Nomura in utile dopo 18 mesi, assorbiti i colpi di Lehman Brothers

A
A
A

Utile netto di 11,4 miliardi di yen per il colosso di Watanabe, dopo un anno e mezzo di rossi di bilancio. Dopo le acquisizioni a settembre delle attività europee ed asiatiche di Lehman Brothers, la cui integrazione costò 2 miliardi di dollari, si può finalmente affermare che Nomura si è ripresa dal colpo.

di Fabio Coco30 luglio 2009 | 09:20

Nomura Holding registra un inatteso +41% nel secondo trimestre del 2009 in termini di ricavi totali. La società giapponese ha, infatti, archiviato ricavi per 363,5 miliardi di yen nel secondo trimestre, mentre, su base annua, la crescita è stata del 120,9%. L’utile netto è stato pari ad 11,4 miliardi di yen (88 milioni di euro), ossia utili per azioni pari a 4,37 yen, contro il rosso nel secondo trimestre 2008, in cui il colosso finanziario chiuse il periodo con un -76,6 miliardi di yen. Nomura non chiudeva un trimestre in positivo da un anno e mezzo.
 
Si tratta di un risultato oltre le previsioni degli analisti. Nell’esercizio scorso, infatti, la società di Kenichi Watanabe aveva registrato una perdita pari a 709,4 miliardi di yen, un vero record negativo. Peraltro, lo scorso settembre, Nomura aveva rilevato le attività di banca d’investimento e di intermediazione di [s]Lehman Brothers[/s] in Europa e nel Medio Oriente.

Le attività asiatiche furono acquistate per 225 milioni di dollari, con la promessa di mantenere i circa 3.000 dipendenti del colosso fallito. Si trattò di un errore clamoroso per la più grande banca di brokerage giapponese. Il 23 febbraio, infatti, l’istituto di Watanabe annunciò un aumento di capitale da 291,2 miliardi di yen. La società dichiarò di emettere 375 milioni di azioni oltreoceano ed altri 341,4 milioni in Giappone, al fine di rafforzare il capitale. Nomura, in sostanza, dovette scontare 2 miliardi di dollari di costi per integrare le unità europee ed asiatiche acquisite dalla bancarotta di Lehman Brothers, fatica, a quanto pare, finalmente assorbita, come rileva l’utile trimestrale oltre le attese.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

AllianceBernstein lancia l’AB Financial Credit Portfolio

Il fondo si propone di cogliere le migliori opportunità, ponderate per il rischio, nel settore fina ...

Gli Etf piacciono alle reti

Tabanella (iShares): “Con Mifid 2 è cresciuto l’uso dei prodotti passivi” ...

A Castellano la guida di Zurich Italia

Camillo Candia, attuale ceo di Zurich Italia, coglie una nuova sfida nella divisione Audit del Grupp ...