Risparmio gestito – Virtù specchio dei peccati

A
A
A

Ecco il primo estratto della nota di Strategia di Pictet Funds del settembre 2009. Andrea Delitala e Marco Piersimoni, investment advisory della società, introducono il quadro macro.

di Matteo Chiamenti21 settembre 2009 | 10:00

In agosto e a inizio settembre i dati macroeconomici hanno rilevato ovunque e in modo coerente un recupero di fiducia e un livello di attività produttiva compatibile con la fine della recessione: la seconda parte di quest’anno vedrà di sicuro un’espansione del reddito reale e probabilmente di entità superiore alle attese ufficiali (il consensus viene via via migliorato). Langue invece il mercato del lavoro, tipicamente in ritardo ciclico, ma il dato occupazionale di giugno in US sembra essere un’eccezione negativa. Stiamo assistendo ad un circolo virtuoso in cui i miglioramenti finanziari e reali si influenzano reciprocamente: perfetta inversione della spirale viziosa dell’autunno 2008- inverno 2009.

La parte reale di questo fenomeno ha una certa inerzia e durerà almeno fino a inizio anno prossimo. Poi ci si attende un assestamento nel 2010 (ripresa a W) di entità non chiara anche se aumentano i fautori di una ripresa convinta a forma di V. I mercati hanno accolto il flusso estivo di notizie positive con una buona performance di tutte le attività rischiose, salvo qualche doveroso cambio di testimone (EM). Un fatto notevole, è che ciò sia avvenuto senza vistosi sacrifici per le obbligazioni di Stato normalmente penalizzate dal ritorno dell’appetito per il rischio. Qui ha giocato a favore sia l’assenza di (visibili) focolai d’inflazione sia la ribadita promessa dei banchieri centrali (in primis Bernanke appena riconfermato in carica) di gestire la futura normalizzazione delle politiche monetarie con molta circospezione.

Resta il fatto che le valutazioni degli asset finanziari sono complessivamente migliorate il che impone se non altro la consapevolezza che l’attuale combinazione di quotazioni azionarie e obbligazionarie è più difficili da sostenere di quanto non fosse tre mesi fa: le azioni incorporano crescite degli utili a 12 mesi ben sopra il 20%, i differenziali di rendimenti dei corporate bonds (IG) rispetto ai governativi è sotto il 2%, e in questo quadro i rendimenti dei titoli di Stato sono sotto il loro valore d’equilibrio.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, in Europa è già record

Fondi comuni, che stangata in dieci anni

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Più fondi e meno bond nel portafoglio degli italiani

Intesa Sanpaolo cede il suo 50% di Allfunds Bank per 900 milioni

Arriva il sito che ti dice come risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Raccolta, le polizze battono i fondi

BlackRock scalda i motori per l’Investment Tour 2017

Degroof Petercam: 5 buoni motivi per puntare sui bond corporate high yield in euro

Volete far centro in borsa? Puntate su titoli noiosi

La Brexit fa paura: disinvestimenti netti per 3,5 miliardi di sterline dai fondi inglesi in giugno

Fondi: non si arresta la fuga dagli azionari, ecco dove stanno andando i flussi globali

Azimut Trend Italia recupera parte del terreno perso da inizio anno

Plurima Junior Resources Fund termina giugno in grande rimonta

Assoreti, raccolta stabile a maggio

Fonditalia Euro Financials paga cara la Brexit

Gestielle Obiettivo Europa approfitta della volatilità per rimbalzare

Fondi aperti, 13 miliardi raccolti in un trimestre

Fonditalia Euro Bond Long Term R, il rialzo prosegue

Generali sul tetto d’Europa

Aberdeen Global Select Emerging Mkt Bond A1 in ripresa da inizio anno

Materiali industriali in ripresa, Amundi ringrazia

Zenit Pianeta Italia I riduce il rosso da inizio anno

Interfund Equity Japan A prova a ripartire

Eurizon Azioni Salute prova a ripartire

Anima Bluebay Reddito Emergenti cavalca il rimbalzo

Anima Traguardo 2017 Cedola 4 III recupera terreno

Oddo European Banks ringrazia la Bce e spicca il volo

Alkimis Capital Ucits Coupon dimezza il calo da inizio anno

Bnl Azioni Europa Dividendo in ripresa, ma ancora non basta

Promotori, training class: mettetevi alla prova con il benchmark dei fondi comuni d’investimento

Fonditalia Equity China R risale la china

Amundi vede l’Europa emergente in recupero

Ti può anche interessare

Carmignac: il giusto approccio ai mercati obbligazionari

Le strategie del fondo Portfolio Global Bond della casa di gestione francese ...

NN Investment Partners: Francia, i rischi di una presidenza Le Pen

Il dividendo politico della Francia consisteva sostanzialmente nel fatto che i mercati considerasser ...

Maldari (Aberdeen Am): small cap Usa, parola d’ordine selezione

Per il gestore chi investe in small cap si può attendere rendimenti più elevati ma anche un po’ ...