Aprile la produzione industriale è cresciuta in maniera robusta, (5,2%) aprendo definitivamente la porta per un secondo trimestre ottimo. In questo caso, il canale principale è quello estero, per il quale ha parzialmente giovato la fine del rafforzamento dello yen.

I segnali positivi in USA ed Europa risultano oramai convincenti, mentre resta piuttosto preoccupante la condizione del mercato del lavoro che non accenna a migliorare in maniera significativa. Tradizionalmente l’occupazione è tra le ultime a mostrare segni di ripresa, in quanto le imprese attendono segnali concreti prima di ricominciare il processo di espansione. In questa lunghissima fase discendente, la distruzione di posti lavoro è stata davvero impressionante, riportando i tassi di disoccupazione a livelli non visti da anni (9,2% in area Euro, 9,4% in USA). Guardando in particolare al mercato del lavoro americano, sembra purtroppo chiaro che la situazione non migliorerà a breve: le richieste di sussidi di disoccupazione, solitamente affidabile nell’indicare la direzione del mercato del lavoro, continuano a segnalare tempi difficili. Tutto ciò, non depone a favore di una robusta ripresa della domanda per consumi, la quale rimane incagliata tra problemi occupazionali e la necessità di ricostituzione di un tasso di risparmio adeguato. Dal punto di vista più immediato, a ciò si aggiunge un deja vù: nelle ultime settimane, il prezzo del petrolio è tornato stabilmente verso quota $70, con impatto immediato sui prezzi finali.

Guardando al medio termine, è opportuno fare una considerazione sul costo dei piani di salvataggio e delle politiche fiscali sulle finanze pubbliche. Il FMI stima un deficit di bilancio per il 2009 superiore al 10% per le economie sviluppate, con previsioni di rientro lento nel 2010 (-8.7%). Il trasferimento di debito dal settore privato al pubblico, per quanto inevitabile, lascerà i governi con bilanci appesantiti per alcuni anni: quanto detto non depone a favore di un ciclo espansivo particolarmente brillante nel corso dei prossimi anni. 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs Wm vede all’orizzonte una correzione per l’euro

Ambrosetti, a Cernobbio il Forum fa il tagliando all’economia

Le criticità dei mercati alla prova dell’intelligenza del rischio

Peters: “La prossima crisi sarà devastante”

Successo di gruppo

Credit Suisse e Lbs scoprono chi ha reso di più come azioni e bond dal 1900 a oggi

Goldman Sachs AM, ecco i tre principali rischi sui mercati

Consultinvest: regola numero uno, guardare ai fondamentali

Schroders: la debolezza dei mercati dovuta al sentiment degli investitori

La volatilità: cos’è davvero e come funziona

Padoan e Lombardo al Salone del Risparmio: strada della ripresa ancora lunga

L’ondata di vendite? Colpa degli umori

Mercati, state sereni: ci penserà mamma Fed

Insider&mercati, l’outlook globale rimane positivo

Olli Rehn a BLUERATING: “ci aspettiamo che l’Italia continui così anche dopo le elezioni”

Investire sulle aziende che comunicano apertamente conviene

La Francia rischia di diventare il nuovo malato d’Europa

Decisioni d’investimento, assicurative e previdenziali

Democratici e Repubblicani divisi sul fiscal cliff

Stimoli monetari in grado di compensare i bassi utili

Il trading online, dallo Sputnik al World Wide Web (1930-1999)

Titolo da monitorare StMicroElectronics

Titolo da monitorare Fiat Industrial

Titolo da monitorare Banca Monte dei Paschi di Siena

Arriva Bluerating, la grande fuga da Banca Network

Titolo da monitorare Eni

Titolo da monitorare Snam

Titolo a monitorare Ubi Banca

Cipro è il quinto Paese a chiedere gli aiuti all’Europa

La Germania: l’altra faccia della locomotiva d’Europa

Lse: il direttore finanziario si dimette

Giappone rivede al rialzo le stime di crescita

Fitch: sforbiciata di tre gradini alla Spagna

Ti può anche interessare

Risparmio gestito: Allianz e Poste regine di febbraio

Terzo posto per il gruppo Intesa Sanpaolo. Generali registra nuovi deflussi dopo la ripresa di genna ...

State Street Global Advisors: perché è troppo presto per una reflazione globale

Il pacchetto di stimoli fiscali di Trump pone le basi per una possibile accelerazione delle maggiori ...

Classifiche Bluerating: Pioneer in testa tra gli azionari America Latina Large & Mid Cap

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della America Latina Large & Mid Cap, il miglio ...